ASD AQUILEIA CALCIO

 

Giocare e far giocare il calcio è la nostra passione........

SCUOLA CALCIO

 

AQUILEIA - VILLA - TORRE

ASD AQUILEIA CALCIO

 

da noi trovi una delle migliori scuole calcio della Regione

ASD AQUILEIA CALCIO

 

GIOCANDO, IMPARANDO, INSIEME CRESCENDO



                       CALENDARIO ALLIEVI PROVINCIALI 2009-2010
GIORNATA DATA PARTITA RISULTATO
1  04/10/2009 AQUILEIA -  ARIS S.POLO  9 - 0
2 11/10/2009 FIUMICELLO - AQUILEIA    0 - 3 
3 18/10/2009 AQUILEIA - ISONZO   3 - 0
4 25/10/2009  FINCANTIERI - AQUILEIA   1 - 5
5  01/11/2009  AQUILEIA - MONFALCONE  5 - 1
6 08/11/2009  STARANZANO - AQUILEIA    0 - 5
7 15/11/2009  AQUILEIA  - PALMANOVA  5 - 1
8  22/11/2009 AQUILEIA - SAN CANZIAN  7 - 1
9  29/11/2009 PIEDIMONTE - AQUILEIA  0 - 7
10 06/12/2009  AQUILEIA - LUCINICO  1 - 0 
11  08/12/2009 CJARLINS M. - AQUILEIA   0 - 4
12  13/12/2009  AQUILEIA - RONCHI D.L. 0 - 1
13  20/12/2009 AUDAX S. - AQUILEIA  0 - 1
14 31/01/2010  ARIS SAN POLO - AQUILEIA   1 - 6
15 07/02/2010  AQUILEIA - FIUMICELLO   1 - 1
16  14/02/2010 ISONZO - AQUILEIA  1 - 2
17  21/02/2010  AQUILEIA - FINCANTIERI  1 - 0
18  28/02/2010  MONFALCONE - AQUILEIA  0 - 2
19  07/03/2010  AQUILEIA - STARANZANO   9 - 0 
20  14/03/2010  PALMANOVA - AQUILEIA   4 - 2 
21  21/03/2010 SAN CANZIAN - AQUILEIA    0 - 1 
22  11/04/2010 AQUILEIA - PIEDIMONTE    4 - 3 
23  18/04/2010  LUCINICO - AQUILEIA 0 - 8
24  25/04/2010  AQUILEIA - CJARLINS MUZZANE 6 - 0 
25  02/05/2010  RONCHI D.L. - AQUILEIA 1 - 0 
26  09/05/2010  AQUILEIA - AUDAX S. 2 - 1 

CAMPIONATO ALLIEVI GIRONE DI ANDATA


 
1° Giornata giocata 04/10/2009

2° Giornata giocata 11/10/2009


 1
 0
 3
 4
 1
 4
 AQUILEIA
 STARANZANO
 CJARLINS M.
 LUCINICO
 MONFALCONE
 PALMANOVA
 PIEDIMONTE
 ARIS S. POLO
 ISONZO
 SAN CANZIAN
 RONCHI D.L.
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 AUDAX S.
 9
 0
 0
 0
 3
 1
 0
 0
 0
 2
 12
 2
 0
 1
 2
 5
 0
 1
 4
 1
 PIEDIMONTE
 LUCINICO
 STARANZANO
 AQUILEIA
 PALMANOVA
 CJARLINS
 MONFALCONE
 ARIS S.POLO
 AUDAX S.
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 ISONZO
 RONCHI D.L.
 S. CANZIAN











 
3° Giornata giocata 18/10/2009

4° Giornata giocata 25/10/2009


 3
 2
 3
 5
 0
 2
 0
 AQUILEIA
 STARANZANO
 CJARLINS M.
 LUCINICO
 PALMANOVA
 PIEDIMONTE
 S. CANZIAN
 ISONZO
 MONFALCONE
 AUDAX S.
 ARIS S.POLO
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 RONCHI D.L.
 3
 2
 0
 0
 0
 0
 0
 0
 6
 4
 3
 3
 2
 4
 4
 1
 1
 1
 10
 1
 CJARLINS M.
 RONCHI D.L.
 S.CANZIAN
 AQUILEIA
 LUCINICO
 PIEDIMONTE
 PALMANOVA
 ARIS S. POLO
 AUDAX S.
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 ISONZO
 MONFALCONE












 
5° Giornata giocata 01/11/2009

6° Giornata giocata 08/11/2009


 2
 5
 0
 1
 0
 0
 3
 AQUILEIA
 CJARLINS M.
 LUCINICO
 PALMANOVA
 PIEDIMONTE
 RONCHI
 S. CANZIAN
 MONFALCONE
 FIUMICELLO
 ISONZO
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 ARIS S.POLO
 AUDAX S.
 5
 2
 0
 2
 1
 3
 2
 1
 4
 4
 0
 4
 0
 3
 1
 0
 7
 0
 2
 2
 5
 AUDAX S.
 AQUILEIA
 LUCINICO
 RONCHI
 CJARLINS M.
 PIEDIMONTE
 S. CANZIAN
 ARIS S. POLO
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 ISONZO
 MONFALCONE
 PALMANOVA












  
7° Giornata giocata 15/11/2009

8° Giornata giocata 22/11/2009


 1
 0
 3
 0
 5
 4
 2
 AQUILEIA
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 LUCINICO
 PIEDIMONTE
 RONCHI
 S. CANZIAN
 PALMANOVA
 FIUMICELLO
 FINCANTIERI
 MONFALCONE
 STARANZANO
 ISONZO
 ARIS S.POLO
 5
 3
 1
 0
 0
 4
 0
 1
 2
 9
 10
 1
 0
 0
 7
 4
 3
 4
 0
 3
 0
 S. CANZIAN
 LUCINICO
 RONCHI
 ARIS S. POLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 PIEDIMONTE
 AQUILEIA
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 ISONZO
 MONFALCONE
 PALMANOVA










 

 
9° Giornata giocata 29/11/2009

10° Giornata giocata 06/12/2009


 0
 6
 1
 2
 0
 2
 1
 ARIS S. POLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 LUCINICO
 PIEDIMONTE
 RONCHI
 S.CANZIAN
 ISONZO
 FINCANTIERI
 STARANZANO
 PALMANOVA
 AQUILEIA
 MONFALCONE
 FIUMICELLO
 2
 1
 2
 0
 0
 2
 0
 1
 4
 3
 3
 7
 0
 0
 1
 0
 7
 0
 1
 6
 2
 LUCINICO
 RONCH
 ARIS S.POLO
 FIUMICELLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 S. CANZIAN
 AQUILEIA
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 ISONZO
 MONFALCONE
 PALMANOVA
 PIEDIMONTE











 
 
11° Giornata giocata 08/12/2009

12° Giornata giocata 13/12/2009


 1
 1
 1
 2
 4
 4
 2
 ARIS S.POLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 FIUMICELLO
 LUCINICO
 RONCHI
 S. CANZIAN
 MONFALCONE
 STARANZANO
 AQUILEIA
 FINCANTIERI
 PIEDIMONTE
 PALMANOVA
 ISONZO
 5
 0
 0
 2
 3
 2
 0
 8
 2
 4
 2
 0
 0
 0
 0
 1
 4
 1
 0
 2
 0
 RONCHI
 ARIS S. POLO
 ISONZO
 S. CANZIAN
 FIUMICELLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 AQUILEIA
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 LUCINICO
 MONFALCONE
 PALMANOVA
 PIEDIMONTE












 
13° Giornata giocata 20/12/2009



 ARIS S. POLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 FIUMICELLO
 ISONZO
 RONCHI
 S. CANZIAN
 PALMANOVA
 AQUILEIA
 LUCINICO
 STARANZANO
 MONFALCONE
 PIEDIMONTE
 FINCANTIERI
 2
 0
 3
 2
 0
 7
 0
 6
 1
 2
 1
 2
 0
 4













CAMPIONATO ALLIEVI GIRONE DI RITORNO


 
1° Giornata giocata 31/01/2010

2° Giornata giocata 07/02/2010


 0
 5
 3
 1
 0
 6
 2
 ARIS S. POLO
 ISONZO
 SAN CANZIAN
 RONCHI D.L.
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 AUDAX S.
 AQUILEIA
 STARANZANO
 CJARLINS M.
 LUCINICO
 MONFALCONE
 PALMANOVA
 PIEDIMONTE
 1
 0
 2
 6
 3
 1
 2
 6
 2
 0
 0
 2
 0
 0
 1
 1
 0
 1
 0
 0
 2
 ARIS S.POLO
 AUDAX S.
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 ISONZO
 RONCHI D.L.
 S. CANZIAN
 PIEDIMONTE
 LUCINICO
 STARANZANO
 AQUILEIA
 PALMANOVA
 CJARLINS
 MONFALCONE












 
3° Giornata giocata 14/02/2010

4° Giornata giocata 21/02/2010


 2
 0
 1
 0
 6
 1
 3
 ISONZO
 MONFALCONE
 AUDAX S.
 ARIS S.POLO
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 RONCHI D.L.
 AQUILEIA
 STARANZANO
 CJARLINS M.
 LUCINICO
 PALMANOVA
 PIEDIMONTE
 S. CANZIAN
 1
 4
 2
 3
 4
 1
 9
 2
 0
 0
 2
 0
 0
 1
 7
 2
 0
 1
 0
 1
 1
 ARIS S. POLO
 AUDAX S.
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 ISONZO
 MONFALCONE
 CJARLINS M.
 RONCHI D.L.
 S.CANZIAN
 AQUILEIA
 LUCINICO
 PIEDIMONTE
 PALMANOVA












 
5° Giornata giocata 28/02/2010

6° Giornata giocata 07/03/2010


 0
 0
 10
 2
 0
 2
 0
 MONFALCONE
 FIUMICELLO
 ISONZO
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 ARIS S.POLO
 AUDAX S.
 AQUILEIA
 CJARLINS M.
 LUCINICO
 PALMANOVA
 PIEDIMONTE
 RONCHI
 S. CANZIAN
 0
 2
 2
 0
 6
 0
 2
 2
 0
 0
 5
 0
 8
 2
 6
 9
 0
 6
 2
 3
 1
 ARIS S. POLO
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 ISONZO
 MONFALCONE
 PALMANOVA
 AUDAX S.
 AQUILEIA
 LUCINICO
 RONCHI
 CJARLINS M.
 PIEDIMONTE
 S. CANZIAN












 
7° Giornata giocata 14/03/2010

8° Giornata giocata 21/03/2010


 1
 3
 3
 4
 2
 5
 2
 PALMANOVA
 FIMICELLO
 FINCANTIERI
 MONFALCONE
 STARANZANO
 ISONZO
 ARIS S.POLO
 AQUILEIA
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 LUCINICO
 PIEDIMONTE
 RONCHI
 S. CANZIAN
 4
 0
 6
 3
 2
 0
 0
 2
 1
 0
 3
 0
 2
 2
 0
 0
 0
 3
 1
 1
 1
 AQUILEIA
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 FIUMICELLO
 ISONZO
 MONFALCONE
 PALMANOVA
 S. CANZIAN
 LUCINICO
 RONCHI
 ARIS S. POLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 PIEDIMONTE












 
9° Giornata giocata 11/04/2010

10° Giornata giocata 18/04/2010


 8
 0
 10
 0
 0
 5
 1
 ISONZO
 FINCANTIERI
 STARANZANO
 PALMANOVA
 AQUILEIA
 MONFALCONE
 FIUMICELLO
 ARIS S. POLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 LUCINICO
 PIEDIMONTE
 RONCHI
 S.CANZIAN
 4
 4
 0
 1
 4
 1
 2
 0
 2
 4
 0
 3
 2
 1
 0
 8
 1
 0
 0
 0
 0
 AQUILEIA
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 ISONZO
 MONFALCONE
 PALMANOVA
 PIEDIMONTE
 LUCINICO
 RONCH
 ARIS S.POLO
 FIUMICELLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 S. CANZIAN












 
11° Giornata giocata 25/04/2010

12° Giornata giocata 02/05/2010


 0
 3
 4
 0
 3
 1
 1
 MONFALCONE
 STARANZANO
 AQUILEIA
 FINCANTIERI
 PIEDIMONTE
 PALMANOVA
 ISONZO
 ARIS S.POLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 FIUMICELLO
 LUCINICO
 RONCHI
 S. CANZIAN
 5
 1
 6
 2
 3
 0
 2
 2
 4
 0
 1
 0
 3
 1
 1
 4
 1
 5
 2
 3
 2
 AQUILEIA
 STARANZANO
 FINCANTIERI
 LUCINICO
 MONFALCONE
 PALMANOVA
 PIEDIMONTE
 RONCHI
 ARIS S. POLO
 ISONZO
 S. CANZIAN
 FIUMICELLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.












 
13° Giornata giocata 09/05/2010



 PALMANOVA
 AQUILEIA
 LUCINICO
 STARANZANO
 MONFALCONE
 PIEDIMONTE
 FINCANTIERI
 ARIS S. POLO
 AUDAX S.
 CJARLINS M.
 FIUMICELLO
 ISONZO
 RONCHI
 S. CANZIAN
 
 2
 6
 1
 2
 2
 3
 
 1
 2
 2
 0
 1
 1



































 







































































































 

























 












 



         CLASSIFICA ALLIEVI PROVINCIALI 2009/2010
POSIZIONE SQUADRA PUNTEGGIO
1 RONCHI D.L.   70  Gioc.26
2 AQUILEIA   67 Gioc.26
3 FINCANTIERI  65 Gioc.26
4 MONFALCONE  48 Gioc.26
5 AUDAX S. 47 Gioc.26
6 FIUMICELLO  46 Gioc.26
7 PALMANOVA  36 Gioc.25
8 SAN CANZIAN  26 Gioc.26
9 PIEDIMONTE  25 Gioc 26
10 STARANZANO  25 Gioc.26
11 ISONZO  23 Gioc.26
12 CJARLINSMUZANE  21 Gioc.26
13 ARIS SAN POLO  20 Gioc.25
14 LUCINICO. 7 Gioc.26
Palmanova penalizzato di 1 punto
Staranzano penalizzato di 1 punto 
 



  



 


 
Recupero della nona  di campionato, si gioca sul campo del Piedimonte .
Il Mister BRACH,  mette in campo questa formazione.
 
                         AQUILEIA                            
1 FEDEL
 
2 AMATRUDA
 
3 GIUNTA
 
4 DE PAOLI
 
5 VRECH
 
6 ZANINELLO
 
7 CARBONI
 
8 ANTONELLI
 
9 MICHELIN
 
10 FURLAN
 
11 DJORDJEVIC
 
12 FERRANTI
 
13 NOCENT
 
14 MORAS
 
15 RADEV
 
16 IACUMIN
 
17 VERGINELLA
 
 
 
 
 
Risultato 0 – 7 è stato un vero e proprio assedio alla porta avversaria, un plauso particolare al portiere avversario MONTAGNER , che con le sue parate ha evitato un passivo ancora più pesante per la sua squadra.
Passiamo alle azioni salienti, l’Aquileia inizia la gara da sinistra a destra per chi guarda dalle panchine, 2° minuto azione Furlan – Antonelli, con tiro di quest’ultimo dal limite dell’area e para bene portiere avversario, al 5° lancio lungo di Giunta per Furlan che si coordina e tira una bella botta verso la porta para il portiere. Al 10° angolo battuto da Giunta al centro dell’area pronta girata di Antonelli dal dischetto ma ancora lui il portiere avversario para. Al 15° bella triangolazione Antonelli – Furlan – Carboni sulla fascia sinistra con tiro di quest’ultimo poco sopra la traversa, 21° azione sulla dx Giunta – Furlan tira e palla che sfiora il palo avversario. Siamo arrivati al 26° palla lunga per Giunta che solo davanti al portiere lo salta ma al momento di concludere viene anticipato da un difensore. Al 34° contropiede del Piedimonte il nr.9 arriva sino d’avanti al nostro portiere calcia ma il bravo Fedel in uscita para. Siamo al 38°  e qui mi voglio soffermare di più su quanto accaduto, lancio lungo per Giunta che tutto solo si invola verso la porta avversaria ormai non ha più nessuno che lo segue, il portiere non può fare altro che uscire dai pali e in uscita lo stende arbitro giustamente decide che è rigore ma………. il provvedimento dov’è ?  nessun cartellino nemmeno il giallo!!!!!!! Incredibile chissà che regolamento leggono, che ci dicano anche a noi dove trovare quel tipo di  regolamento cosi ci teniamo aggiornati.
Tira il rigorista Vrech 0 – 1 palla alla destra del portiere. Passano pochi minuti ed è il raddoppio lancio lungo al centro dell’area per Antonelli che effettua una girata al volo e respinta del portiere d’istinto arriva Giunta come un falco che insacca 0 – 2 . Finisce qui il primo tempo .
Si comincia il secondo tempo, fotocopia del primo assedio alla porta avversaria siamo al 6° minuto lancio per Amatruda sulla destra pronto cross a centro area colpo di testa di Giunta e parata del portiere, al 10° Michelin comincia a far ballare la difesa avversaria con i suoi numeri da giocoliere arriva sino al portiere tira ma è più bravo di lui e para il tiro. Ora i ragazzi dell’Aquileia hanno in pugno la partita e si vede anche da come stanno giocando, divertendosi , ed è proprio in questo momento che esce il loro miglior calcio in effetti al 14° corner dalla dx lungo sull’ultimo palo per Zaninello che la rimette al centro sui piedi di Michelin che tutto solo insacca 0 – 3.
 Iniziano le girandole delle sostituzioni Nocent per Giunta Moras per Amatruda Ferranti per Fedel .
Al 20° triangolo Furlan Michelin con quest’ultimo che salta anche il portiere ed insacca comodamente in rete 0 – 4 , al 24° azione di Furlan sulla destra appoggia al centro per il liberissimo Antonelli che insacca 0 – 5 , altre sostituzioni entra Radev per Vrech e Iacumin per Antonelli.
Al 30° calcio di punizione a due nella nostra area di rigore causa retropassaggio al portiere tutti in barriera e palla su quest’ultima nulla di fatto, 31° contropiede di Carboni lanciato millimetricamente da Nocent solo d’avanti al portiere non sbaglia e lo infila 0 – 6 , al 34° da fuori area tira il sempre presente Djordjevic che fa la barba al palo, 37° azione di Iacumin al centro salta avversario vede smarcarsi sulla destra Carboni lo serve, quest’ultimo lancia al centro per Furlan che insacca il settimo goal 0 – 7, al 39° bel contropiede di Carboni che viene fermato…….. in area da difensore dando il tempo al portiere di uscire e far suo il pallone.
Finisce qui la partita 0 – 7 buona Aquileia con grinta e determinazione direi ottimi i primi 25 minuti anche senza reti si vedeva un buon calcio ad alti livelli complimenti!!!!!!! ed i restanti minuti come detto sopra quando loro si divertono sanno esprimere un calcio spettacolare BRAVI   
 
       
 
Settima di campionato, si gioca sul campo di casa, terreno in ottime condizioni.
Il Mister BRACH mette in campo questa formazione.
                         AQUILEIA                                      PALMANOVA
1 RAVELLI DAMIOLI
1 PITASSI
2 AMATRUDA
2 RAMOS
3 GIUNTA
3 RUGGIERO
4 DE PAOLI
4 GETTARDO
5 VRECH
5 CELIRI
6 NOCENT
6 BATTISTELLA
7 CARBONI
7 RAMOS
8 ZANINELLO
8 CEPALOVIC
9 MICHELIN
9 GALLARATI
10 FURLAN
10 RUGGIERO
11 DJORDJEVIC
11 RUZK
12 FEDEL
12
13 FERRANTI
13 DUBARBORA
14 VERGINELLA
14 CODARUN
15 VIDON RUSSIAN
15 DODORICO
 
16 COLAUTTI
 
17 TOLDON
 
18 GARBON
 
 
Passiamo alla partita, l’Aquileia gioca da sinistra a destra per chi guarda dalle panchine, i primi minuti di giuoco le squadre si studiano ed in effetti per vedere il primo tiro in porta si arriva sino al  12° minuto quando GIUNTA a centrocampo si impossessa del pallone e a testa bassa salta tutti ed arriva sino in porta e tira 1 -0.
Bella azione da goal al minuto 15° quando prende palla l’ottimo DJORDJEVIC alla ¾ di campo vede il movimento filtrante di CARBONI sulla fascia sinistra, viene servito con bellissimo pallonetto, si accentra, ma CARBONI solo d’avanti al portiere tira alto sopra la traversa.
Minuto 20° su calcio d’angolo battuta dal duo d’attacco MICHELIN – FURLAN, palla lunga sul secondo palo (palla perfetta), giunge un’attimo in ritardo ZANINELLO che pur di insaccare si butta in avanti con il corpo ma va a sbattere contro il palo e si infortuna ( tanti auguri ZEA).
Entra al posto di ZANINELLO VERGINELLA.
Minuto 23° azione da goal palla sui piedi di DJORDJEVIC uno due con FURLAN, cross sulla sinistra per CARBONI si accentra vede il portiere fuori dai pali e prova un pallonetto che prende la parte superiore della traversa e finisce fuori.
Da qui sino alla fine del primo tempo si è visto un buon fraseggio di azioni da parte del Palmanova, anche se non hanno mai impensierito l’estremo difensore Aquileiense, solamente al 40° su una punizione dal limite dell’area sulla parte destra, punizione battuta bene dal nr. 10 RUGGIERO ma altrettanto parato bene da RAVELLI, finisce il primo tempo sul risultato di 1 – 0.
Passiamo al secondo tempo al 3° minuto MICHELIN in possesso di palla sulla fascia sinistra dopo aver ubriacato 2 avversari  palla in dietro al limite dell’area sui piedi a CARBONI che tira ma esce fuori di poco alla sinistra del portiere.
Al 10° minuto si fa ammonire ingenuamente GIUNTA per aver tirato in porta dopo il fischio dell’arbitro (e su richiesta dei giocatori avversari).
Al 12 ° minuto arriva il raddoppio tutto di prima, DJORDJEVIC a centrocampo passa a MICHELIN si gira, passa a FURLAN che vede GIUNTA intrufolarsi tra le linee difensive avversarie gli da la palla tira in porta e sulla traiettoria vi è FURLAN che tocca quel tanto che basta per insaccare 2 – 0.
Al 15° CARBONI conquista una palla preziosa a centrocampo vede tutto solo dalla parte opposta cioè a sinistra VERGINELLA effettua un traversone millimetrico, palla stoppata egregiamente, due passi in avanti e gran botta di sinistro all’incrocio dei pali alla destra del portiere 3 – 0.
Al 18° esce GIUNTA entra VIDON.
Al 20° uno due tra MICHELIN e FURLAN entra in area MICHELIN fa impazzire la difesa e per loro non c’è altra soluzione che atterrarlo, rigore che tira egregiamente VRECH alla sinistra del portiere 4 -0.
Al 21° esce RAVELLI entra FEDEL.
Al 23 ° entra FERRANTI che sostituisce AMATRUDA, dolorante a causa di un fallo sulla schiena.
Al 28° palla sui piedi di FERRANTI sulla fascia sinistra che prova con un ottimo pallonetto a battere il portiere ma non ci riesce e mette in calcio d’angolo.
Al 40° quando ormai sembrava finita la partita su fraseggio del Palmanova palla sulla sinistra ottimo cross al centro per il nr. 10 che insacca di testa 4 – 1.
Ma ancora non è finita al 42° cioè in zona recupero rigore per l’Aquileia procurato da MICHELIN che dopo aver saltato 3 avversari in area di rigore viene fermato in maniera fallosa dall’estremo difensore del Palmanova rigore battuto bene da FURLAN spiazzando il portiere 5 – 1.
Finisce la partita, altri tre punti portati a casa.
 
Sesta di campionato, oggi si gioca sul campo di Staranzano, terreno non in ottime condizioni, reso molto pesante dalle piogge di questi ultimi giorni.
Mister BRACH deve fare i conti con l’influenza di stagione che mette KO 3 giocatori più uno squalificato, ed è cosi che il Mister si deve inventare questa formazione.
              AQUILEIA                               STARANZANO
1 FEDEL                                                1 TAMARRO
2 MORAS                                               2 AMATULLI
3 GIUNTA                                               3 TOMADUZ
4DE PAOLI                                            4 RICCARDI
5 VRECH                                               5 FERUGLIO
6 NOCENT                                            6 STURNIOLO
7VERGINELLA                                     7 MERK
8VIDONRUSSIAN                                8 AMMATUNA
9 MICHELI                                             9 MARSHEFTAJ
10FURLAN                                           10 STALLONE
11 DJORDJEVIC                                 11 GIULIANO
12RAVELLIDAMIOLI                           12
13 FERRANTI                                      13 ACAMPORA
14 RADEV                                            14 FINOCCHIARO
15                                                          15 SUZZI
 
Passiamo alla partita, l’Aquileia gioca da sinistra a destra per chi guarda dalle panchine, siamo al 5° minuto bella triangolazione fuori area FURLAN – MICHELIN – FURLAN tira in porta, ma purtroppo troppo centrale e para il portiere. Siamo all’ottavo minuto bella discesa di GIUNTA sulla fascia destra salta ( a modo suo) tre avversari si accentra in area tira di sinistro ma para bene il portiere TAMARRO. Passiamo al GOAL siamo al 13° minuto palla conquistata con grinta a centrocampo da GIUNTA che la lancia lunga verso la bandierina del calcio d’angolo di destra, dove però è in vantaggio su VIDON il difensore dello Staranzano, (ma come dico sempre io, crederci sempre fino all’ultimo) in effetti VIDON ci crede e su errore della difesa prende palla va sul fondo lancia in mezzo al libero FURLAN che non ci pensa due volte ed insacca 0 -1.
Dal 13° al 25° la partita ha un po’ di stanca anche se la squadra C’E’, in questi minuti non è mordente come al solito, in effetti lo Staranzano al 25° riesce a tirare in porta con RICCARDI, ma non impensierisce assolutamente FEDEL.
Al 30° punizione da fuori area tira DJORDJEVIC ma tira fuori dallo specchio della porta.
Al minuto 35° espulsione del nr. 8  AMATUNNA dello Staranzano, per proteste (ed altro) nei confronti dell’arbitro. Finisce il primo tempo 0 – 1 bene, MA……..si poteva fare di più.
Inizia il secondo tempo e dopo che Mister BRACH ha dato delle dritte ai suoi e chiesto di chiudere subito la partita, i suoi patriarchini entrano in campo con un altro spirito, con più grinta e determinazione, e sono proprio queste fondamentali caratteristiche che portano alla vittoria qualsiasi squadra, in effetti solo dopo due minuti palla conquistata a centrocampo da GIUNTA, la lancia sulla destra al limite dell’area per FURLAN che vede solo dalla parte opposta dell’area VIDON gli da la palla e quest’ultimo si fa trovare pronto con un piattone di destro ed insacca GOAL 0 – 2.
Siamo solo due minuti dopo e NOCENT dalla difesa lancia una bella palla sulla fascia sinistra per VERGINELLA che dopo aver effettuato un 1-2 con MICHELIN salta un’ulteriore uomo crossa in centro area per FURLAN che insacca 0 – 3 .
Al sesto minuto il portiere dello Staranzano si mette a fare il difensore e dopo aver driblato il nostro centroavanti tiraccia una palla al centro del campo che arriva proprio sui piedi di DJORDJEVIC che non ci pensa due volte e tira in porta, ma per fortuna dell’estremo difensore dello Staranzano riesce a parare in estremis.
Al 12° Calcio d’angolo dalla destra per l’Aquileia tira FURLAN cross perfetto al centro area palla sui piedi di VIDON che fa doppietta 0 – 4 .
Bene cosi ragazzi, vi avevo chiesto dopo il primo tempo qualcosa di più, altrimenti non avrei saputo cosa scrivere, ma se si va avanti di questo passo non mi bastano due pagine!!!!!!!!!!!
Al 15° azione in solitaria di VERGINELLA parte da centrocampo con la palla vi è davanti a lui una prateria, arriva sino in porta e di sinistro insacca 0 – 5.
Partono al 20° le sostituzioni esce VERGINELLA entra RADEV al 21° esce FURLAN ( tra gli applausi di tutti) entra FERRANTI ( da premettere che quest’ultimo gioca in un ruolo non suo, ma complimenti a lui che per la squadra si sacrifica).
Al 23° cross dall’angolo di MICHELIN, (una volta lo avevo definito il MAGHETTO, oggi ne ho avuto la conferma nasconde la palla a suo piacimento e a forza di movimenti di gambe fa girar la testa anche a chi lo guarda) tiro al volo di DJORDJEVIC che va sopra la traversa di poco.
Al 25° GOAL annullato ( secondo me regolare, e meritato) a FERRANTI che al volo aveva insaccato dalla parte opposta del portiere su cross di MICHELIN.
Al 28 ° ulteriore GOAL annullato a VIDON ( penso giustamente) per fuorigioco sempre su cross di MICHELIN.
Al 29° molta grinta anche in difesa (LA MURAGLIA oggi non si passava da nessuna parte) palla presa da DE PAOLI vede scattare lungo al centro del campo GIUNTA lo lancia fa tutto solo arriva davanti al portiere ma tira sul lato sinistro fuori di poco.
Esce al 38° il nr.10 dello Staranzano STALLONE che da uno scontro a centrocampo si infortuna     (gli faccio tanti auguri di pronta guarigione).
Finisce la partita 0 – 5 Bene cosi!!!!!!
Primo tempo da sufficienti e secondo tempo buono, cosa dire…… BRAVI, però ricordate che  la strada e ancora lunga denti stretti ( cosi non si Best……)  e pedalare. Alla prossima
 
 
 Terza di campionato per la categoria Allievi, oggi l’Aquileia gioca sul campo di casa contro l’Isonzo, celo sereno campo in ottime condizioni (come al solito), oggi Mister Brach decide di mettere in campo questa formazione:
 
RAVELLI tra i pali AMATRUDA – NOCENT – DE PAOLI – VRECH in difesa ZANINELLO – GIUNTA – DJORDJEVIC a centrocampo MICHELIN – FURLAN- VIDON  in attacco.
A disposizione FERRANTI – MORAS – VERGINELLA - CARBONI.
L’Aquileia inizia il primo tempo da sinistra verso destra ( per chi guarda dalle panchine).
Si parte, e le squadre all’inizio si studiano, ed è per questo che il primo tiro verso la porta avversaria lo tira DJORDJEVIC solamente all’8° minuto ma purtroppo alto sopra la traversa.
Per vedere un’azione degna di tale nome dobbiamo aspettare il 10° quando MICHELIN ruba palla a centrocampo punta l’uomo, vede solo VIDON gli da palla bella triangolazione con tiro verso la porta e parata del portiere. Siamo al 20° e da una palla conquistata caparbiamente a centrocampo da DJORDJEVIC vede FURLAN che si smarca bene sulla fascia destra cross lungo per quest’ultimo ,stoppa bene vede dietro al centro solo ZANINELLO gli passa la palla tiro forte verso la porta, sulla traiettoria c’è VIDON che con un piatto di destro insacca alla sinistra del portiere 1-0.
Qui la partita sembra avere un momento di stanca, ci sono si delle azioni verso la porta avversaria ma nulla di importante, ed in effetti solamente al 32° arriva una bellissima azione da goal dai piedi di AMATRUDA dalla fascia destra arriva un bellissimo cross verso il secondo palo giunge FURLAN che in acrobazia tira alto sopra la traversa. Passiamo al 40° palla sui piedi di MICHELIN che si trova sulla fascia destra, avanza salta un uomo, vede uno spiraglio verso la porta e tira, non è un tiro irresistibile, ma arriva sulla traiettoria FURLAN che davanti al portiere effettua una finta che inganna il numero 1 dell’Isonzo e la palla va in goal siamo sul 2-0. Finisce il primo tempo senza altre azioni da segnalare.
Inizia il secondo tempo e da entrambi le parti non ci sono sostituzioni, ora l’Aquileia spinge da destra a sinistra, ed al 2° minuto palla lunga di NOCENT sulla fascia destra arriva il pallone a MICHELIN che la copre bene si gira gran tiro di sinistro e palla sulla traversa. Due minuti dopo è l’Isonzo che cerca di spostare il suo baricentro più avanti, ma proprio per questo motivo che viene colpito in contropiede bella azione, da palla conquistata da FURLAN passaggio di prima a MICHELIN che la da a VIDON un secondo in ritardo poiché quest’ultimo era finito in fuorigioco.
Al 23° bella azione in velocità tra FURLAN – GIUNTA sulla fascia sinistra lancia sulla fascia destra MICHELIN che tira in porta e para il portiere. Al 25° bella azione sulla destra FURLAN vede solo al limite dell’area VIDON gli passa la palla, si gira bene e effettua un buon cross al centro per ZANINELLO che di testa manda fuori di poco. Minuto 31° esce ZANINELLO ed entra CARBONI, quest’ultimo entra già ben carico ed in effetti su bella azione che parte da centrocampo al 34° dai piedi di FURLAN vede solo andare in profondità CARBONI, lo serve si allunga bene la palla sulla destra e con un buon tiro insacca siamo sul 3-0. Da indicare solo la sostituzione esce NOCENT entra MORAS questo al 36°. Da qui alla fine più nulla.
Ora vorrei dire due righe di opinione personale.
Buona Aquileia con un buon possesso palla, forse un po’ troppo leziosi il gioco doveva essere un po’ più velocizzato, cosa che di solito facciamo.
Isonzo ordinato ma con poche idee da centrocampo in su.
TRE su TRE , 9 punti portati a casa bene ragazzi avanti cosi.
     
 
Ci siamo, oggi quinta di campionato scontro al vertice tra l’Aquileia e il Monfalcone entrambe appaiate in vetta con 12 punti.
Campo in ottime condizioni cielo sereno ore 10.30 si inizia.
Mister BRACH decide di mettere in campo questa formazione:
RAVELLI in porta, in difesa partendo da destra a sinistra AMATRUDA, DE PAOLI, VRECH e CARBONI, al centro campo alla destra GIUNTA al centro ZANINELLO e DJORDJEVIC ala sinistra VERGINELLA in attacco MICHELIN e FURLAN a disposizione FERRANTI, MORAS, VIDON, ANTONELLI, NOCENT e FEDEL.
L’Aquileia gioca da sinistra verso destra per chi guarda dalle panchine.
L’arbitro fischia l’inizio e subito il Monfalcone si rende pericoloso con tiro alto sopra la traversa, (huu…!!!!! ragazzi se questo è l’inizio si mette male), ma neanche il tempo di pensare che al 5° minuto VRECH lancia una palla lunga sulla tre quarti della fascia sinistra, la palla viene tenuta in campo con molta grinta e caparbietà da FURLAN si accentra verso la porta, da dietro la palla  all’ accorrente MICHELIN (una palla d’oro) che non ci pensa due volta a tirare e insacca 1-0.
È sempre l’Aquileia a tenere in mano le redini dell’incontro in effetti al 18° arriva il secondo goal palla sulla fascia sinistra, questa volta però a giocare con la giusta determinazione è VERGINELLA che dopo aver saltato due difensori del Monfalcone, tira in porta respinge il portiere, la palla va sui piedi del sempre presente FURLAN che insacca 2-0.
I ragazzi dell’Aquileia sono sulle ali dell’entusiasmo in effetti 4 minuti dopo cioè al 22° punizione da centro campo batte AMATRUDA palla al centro dell’area avversaria, testa di GIUNTA la palla arriva sui piedi di FURLAN che non sbaglia 3-0.
Al 30° bella azione da goal ma purtroppo sbagliata la conclusione, dopo un parapiglia nella nostra difesa da un rinvio (per liberare l’area di rigore) la palla giunge sui piedi di MICHELIN che subito la smista per FURLAN quest’ultimo di prima la passa a VERGINELLA tira in porta ma esce di poco a lato.
Dal 35° al 41° ci sono stati alcuni sbagli nella difesa dei patriarchini, ed uno di questi a fatto si che l’arbitro decretasse un calcio di rigore,siamo al 40° un rigore ben battuto dai monfalconesi goal 3-1.
Quest’ultimo goal avrebbe potuto mettere in difficoltà tante squadre perchè si sarebbe potuto entrare in campo il secondo tempo non con la giusta determinazione e motivazione, mentre dopo che il mister BRACH ha parlato ai suoi, i ragazzi dell’Aquileia sono entrati in campo pensando di essere ancora sullo 0 a 0, in effetti al 5° del secondo tempo arriva il quarto goal. La palla questa volta parte dai piedi del difensore DE PAOLI che vede il movimento di FURLAN in profondità lo serve palla addomesticata da FURLAN salta l’uomo, potrebbe tirare in porta, ma vede MICHELIN solo al centro lo serve e quest’ultimo insacca.
Siamo al 10° minuto da una punizione al centro campo battuta da VRECH, direi in maniera perfetta sul secondo palo, arriva di testa ZANINELLO che fa carambolare la palla sui piedi a VERGINELLA tiro goal 5-1 .
Al 13° su un calcio d’angolo (quello di destra) arriva una palla sporca a VRECH al limite dell’area che tira in porta, palla deviata da un difensore che sta per farsi autogoal ma il portiere effettua un ottima parata all’incrocio dei pali.
La partita è ormai dominata dai patriarchini e anzi i ragazzi si divertono anche tant’è che più volte soli davanti al portiere si è voluti giocare di fino, sbagliando purtroppo.
Dal 20° in poi iniziano le girandole delle sostituzioni entrano tutti tranne FEDEL, e in questi ultimi 20 minuti di gara anche chi non era partito titolare non ha di certo sfigurato anzi al 25° VIDON dopo aver preso palla al limite dell’area tira in porta ma esce di poco, lo stesso ANTONELLI al 35° dopo aver fatto un buon movimento senza palla in attacco riceve quest’ultima tira ma esce di poco.
Finisce la partita l’Aquileia vince 5 a 1.
Buona Aquileia con un buon possesso palla bravi ragazzi, non mi è dispiaciuto nemmeno il Monfalcone, ma grazie al pressing effettuato dai nostri al momento giusto e senza dargli la possibilità di pensare abbiamo portato a casa un ottimo risultato avanti cosi!!!!!!!!!!!!!!!!.

 
ALLIEVI PROVINCIALI 2009-2010
 
alt 
 
NOME COGNOME RUOLO
RAVELLI DAMIOLI MATTEO PORTIERE
FEDEL RICCARDO PORTIERE
FERRANTI PAOLO PORTIERE
NOCENT SAMUELE  DIFENSORE
APUZZO PIERLAZZARO DIFENSORE
 CARBONI ANDREA EMILIO  DIFENSORE
DE PAOLI MATTIA  DIFENSORE
 SOLIANI PAOLO JUNIOR DIFENSORE 
 AMATRUDA PIERO DIFENSORE 
 MORAS FILIPPO DIFENSORE 
VRECH ALESSANDRO  DIFENSORE
DJORDJEVIC MILOS  CENTROCAMPISTA
 VERGINELLA THOMAS CENTROCAMPISTA
ZANINELLO ANDREA   CENTROCAMPISTA 
 ANTONELLI ALAN  ATTACCANTE
GIUNTA GIOVANNI ATTACCANTE 
 FURLAN MARCO ATTACCANTE 
 VIDON RUSSIAN MARCO ATTACCANTE 
MICHELIN DAVIDE  ATTACCANTE
   
   
   
BRACH MARIO MISTER
FURLAN ENRICO DIRIGENTE
RAVELLI DAMIOLI GIOVANNI DIRIGENTE
RUSSIAN BRUNO DIRIGENTE
 


 
Posticipo dell’ottava di campionato, si gioca sul campo di casa, terreno in ottime condizioni.
Il Mister BRACH mette in campo questa formazione.
                         AQUILEIA                                      SAN CANZIAN
1 RAVELLI DAMIOLI
1 MATTEI
2 NOCENT
2 PIZZIN
3 GIUNTA
3 KUZMANOVIC
4 DE PAOLI
4 TOLOMIO
5 VRECH
5 VRECH
6 VERGINELLA
6 COSOLO
7 CARBONI
7 STIVAL
8 AMATRUDA
8 ROCCO
9 MICHELIN
9 FURLANUT
10 FURLAN
10 MARIN
11 DJORDJEVIC
11 MIGLIORE
12 FEDEL
12
13 FERRANTI
13 ALESSIO
14 ANTONELLI
14 TENTOR
15 VIDON RUSSIAN
15 DESCHI
16 MORAS
16 POLO
 
17 SORRENTI
 
 
 
 
Passiamo alla partita, l’Aquileia gioca da sinistra a destra per chi guarda dalle panchine, siamo all’ottavo minuto palla conquistata a centrocampo palla sulla destra a MICHELIN che si invola sulla fascia destra in progressione arriva in area di rigore dopo aver saltato un paio di avversari effettua un pregevole pallonetto sul portiere ed insacca 1- 0.
Al 15° discesa di GIUNTA sulla fascia destra, da un contrasto con l’avversario la palla si alza e lui con pregevole rovesciata cerca di inquadrare la porta ma non ci riesce.
Minuto 16° ora l’Aquileia spinge, vuole subito chiudere la partita, sulla fascia sinistra VERGINELLA si smarca bene palla in profondità a MICHELIN che la da al centro, FURLAN cerca di tirare al volo ma non vi riesce, ne nasce un’ottimo assist per l’accorrente GIUNTA che di destro insacca alla destra del portiere 2- 0.
Al 25° palla dalla difesa, che fraseggia egregiamente, arriva il pallone a DJORDJEVIC che vede smarcarsi GIUNTA sulla fascia destra gli passa il pallone, e lui vedendo dalla parte opposta del campo FURLAN lasciato solo gli da un pallone su piatto d’argento stoppa bene e tira ma portiere para, non trattiene e di rapina lo stesso FURLAN insacca 3- 0.
Siamo al 35° prova AMATRUDA da fuori area ma palla fuori di un soffio sul lato destro del portiere.
Finisce il primo tempo 3 – 0.
Siamo al 5° del secondo tempo e da un’errore a centrocampo dei giocatori dell’Aquileia nasce il Goal del San Canzian smarcato bene sulla fascia destra l’attaccante a tu per tu con l’estremo difensore dell’Aquileia lo trafigge 3 – 1.
A questo punto, come ogni volta, i ragazzi del Mister Brach vengono colpiti nell’orgoglio ed allora si scatenano. Al 10° fraseggio AMATRUDA – GIUNTA – AMATRUDA con tiro potente di quest’ultimo a lato di poco.
Al 15° palla in possesso dell’Aquileia a centrocampo, AMATRUDA vede FURLAN al limite dell’area lasciato inconsapevolmente solo gli arriva il pallone non ci pensa due volte e con un buon tiro insacca 4 – 1.
Anche al 20° su lancio lungo di MICHELIN arriva pallone d’oro a FURLAN che solo davanti al portiere cerca di fargli un pallonetto ma questa volta l’estremo difensore del San Canzian non si fà sorprendere.
Al 22° AMATRUDA fa tutto solo conquista palla a centrocampo salta due avversari gran tiro in porta e Goal 5 – 1.
Iniziano i Cambi entra VIDON per GIUNTA , MORAS per VERGINELLA, FEDEL per RAVELLI .
Siamo al 25° e dopo fraseggio fuori area tra FURLAN – MICHELIN – VIDON palla sui piedi di MICHELIN che salta avversario ed insacca alla destra del portiere.
26° entra  ANTONELLI per MICHELIN e per ultimo FERRANTI per FURLAN.
Al 30° se pur non sul piede preferito DJORDJEVIC di destro da fuori dall’area tira e a portiere ormai battuto prende l’incrocio dei pali.
L’Aquileia non è ancora sazia e schiaccia nella sua area il San Canzian tant’è che al 32° su calcio d’angolo palla a centro area DE PAOLI al volo ed in rovesciata tenta la conclusione ma rimbalza su un difensore palla ad AMATRUDA che non ci pensa molto e tira verso la porta fuori di poco a lato.
33° palla d’oro in profondità sulla fascia destra per CARBONI messa da ANTONELLI ma CARBONI solo d’avanti al portiere prende la traversa.
36 °  ANTONELLI prende palla al limite dell’area, angolo sinistro,lanciata alta da AMATRUDA stoppa di petto e potente e preciso tiro in porta Goal 7 – 1.
Ormai la partita non ha più storia con 4 minuti di recupero l’arbitro decide di mandare tutti a far la doccia.
Bella prova dei Patriarchini che portano a casa altri tre punti importanti, e con una partita in meno sono solo ad un punto dal Ronchi BRAVI ragazzi.
 
Seconda di campionato per la categoria Allievi, oggi l’Aquileia gioca sul campo del Fiumicello, entrambe le squadre vogliono oggi far bene e ben figurare ( la partita e di quelle “sentite”), Mister Brach decide di mettere in campo questa formazione:
RAVELLI tra i pali AMATRUDA – NOCENT – DE PAOLI – VRECH in difesa ZANINELLO – CARBONI – GIUNTA – DJORDJEVIC a centrocampo MICHELIN – FURLAN in attacco.
A disposizione FERRANTI – ANTONELLI – MORAS – VIDON – D’ORIANO.
Bando alle ciance, si gioca, ore 10,30 puntuali per chi guarda dalle panchine l’Aquileia inizia a giocare da destra a sinistra. Inizia subito l’Aquileia è il 5^  bella palla in profondità lanciata da Carboni per Giunta sull’angolo destro dell’area di rigore avversario, ma purtroppo quest’ultimo è in ritardo di un soffio e può solamente effettuare una scivolata, ma la palla arriva tra le mani del portiere del Fiumicello.
Passano i minuti e la partita si fa più intensa vi sono delle belle giocate da entrambi le parti ma soprattutto a centrocampo che la lotta è dura e cosi l’Aquileia tira la palla per tre volte verso la porta avversaria ma sempre fuori dallo specchio, il Fiumicello che di certo non vuol stare a guardare verso il 20 ^ comincia a spingere un po’ di più sulla fascia destra, e da una palla lanciata verso il centro, ne scaturisce un bel tiro parato da Ravelli.
Successivamente siamo al 25 ^ bella palla conquistata a centrocampo da Carboni vede Michelin che si muove bene (lungo la linea sinistra dell’area di rigore) , palla filtrante a quest’ultimo si sta accentrando verso la porta quando il difensore del Fiumicello lo falcia, rigore sacrosanto, batte Giunta , para Franzot ma non trattiene e di nuovo si avventa Giunta sulla palla come un falco che di sinistro insacca 0 – 1 .
Passiamo al 30^ buon passaggio di Giunta dalla destra verso centrocampo prende palla Michelin vede Carboni che chiede palla in profondità lo accontenta  palla filtrante e fallo del difensore in area, l’arbitro decide per il rigore, tira questa volta Vrech con buona freddezza tiro rasoterra ben piazzato sulla destra del portiere 0 – 2 .
Finalmente Mister Brach al 35^ vede i frutti del suo lavoro, calcio d’angolo battuto  in maniera ottima palla sul secondo palo arriva di testa Furlan che sfiora con i capelli la palla ….peccato meritava il Goal.
Finisce il primo tempo con l’Aquileia in vantaggio di due goal .
Inizia il secondo tempo non ci sono sostituzioni per l’Aquileia, ma il Fiumicello è entrato in campo con un altro spirito e comincia a pressare ora è il Fiumicello che gioca da destra a sinistra. Giusta punizione alla tre/quarti di campo sulla fascia destra batte bene il Fiumicello palla pericolosa in area ma para bene Ravelli. Pochi minuti dopo, siamo al 5^, sempre il Fiumicello che vuole accorciare le distanze e su palla filtrante all’attaccante l’arbitro vede un fallo su quest’ultimo e dopo essersi sincerato che fosse in area decreta il calcio di rigore. Tutto e pronto batte Leandro gran botta ma Ravelli ( alias Pampa) C’E’ para con il piede e devia in calcio d’angolo risultato invariato. Ancora il Fiumicello che non ci sta a perdere, siamo al minuto 8^ palla in profondità sulla linea dell’area di rigore palla sui piedi dell’attaccante, tira in porta ma il Pampa ops Ravelli che era uscito dai pali al momento giusto para.
Passa il tempo e in questo frangente vi è un po’ di confusione in campo e forse anche troppo nervosismo, siamo al 20^ gran tiro di Giunta che va a sbattere sul palo alla sinistra di Franzot. Sostituzione doverosa per Zaninello al 28 ^ che accusa crampi entra Vidon.
Siamo al 30^ punizione dalla tre/quarti sul lato sinistro per L’Aquileia batte Michelin palla al limite dell’area a Vidon che prima protegge bene poi si gira vede solo lo stesso Michelin, che aveva seguito l’azione, gli passa la palla e dopo averne saltato un difensore  tira verso la porta GOAL siamo sullo 0 – 3. Da qui in avanti c’è solo da indicare la sostituzione di Carboni con Moras ed a 3 minuti dalla fine con bella giocata di triangolazione Michelin – Vidon – Michelin tira in porta ma grande parata di Franzot.
Finalmente finisce la partita 0 – 3, portiamo a casa anche questi tre punti importantissimi, bene ragazzi tutti quanti continuate così.
P.S. il campionato è ancora lungo e tutti avranno modo di mettere in mostra le loro qualità.
 
BRAVI BRAVI BRAVI!!!!!!!!!!!!!!!
Giornata di sole splendida, oggi si inizia alle ore 10.00 sul campo Cosulich  di Monfalcone, partita tra la FINCANTIERI e l’AQUILEIA, come ogni domenica il Mister BRACH deve fare i conti con i vari infortuni che capitano di consueto a fine settimana, pertanto decide di far scendere in campo questa formazione.
RAVELLI  in porta  VRECH – DE PAOLI – NOCENT - CARBONI in difesa , a centrocampo DJORDJEVIC –  VERGINELLA – GIUNTA – ZANINELLO - ed in attacco MICHELIN - FURLAN A disposizione del Mister anche  FERRANTI – MORAS - ANTONELLI – VIDON – RADEV -  AMATRUDA .  
Ore 10.00 si parte, (AQUILEIA inizia la gara dalla sinistra verso destra rispetto alle panchine) a differenza di altre partite che le squadre si studiano, questa uno – due e via al 4° minuto mentre la Fincantieri cerca di organizzare gioco l’Aquileia va in vantaggio con un bel goal di MICHELIN ( palla sui piedi FURLAN che si invola sulla fascia destra cross perfetto al centro palla addomesticata dal MAGHETTO MICHELIN che con il pallone tra i piedi si gira ed insacca) 0 – 1. Sembra la partita in discesa, ma la FINCANTIERI non ci sta e allora inizia a spingere, effettuano anche qualche bella giocata ma nulla che può impensierire la difesa o l’estremo difensore. Siamo al 10° l’Aquileia vede che può e deve far suo il risultato nei primi 40 di gioco, ed allora iniziano a spingere, su palla conquistata caparbiamente da MICHELIN  a centrocampo, si invola verso la porta ma viene steso al limite dell’area, punizione e tiro sempre dello stesso ma sulla barriera. Ottima anche la palla che al 15° DJORDJEVIC lancia a  FURLAN, quest’ultimo con la coda dell’occhio nota che GIUNTA si sta muovendo verso la porta avversaria, lo serve e si ritrova a tu per tu con il portiere, tiro e palla parata egregiamente dal nr.1 della FINCANTIERI. Siamo al 26° e come anzidetto la FINCANTIERI non ci sta a perdere questa partita, e da una punizione dalla fascia destra palla al centro alta per tutti, ma arriva giusta sui piedi dell’uomo che va sul secondo palo ed insacca 1 – 1. Bella partita, e ora il FINCANTIERI cerca di raggiungere il vantaggio e si sbilancia in avanti quel tanto che basta a far muovere in velocità e sulla linea del fuorigioco gli attaccanti dell’Aquileia,  Angolo al 35° battuto (finalmente) come da molto tempo gli si insegna, scambio GIUNTA – FURLAN - GIUNTA palla al centro svetta sopra tutti la testa di ZANINELLO che insacca 1 – 2 . Il FINCANTIERI accusa il colpo e un minuto dopo palla conquistata a centrocampo da GIUNTA con molta grinta e si invola sulla fascia destra, vede solo al centro dell’area FURLAN lo serve e con un piatto di destro insacca 1 – 3 visto  le pressanti azioni in contropiede dellAquileia  su una azione di queste che il difensore della FINCANTIERI, per fermare il velocissimo FURLAN lanciato a rete, lo ferma con un fallo, a dire dell’arbitro fallo da ultimo uomo ed espulsione. Siamo al secondo tempo da parte dell’AQUILEIA non ci sono sostituzioni. 3° minuto e da una palla calciata via da DI PAOLI difesa avversaria sbaglia il controllo e arriva sui piedi di FURLAN che va verso la porta tira e finisce fuori di poco. Il 4 goal merita di essere incorniciato come uno dei goal più belli fatti fin d’ora dall’Aquileia – siamo al 10° palla sui piedi di CARBONI che si trova sulla linea di centrocampo sulla fascia sinistra, cambia totalmente gioco lungo sul calcio d’angolo di destra FURLAN che sapeva di essere in fuorigioco si disinteressa del pallone, arriva come un treno GIUNTA stoppa il pallone serve al centro FURLAN ( che era ritornato in posizione regolare) si gira bene ed e il 1 – 4 . Girandola di sostituzioni 11° esce VERGINELLA entra MORAS , 12° esce FURLAN entra VIDON, 20° esce ZANINELLO entra ANTONELLI. Siamo al minuto 23° palla nella nostra area sulla fascia destra VRECH copre bene l’attaccante della FINCANTIERI contatto tra i due e va a terra  l’arbitro decreta  il calcio di rigore, adesso tocca a RAVELLI fare il suo (alias PAMPA) tira il nr. 10 della FINCANTIERI e come già successo a FIUMICELLO PAMPA C’E’E’E’….. bravo parato e si riparte. Be inutile dirlo AQUILEIA alle stelle e FINCANTIERI freddata , ormai ogni pallone toccato dai patriarchini è un’occasione da goal . 25° palla sui piedi di MICHELIN in contropiede palla alta sopra la traversa. 26° esce RAVELLI entra FERRANTI. 35° palla lanciata sui piedi di ANTONELLI che si invola verso la porta, si trova a tu per tu con il portiere avversario tira e il nr.1 respinge ma non trattiene e di nuovo ANTONELLI tira e questa volta non sbaglia GOAL 1 – 5. C’è tempo per un po’ di gloria anche per l’estremo difensore dell’AQUILEIA 40° che su bel tiro da fuori area del nr.9 del FINCANTIERI,  FERRANTI va a prendersi i meritati applausi sventando un probabile goal. Finisce così la partita.
BELLA PARTITA RAGAZZI, EFFETTUATA CON LA GIUSTA MENTALITA’ E CATTIVERIA AGONISTICA. Oggi già meglio della settimana scorsa dove eravamo troppo prevedibili. Se posso permettermi ,( e visto che lo posso fare), meglio il primo tempo del secondo, ma bravi tutti dal primo all’ultimo FORZA RAGAZZI eeee…….DAGLI COME UN COBRA.
 
CHE SOFFERENZAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!
Questa è la descrizione giusta per la partita che si giocava sul campo di Aquileia tra i Patriarchini ed il Lucinico……….continua
Decima di campionato, si gioca sul campo di casa, terreno in ottime condizioni.
Il Mister BRACH mette in campo questa formazione.
                         AQUILEIA                              LUCINICO
1 FERRANTI
1 RAVANELLO
2 MORAS
2 CAMERA
3 GIUNTA
3 ESPOSITO
4 DE PAOLI
4 GABRIELCIG
5 VRECH
5 MARGARITO
6 VERGINELLA
6 DOLIC
7 CARBONI
7 ORZAN
8 AMATRUDA
8 KRSTEVIC
9 VIDON RUSSIAN
9 DE LUCA
10 FURLAN
10TUZZI
11 DJORDJEVIC
11MAREGA
12 FEDEL
12
13 ANTONELLI
13D’AGOSTINO
14 MICHELIN
14SCORDO
15 ZANINELLO
15GLESSI
16 RAVELLI DAMIOLI
16 QUATTROCCHI
 
 
 
 
 
 
……… si signori avete letto bene il Lucinico sebbene non abbiano mai tirato in porta avversaria una sola volta, si sono difesi in 11 leoni, vedendo quello che hanno messo in campo oggi, non meritano di certo il posto che hanno in classifica.
Dal canto nostro una volta dicevano “ CHI NON HA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA”; penso che oggi nessuno potrà tirare alcun sasso, me compreso, in settimana mi hanno chiesto se la partita con il Lucinico potesse essere un problema, e con molta tranquillità ho risposto NO assolutamente, penso che questo sia quello che era nella testa di tutti i ragazzi dell’Aquileia oggi.
Partita interpretata con la mentalità sbagliata, senza concentrazione e determinazione sbagliando sotto porta l’inverosimile.
Che questa partita sia da lezione per il futuro NON ci sono partite facili, ma tutte da giocare e farlo convincendo altrimenti non si va da nessuna parte.
Oggi ho visto in campo dei “giocatori” (tutti) con troppa smania di voler segnare e alla fine rischiare di non farne nemmeno uno.
Do la quasi sufficienza a tutti i reparti nulla di più.
 Il goal arriva solamente al 36° del secondo tempo ( consentitemi gran goal) da destra a sinistra traversone di ZANINELLO e goal di testa di FURLAN spiazzando il portiere, dall’urlo liberatorio di FURLAN dopo il goal e dall’abbraccio di tutti i giocatori, compreso quelli in panchina, fa capire quanto sofferto sia stato questo goal.
Ragazzi riflettiamo su quello che è successo oggi, dagli errori si può solo ricavarne degli insegnamenti per non commetterli in futuro.
 
Piccolo pensiero personale:
L'umiltà è l'anticamera di tutte le perfezioni ( ricordatevelo)!!!!!!!!
 
Undicesima di campionato, si gioca sul campo di Muzzana del Turgnano, contro il Cjarlinsmuzane terreno a dir poco impraticabile, si poteva però giocare bene a pallanuoto.
Il Mister BRACH,contrariato per la decisione di giocare, come tutta la dirigenza dell’Aquileia, ugualmente costretto, mette in campo questa formazione.
 
                         AQUILEIA                                               CJARLINSMUZANE
1 FEDEL
1 ZAMPARO
2 NOCENT
2 GJEREJESKI
3 GIUNTA
3 KUSSIMI
4 DE PAOLI
4 PIASENTIER
5 VRECH
5 BALDIN
6 VERGINELLA
6 HODZA
7 CARBONI
7 SALVAM
8 AMATRUDA
8 GHELLER
9 ANTONELLI
9 ELMOJANDI
10 FURLAN
10VINCENZINO
11 DJORDJEVIC
11VOJSIL
12 RAVELLI DAMIOLI
12BLASUTTI
13 FERRANTI
13ZAVONI
14 MORAS
14FLAUGNACCO
15 VIDON RUSSIAN
15DEDLALA
 
16 JOVO
 
 
 
 
 
Come sopra scritto il campo secondo me, era impraticabile, nonostante ciò l’arbitro decide di far iniziare questa partita, su un terreno di gioco che dopo 5 minuti non si riusciva nemmeno ad individuare il pallone da tanto fango c’era. L’Aquileia inizia il primo tempo da destra a sinistra per chi guarda dalle panchine, al 6 ° minuto palla sulla fascia sinistra per VERGINELLA che vede inoltrarsi nell’area avversaria FURLAN gli passa un pallone delizioso lo allunga verso la porta con il sinistro guarda verso il portiere e con un gran diagonale lo trafigge alla sua sinistra 0 – 1.
La partita e difficile da disputare c’è un gran gioco di batti e ribatti, palle perse , palle riconquistate, lanci che si fermano a metà del loro tragitto, insomma a scriverlo qui e facilissimo ma penso che per chi era in campo, oggi è stata veramente dura.
Solamente al 25° del primo tempo l’arbitro si degna di concederci un calcio di punizione dopo che ne aveva fischiati almeno una quindicina per gli avversari.
Al 26° Lancio lungo in profondità di DJORDJEVIC per FURLAN che tutto solo davanti al portiere, in uscita, viene falciato da dietro da difensore in recupero, punizione dal limite e……..GIALLO!!!!!! incredibile, a fine partita chiestogli lumi all’arbitro RISPOSTA: non era l’ultimo uomo, bensì erano presenti altri tre difensori vicino a lui, ( si e altri 7 in giro per il campo).
Nonostante ciò, anche se un po’ di nervosismo in campo cresceva, visto come stava arbitrando il direttore di gara, al 30° bella azione da goal ANTONELLI – FURLAN  e quest’ultimo tira in porta, a portiere ormai fuori gioco la palla a causa del terreno rallenta e poi si ferma ed il difensore salva sulla linea di porta. Al 35° FURLAN lancia bene Antonelli sulla fascia sinistra al limite dell’area Alan tira e manda a lato di poco sulla sinistra del portiere avversario.
Finisce il 1° tempo 0 – 1.
Inizia il secondo e nemmeno il tempo di sedersi in panchina che ANTONELLI conquista una palla sporca a centrocampo vede andare in profondità FURLAN sulla fascia destra lo serve, salta l’uomo si accentra verso la porta salta anche il portiere ed insacca 0 – 2.
Al 10° minuto calcio d’angolo dalla destra per l’Aquileia batte FURLAN al centro, un sacco di parapiglia, palla che ritorna sulla fascia destra dove un grande FURLAN caparbiamente riconquista la palla la rimette al centro dove arriva di gran carriera VERGINELLA che di testa insacca 0 – 3.
Siamo al 15° circa e su fallo laterale fascia destra alla tre quarti avversaria batte GIUNTA palla sui piedi di FURLAN che vede smarcarsi bene al centro ANTONELLI traversone e goal di testa 0 – 4.
Punizione dal limite dell’area batte GIUNTA sopra la barriera ma portiere avversario respinge bene con i piedi e manda in calcio d’angolo.
Sostituzioni VIDON RUSSIAN per ANTONELLI e FERRANTI per FURLAN.
Finisce qui una partita con 4 cartellini gialli per l’Aquileia, con un campo impraticabile, e per fortuna che nessuno si è fatto male!!!! Questa è l’unica cosa che conta, penso che oggi siamo stati gli unici a giocare “ CHISSA’ PERCHE”!!!!!!!!!!!!
Comunque, “ Diamo a Cesare ciò che è di Cesare” , se Domenica scorsa ero stato un po’ pesante con i Patriarchini per come avevano giocato contro il LUCINICO, oggi devo dire che anche se il campo faceva veramente pietà i ragazzi dell’Aquileia hanno giocato bene con grinta e voglia di divertirsi, complimenti questo è l’approccio giusto per entrare in campo contro qualsiasi squadra BRAVI!!!!!!
 
Dodicesima di campionato, si gioca sul campo di casa.
Il Mister BRACH, nonostante i vari infortuni  mette in campo questa formazione.
 
                         AQUILEIA                                                  RONCHI
1 RAVELLI DAMIOLI
1 ALESSANDRIA
2 NOCENT
2 MENIN
3 GIUNTA
3 BORTOLUZZI
4 DE PAOLI
4 MEGAGLIO
5 VRECH
5 PATESSIO
6 VERGINELLA
6 DI GIORGIO
7 CARBONI
7 SANGALLI
8 AMATRUDA
8 FURLAN
9 MICHELIN
9 CUZZOLIN
10 FURLAN
10 PASQUALI
11 DJORDJEVIC
11 SIMEONE
12 FEDEL
12
13 FERRANTI
13CLEDIO
14 MORAS
14 AVOLIO
15 VIDON RUSSIAN
15COLAUTTI
16 ZANINELLO
16 VALDES
 
 
 
 
 
Ebbene si, oggi l’Aquileia è caduta sul campo di casa per 0 – 1 contro un buon Ronchi, che sotto rete a sfruttato al meglio l’unica occasione che gli è capitata mentre noi abbiamo sotto porta sbagliato almeno 4 palle goal, non voglio giustificare nessuno, ma sicuramente la partita giocata sul campo di Muzzana martedi con fango alto 10 centimetri oggi si è fatto sentire ancora prima dell’inizio della partita avevamo 5 giocatori che nonostante i dolori di affaticamento muscolare hanno voluto entrare in campo a tutti i costi stringendo i denti, a loro va un plauso speciale BRAVI!!!!!!!.
Passiamo alla partita l’Aquileia inizia il primo tempo da sinistra verso destra per chi guarda dalle panchine, partita giocata molto a centrocampo, si scontrano due grosse squadre ed entrambi sanno che la posta in palio è alta.
Al 14° minuto esce dal campo a causa di quanto scritto sopra, AMATRUDA perno del centrocampo e sostituito da un buon ZANINELLO, che pero vorrei ricordare che solo due settimane fa aveva una costola incrinata nonostante ciò ha fatto quello che poteva.
Al 16° su cross di GIUNTA dal fondo e sulla fascia destra al centro per FURLAN che tira verso la porta ma sbaglia di poco.
Al minuto 25° Giunta lanciato tutto solo verso la porta avversaria solo davanti al portiere si mangia un clamoroso goal peccato tira alto sopra la traversa.
Al 28° bella palla conquistata a centrocampo da DJORDJEVIC che lancia sulla fascia sinistra VERGINELLA che si trova al limite dell’area potrebbe tirare in porta ma……, non so ancora per quale motivo non tira, e si fa recuperare dal difensore che gli porta via il pallone, azione fotocopia al minuto 34° sempre con gli stessi personaggi.
Passiamo al secondo tempo, che il Ronchi non me ne voglia, ma sono stati schiacciati nella loro metà campo, abbiamo provato più volte a passare in vantaggio ma nulla. Diamo a Cesare ciò che è di Cesare, il Ronchi si è difeso benissimo e con un magistrale contropiede ( direi l’A B C del calcio) sono passati in vantaggio al 30° del secondo tempo.
Al 35° ancora VERGINELLA ( oggi non al meglio delle sue condizioni) sbaglia un clamoroso goal solo davanti al portiere in uscita.
Finisce la partita con ancora l’Aquileia in attacco per raggiungere il pareggio ma nulla da fare, è andata cosi ragazzi abbiamo perso una battaglia ma non la guerra, il cammino è ancora lungo tutto può succedere, torno a ripetere BRAVI comunque, già solo per il fatto che avete giocato in condizioni sanitarie precarie.
 
Recupero della tredicesima  di campionato, si gioca a Gorizia al Baiamonti contro l’Audax S. .
Il Mister BRACH,  mette in campo questa formazione.
 
                         AQUILEIA                                                AUDAX
1 FEDEL
1 BRANOVACKI
2 MORAS
2 CEZZA
3 GIUNTA
3 INCANI
4 DE PAOLI
4 BONINI
5 VRECH
5 TOMAZIC
6 NOCENT
6 PREVITI
7 CARBONI
7 CANDUTTI
8 AMATRUDA
8 CARAFA
9 MICHELIN
9 PELESSON
10 FURLAN
10 WOZNIAK
11 DJORDJEVIC
11 PIACENTE
12 RAVELLI DAMIOLI
12 -------
13 FERRANTI
13 BRANKOVIC
14 SPAGNUL
14 AVLIAJ
15 RADEV
15 VIGGIANO
16 IACUMIN
 
17 VERGINELLA
 
 
 
 
 
L’Aquileia inizia il primo tempo da sx a dx per chi guarda dalle panchine.
Passiamo alla partita  sapevamo di incontrare una buona squadra in effetti i primi dieci minuti i ragazzi in campo sembra che si studino, poi al 10° calcio di punizione dalla sinistra vicino alla bandierina per Audax cross sul secondo palo e colpo di testa di  Wozniak che finisce sul fondo. All’11° calcio di punizione dell’Aquileia 5 metri fuori dall’area di rigore al centro tira Michelin palla che scavalca la barriera ma è attento il portiere e para.
14° lancio di Djordjevic per Carboni sulla fascia sinistra che si accentra con la palla tra i piedi tira e finisce poco alta sopra la traversa. 15° azione di Carboni sempre sulla fascia sinistra si accentra pallone a mezza altezza il difensore Tomazic ferma la palla con la mano all’interno dell’area e l’arbitro  decreta il penalty, batte il rigorista Vrech, ottimo come al solito palla da una parte e portiere dall’altra 0 – 1 . Al 23° calcio di punizione per Audax vicino al vertice sinistro dell’area di rigore, palla spiovente sulla quale non interviene nessuno e sfera che esce di poco a lato del palo alla sinistra del portiere, al 32° ancora una punizione per Audax appena fuori area decentrato sulla sinistra, calcia Candutti direttamente in porta e para tranquillamente Fedel, al 38° confusione appena fuori area dell’Aquileia palla persa e conquistata dall’attaccante dell’Audax Piacente che però calcia abbondantemente fuori, finisce il primo tempo.
Secondo tempo, Aquileia subito aggressiva, si sa che tenere una partita sul 1 a 0 è sempre pericoloso e pertanto i ragazzi del mister Brach, cercano di arrotondare il risultato e ci provano subito dall’inizio, al primo minuto punizione dalla fascia destra, battuta da Giunta al centro di testa Michelin schizza la palla ma esce di poco a lato. Al 5° una delle tante cavalcate in solitaria di Giunta che tira verso la porta ma abbondantemente fuori, ( tempo fa hanno fatto il film l’uomo che parlava alle capre, ora faranno il film l’uomo che si innamora del pallone, Giunta…… passala prima!!!!!!!)
Al 13° azione personale del attacante dell’Audax Candutti che salta due avversari palla verso il centro dell’area ma in uscita para bene Fedel. Al 15° l’occasione da goal dell’Audax punizione dalla sinistra a 5 metri dalla bandierina palla spiovente che batte sulla parte superiore della traversa ed esce.
Al 18° punizione x Aquileia da fuori area batte Carboni alto sopra la traversa. Al 19° tiro da fuori area di Giunta para con difficoltà il portiere avversario.
Al 22° si infortuna Furlan nulla di grave ( come si dice in gergo ha preso una lopez) e viene sostituito da Iacumin, 3 minuti dopo esce anche Michelin ( oggi non al meglio delle sue possibilità) al suo posto rientra finalmente Verginella dopo settimane di stop, voglio spendere due parole di elogio per questi ultimi due entrati, che si sono da subito immedesimati nella partita e hanno fatto soffrire la difesa avversaria.  
 Al 27 bel lancio di Djordjevic per Giunta che si invola verso la porta avversaria, ma in uscita para il portiere. Al 28° corner lato sinistro palla al centro girata al volo da Candutti e palla alta sopra la traversa. Al 38° punizione per l’Audax palla spiovente in area e dopo una serie di batti e ribatti la sfera viene presa da Fedel.
Al 39° tiro di Carboni da fuori area e palla alta sulla traversa, al 42 tiro di Giunta dalla destra fuori di poco, l’arbitro fischia la fine della partita.
Cosa dire risultato 0 – 1 partita giocata su un campo difficile, ma questo si sapeva la squadra dell’ Audax non sarebbe così in alto se non fosse una buona squadra, mentre invece non ci si aspettava un terreno in condizioni a dir poco pessime   ( non me ne vogliano la dirigenza dell’Audax) ma quando un pallone tocca terra e schizza da tutte le parti tranne quella naturale be, consentitemi di dire campo in pessime condizioni!!!!!!
Per quanto riguarda i ragazzi ho visto alcuni non al meglio delle loro condizioni, mentre buona la difesa anche se a mio modesto parere abbiamo fatto troppi falli al limite dell’area e l’Audax ci metteva in difficoltà con le loro punizioni.
Tre punti portati a casa.  
 
 
Seconda di campionato girone di ritorno, si gioca ad Aquileia ottimo il terreno di gioco come anche temperatura e condizione atmosferiche.
Il Mister BRACH,  mette in campo questa formazione.
 
                         AQUILEIA                                                 FIUMICELLO
1 FEDEL
1 FRANZOT
2 MORAS
2 CHIRICO
3 NOCENT
3 CARGNELUTTI
4 DE PAOLI
4 BOTTONE
5 VRECH
5 MILOCCO
6 AMATRUDA
6 D’AGOSTINO
7 VERGINELLA
7 IOAN
8 ANTONELLI
8 POZZAR
9 MICHELIN
9 TOSORATTI
10 FURLAN
10 PETRUZZI
11 DJORDJEVIC
11 MARCHESAN
12 RAVELLI DAMIOLI
12 BUSINELLI
13 FERRANTI
13 POLIDORO
14 VIDON
14 PIAZZA
15 ZANINELLO
15 CHITTARO
16
16 MARTINELLI
17
17 MOIMAS
18
 
 
Inizia il primo tempo l’Aquileia inizia da sinistra a destra per chi guarda dalle panchine, si inizia subito alla grande, si sa già che oggi sarà una partita a dir poco dura, per una serie di problematiche che al momento non voglio nemmeno elencare, so solo che si potrebbe fare una corriera ed andare a farsi un giretto a Lourdes, passiamo alla partita passano solo 5 minuti ed il Fiumicello si fa subito pericoloso, palla persa a centrocampo scambio 1-2 tra Leandro e Petruzzi, con quest’ultimo che tira in porta ma ben piazzato e attento Fedel che para. Siamo passati al 10° ennesima tegola sull’Aquileia si infortuna Moras taglio sulla nuca ( ho saputo proprio ora che gli sono stati messi due punti di sutura ma nessun altro danno meglio cosi!!!!!) caparbiamente vuole ritornare in campo anche con la fasciatura, ci prova ………, siamo al 20° arriva il goal del Fiumicello punizione conquistata a metà campo batte Bottone palla alta al centro dell’area e qui…… tutti a guardare il pallone ma nessuno a prenderlo, arriva sui piedi di Cargnelutti che non ci pensa due volte ed insacca anche con Fedel in uscita 0 – 1 . Esce Moras applausi per lui perché almeno ci ha provato, entra Zaninello, siamo al 25° ancora Fiumicello che spinge per arrotondare il risultato sulla fascia destra con tiro di Tosoratti ma va sul fondo. Siamo al 28° palla da destra a sinistra del campo lanciata da Amatruda verso Michelin prende palla al limite dell’area lato sx vede dietro l’accorrente Zaninello gli passa la palla e con un buon esterno destro mette nel set 1 – 1.
Passiamo al 32° bella cavalcata sulla fascia sinistra di Verginella palla lanciata al centro per Furlan che tira in porta e para bene Franzot. Finisce sul 1-1 il primo tempo.
Ricomincia la partita ed è subito il Fiumicello ad essere ancora pericoloso sulla fascia destra con i suoi attaccanti ma tirano fuori. Al 10° sostituzione per altri motivi di salute per Verginella che lascia il posto a Vidon Russian, al 15° palla conquistata a centro campo passata da Djordievic a Furlan che di prima la passa a Michelin tira e palla fuori di poco. Al 17° palla lanciata lunga per gli attaccanti del Fiumicello da Pozzar, per fortuna in ritardo gli attaccanti e para Fedel.
23° si danno il cambio i portieri dell’ Aquileia esce Fedel entra Ravelli Damioli.
25° punizione dal limite conquistata da Michelin, la vuole battere lui stesso, ed in effetti non sbaglia, punizione battuta magistralmente, ma il Fiumicello ha tra i pali un buon portiere che vola a prendere il pallone e lo manda in angolo.
Al 30° palla presa a centrocampo da Antonelli la passa a Michelin che dopo averne saltati due difensori tira in porta col sinistro para ancora una volta molto bene Franzot.
Siamo al 32° punizione da metà campo ( mi vengono già i brividi sembra la fotocopia del loro goal) batte Pozzar lungo per Petruzzi ( ancora tutti a guardare la palla) che per fortuna tira fuori.
Al 35° punizione da fuori area conquistata dal Fiumicello batte Bottone tira fuori.
Al 37° esce Vidon Russian entra Ferranti.
Al 42° palla in profondità lanciata da Milocco per Petruzzi esce in anticipo Ravelli che para.
Al 43° ennesima parata di Franzot su tiro di Michelin nulla da fare non vuole entrare.
Al 44° l’arbitro fischia la fine 1-1.
Se la volta scorsa avevo dato colpa al campo, oggi certo non potevo farlo, era in ottime condizioni, pertanto voglio credere che la colpa sia dovuta al fatto che avevamo gente che pur con dolori fisici importanti ha voluto esserci e giocare, ma penso anche che non tutti abbiano dato il massimo, senza dimenticare le assenze, ciò nonostante voglio fare i complimenti ad un buon Fiumicello, la squadra vista oggi darà del filo da torcere a molte altre formazioni, per quanto riguarda l’Aquileia abbiamo fatto quello che si poteva fare, un buon secondo tempo, ma un altrettanto buon portiere ci ha negato la vittoria.
Uno a Uno, come si dice, bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?
Ma! io lo vedo mezzo pieno!!!! 
      
 
 
 
 
Un giorno, il presidente di una società di calcio disse ad un’intervista “ ho visto scendere in campo una squadra determinata, grintosa, e concreta …..” peccato però che non era la mia!!!
Ecco spiegato il motivo di un risultato cosi stretto, buono L’Isonzo in crescita sicuramente e con gran voglia di far risultato.
 
Terza di campionato girone di ritorno, si gioca a San Pier D’Isonzo il terreno di gioco lascia a desiderare, ma in questa stagione si fa fatica a trovarne di migliori.
Il Mister BRACH,  mette in campo questa formazione.
 
                         AQUILEIA                                                     ISONZO
1 RAVELLI DAMIOLI
1 DREAS
2 NOCENT
2 PIAZZA
3 GIUNTA
3 ABBONDANZA
4 DE PAOLI
4 VALDEMARIN
5 VRECH
5 PRESTIGIACOMO
6 AMATRUDA
6 FEDEL
7 CARBONI
7 BANDEL
8 ZANINELLO
8 LEGHISSA
9 MICHELIN
9 SCARPIN     
10 FURLAN
10 SIBILIO
11 DJORDJEVIC
11 SAVIO
12 FEDEL
12 DELLA PIETRA
13 FERRANTI
13 TOMIZZA
14 VIDON RUSSIAN
14 BATTISTUZZI
15 MORAS
15 BRUNELLI
16 IACUMIN
16 MARIZZA
17 RADEV
17 LACCHE’
18
 
 
Inizia il primo tempo l’Aquileia inizia da destra a sinistra per chi guarda dalle panchine, si inizia subito all’attacco al terzo minuto di gioco incursione di Carboni in area di rigore salta l’uomo ma subito dopo viene falciato, anche questa volta come in altre gare l’arbitro gli dice di rialzarsi che non è successo nulla vabbè!!!!
Al 8° minuto bello scambio uno – due tra Carboni e Amatruda sulla fascia sinistra con tiro di Carboni appena alta sopra la traversa.
Al 15° sulla fascia destra bella palla lanciata da Nocent per Giunta uno – due con Furlan palla data a Michelin che tira in porta ma esce di poco a lato.
20° Djordjevic lancia lungo verso il centro dell’area Carboni che arriva in scivolata ma la palla esce di poco a lato della porta.
Al 25° azione in uno due tra Furlan Michelin Furlan che arriva al limite dell’area e tira para il portiere palla in angolo, battuto ma nulla di fatto.
Al 26 ° Carboni da centro campo lancia una buona palla al limite dell’area per Michelin che stoppa di petto si gira vede sulla destra il sopraggiungere di Giunta lo serve si invola verso il portiere e lo infila 0- 1.
Ecco, qui mi ricollego con quanto scritto sopra, adesso la squadra doveva chiudere il risultato e non pensarci più, mentre invece mancava il gioco di squadra, la concretezza , insomma troppa confusione, e l’Isonzo prende coraggio, finisce il primo tempo 0-1.
Inizia il secondo tempo e solamente al 10° minuto si vede un’azione purtroppo però non verso la porta dell’Isonzo, lancio lungo per il nr.9 Scarpin che si svincola bene dei due difensori dell’Aquileia arriva davanti al portiere tira in porta ma Ravelli d’istinto para con il piede e salva per ora il risultato, ma mi viene uno strano presentimento.
Passano i minuti ma l’Aquileia non riesce ad essere concreta e tutti i tiri, nonché le varie azioni personali, sono sempre andate non a buon fine. Ed è cosi che si arriva sino al minuto 26° quando su lancio lungo del nr. 7 Bandel all’attaccante Sibilio cade in area dell’Aquileia stretto dai due centrali e l’Arbitro decide che è rigore batte Scarpin ed è Goal 1 – 1.
Adesso diventa ancora più dura la partita con un po’ di nervosismo in campo, nonostante ciò finalmente si rivede uno spiraglio della vecchia squadra da noi vista nel girone di andata e si comincia a pressare l’Isonzo nella sua area di rigore tant’è che al 27° punizione dal limite dell’area da destra palla sul secondo palo di testa De Paoli prende il palo.
Al 35° tiro da fuori area di Djordjevic appena sopra la traversa.
Si arriva al 40° l’arbitro decide che ci sono 7 minuti di recupero ( ci stanno tutti tra le cinque sostituzioni e le fasi di gioco fermate in capo per crampi ecc.), ed è proprio da uno dei cambi di cui sopra che mister Brach toglie dal cilindro il classico coniglio, esce Giunta ( che come al solito grande grinta ma purtroppo innamorato del pallone e fa fatica a darla agli altri, ma non solo lui!!!!!) ed entra Vidon Russian.
Raccontare questa azione mi da soddisfazione perché come dico io è l’A – B – C del calcio ( ed è quello che si cerca di insegnare a tutti i calciatori da sempre) palla al difensore Nocent sulla fascia destra in difesa vede sul lungo linea Vidon Russian lo lancia, lui lascia scorrere la palla va sul fondo cross al centro per Furlan che la stoppa di petto e prima che il pallone tocchi terra si gira e con un’ottimo destro insacca, ecco cosa mancava ……….. i cross delle ali. Gran bella giocata quest’ultima bravi!!!!!!!!     
Il mio pensiero personale, penso di averlo già espresso all’inizio di questa pagina, la squadra non mi è piaciuta per 40 minuti il tempo che è trascorso tra il nostro Goal ed il rigore dato all’Isonzo.    
 
 
Quinta di campionato girone di ritorno, si gioca a Pieris contro il Monfalcone il terreno di gioco è pesantissimo, ma in questa stagione e con la pioggia degli ultimi giorni, si farà fatica a trovarne di migliori.
Il Mister BRACH,  mette in campo questa formazione.
 
                         AQUILEIA                                                       MONFALCONE
1 RAVELLI DAMIOLI
1 COLIN
2 AMATRUDA
2 BENEDETTI
3 GIUNTA
3 TIMOTAY
4 DE PAOLI
4 BARBATO
5 VRECH
5 MEDIC
6 ZANINELLO
6 RIDOLFI
7 CARBONI
7 ANDRIAN
8 APUZZO
8 GIULIVO
9 ANTONELLI
9 MARIC
10 FURLAN
10 SELITA
11 DJORDJEVIC
11 FERRARA
12 FEDEL
12
13 FERRANTI
13 PETEAN
14 VIDON RUSSIAN
14 CHIRIVINE
15 MORAS
15 FRAGIACOMO
16
16
17
17
18
 
 
Inizia il primo tempo l’Aquileia inizia da sinistra a destra per chi guarda dalle panchine.
Poche le occasioni da goal oggi viste sul campo, ma per colpa anche di un terreno veramente pesante, si è combattuto molto a centrocampo, la partita è diventata cattiva quasi subito, anche grazie ai sostenitori del Monfalcone che non perdevano occasione per insultare l’arbitro e cosi facendo lo innervosivano, automaticamente sbagliando poi varie decisioni.
Al 15° lancio lungo da centrocampo per Furlan sul lato sinistro dell’area avversaria esce il portiere cicca la palla e il lesto Furlan insacca 0-1.
Unico errore questo di un buon portiere anche se giovane.
Al 20° punizione dal limite battuta molto bene da Furlan ma altrettanto bravo il portiere avversario che para.
Passiamo al 30° il Monfalcone non ci sta a perdere e cosi cerca di guadagnare metri batte un calcio d’angolo palla data al limite dell’area nell’angolo destro cros al centro difesa patriarchia attenta mette in fuorigioco il nr.8 Giulivo, ma l’arbitro non se ne accorge, si trova solo davanti a Ravelli, tira ma il portiere Aquileiense con un bel tuffo manda la palla sul palo destro, arriva in corsa Ferrara che tira sopra la traversa, risultato salvato, finisce il primo tempo 0-1.
Appena entrati in campo al primo minuto di gioco palla lanciata da centrocampo per Furlan, stoppa la passa a Giunta al limite dell’area di rigore verso il centro, vede smarcarsi solo Antonelli gli consegna il pallone e con un gran bolide insacca alla sinistra del portiere avversario 0-2.
8° minuto tiro appena alto da fuori area di Djordjevic.
9° cross da destra al centro effettuato da un buon Carboni, palla a Giunta che scarta due avversari tira para il portiere.
15° espulsione di Zaninello e di Maric.
20° esce Antonelli entra Vidon.
Al 30° bella combinazione Furlan Vidon Giunta ma con quest’ultimo in fuorigioco tira ugualmente ma pallone esce dallo specchio della porta.
35° esce Giunta entra Moras. 40° bel tiro da fuori area di Amatruda appena sopra la traversa.
Oggi non si può di certo valutare la squadra su un terreno così difficile, e poi reso ancora più difficile da un buon Monfalcone, tre punti importanti portati a casa BRAVI.

 oggi si gioca il recupero della quarta di campionato si affrontano sul terreno di gioco Ermes Scaramuzza di Aquileia, i padroni di casa contro il Fincantieri. Il Mister Brach, decide di mettere in campo:

AQUILEIA

1 FEDEL 2 NOCENT 3 VIDON RUSSIAN 4 VRECH 5 DE PAOLI 6 AMATRUDA 7 CARBONI 8 ANTONELLI 9 MICHELIN 10 FURLAN 11 DJORDJEVIC 12 RAVELLI DAMIOLI 13 IACUMIN 14 ATANAS 15 MORAS.

Si incontrano oggi la seconda e la terza in classifica, le aspettative sono quelle di vedere una bella partita, in effetti da entrambe le parti vi è grinta generosità insomma voglia di far bene, la posta in paglio è alta, l'Aquileia dopo la sconfitta con il Palmanova deve riscattarsi ed in fretta, ed il Fincantieri dopo 6 vittorie consecutive vuole scavalcare i Patriarchini.

L'Aquileia comincia la gara da sinistra a destra per chi guarda dalle panchine.

Si inizia ed è subito la Fincantieri che arriva alla conclusione dal limite dell'area già al 5° minuto tiro però alto sopra la traversa; all'8° minuto perde palla VRECH la conquista DI PALMA che si invola verso la porta ma sparacchia alto, meglio cosi....... comunque i primi dieci minuti mi sembrava di rivedere la partita di domenica, poi man mano che passava il tempo si migliorava. Al 12° scende sulla fascia destra MICHELIN si accentra tira in porta respinge di pugno il portiere, palla sui piedi a FURLAN che però tira fuori. L'Aquileia sale, e non solo di metri in campo, ed il Fincantieri adotta la tattica del fuorigioco, penso che il direttore di gara ne abbia fischiato almeno una decina. Siamo al 15° lancio a centrocampo da parte di DE PAOLI di testa MICHELIN la prolunga per FURLAN che non fa scattare il fuorigioco, si invola verso la porta, ma purtroppo il tiro non è dei migliori e la palla esce a lato.

Finisce qui il primo tempo 0 - 0 Sicuramente meglio di Domenica però troppe volte caduti in forigioco, c'è da migliorare qualcosa.

Si entra in campo per il secondo tempo, già dal primo minuto si vede che i ragazzi dell'Aquileia voglio far suo il risultato, batte l'angolo di destra VIDON palla ben messa arriva di testa DJORDJEVIC colpisce ma il portiere avversario si allunga e la mette di nuovo in angolo. Al 5° minuto, punizione dal lato sinistro circa alla tre quarti, batte MICHELIN di prima intenzione in porta, tutti battuti anche il portiere, ma non il palo lato sinistro che gli nega il goal. Al 18° FURLAN vede MICHELIN che si lancia verso la porta, lo serve, salta un difensore anche il portiere, ma purtroppo l'ultimo tocco era troppo lungo e non è riuscito a calciare in porta. Al 20° bella discesa del nr.7 della Fincantieri DI PALMA salta l'uomo palla al nr. 9 che tira in porta ma para bene FEDEL. Al 22° esce VIDON RUSSIAN entra IACUMIN. Al 24° siamo sul lato destro del campo palla sui piedi di AMATRUDA che vede FURLAN accellerare verso la porta avversaria palla filtrante, la addomestica, arriva davanti al portiere e con un gran destro insacca 1 - 0.

Al 35 ° entra MORAS e esce ANTONELLI. da qui alla fine solamente un tiro da fuori area della Fincantieri che ribalza paurosamente davanti a FEDEL che poi si salva in angolo.

Partita come detto difficile, la nostra difesa i primi dieci minuti ha dovuto studiare gli avversari, ma poi come detto crescevano di minuto in minuto e dopo avergli preso le misure, grossi probblemi non se ne sono visti. Buono il centrocampo meglio il secondo tempo del primo quando hanno capito di fare passaggi bassi e girare la palla mentre nel primo con i lanci alti e lunghi faceva finire sempre gli attaccanti in fourigioco. Molto bene anche l'attacco forse un pò più cinici sotto porta non dispiacerebbe, ma va bene cosi. L'Aquileia oggi doveva dare dimostrazione ( anzi ogni partita bisogna dare dimostrazione) di chi è, e di meritarsi il posto che tiene in classifica, ed oggi penso lo abbiano fatto BRAVI.


Sesta di campionato si affrontano sul terreno di gioco del comunale di Aquileia, i patriarchini contro lo Staranzano, Mister Brach, nonostante i vari infortuni, giocatori fermati dai giudici sportivi e ragazzi dati alla prima squadra, lo stesso riesce a fare i miracoli e mette in campo un'ottima squadra.

AQUILEIA

1 RAVELLI DAMIOLI 2 MORAS 3 GIUNTA 4 VRECH 5 DE PAOLI 6 AMATRUDA 7 CARBONI 8 VIDON RUSSIAN 9 ANTONELLI 10 FURLAN 11 DJORDJEVIC 12 FEDEL 13 FERRANTI.

La partita è finita 9 a 0 per l'Aquileia, si inizia e i padroni di casa giocano da sinistra a destra per chi guarda dalle panchine, subito alla grande con al 5° minuto gran tiro di Furlan fuori di poco, siamo al minuto 8° e da una palla da centrocampo lanciata lunga da Amatruda sulla sinistra per Giunta, si accentra vede solo al centro Vidon che stoppa e tira in porta 1 - 0; siamo al 15° grande discesa sulla fascia destra di Moras cross al centro palla che arriva a Giunta e non ci pensa due volte ed insacca 2 - 0. Passiamo al minuto 25° discesa sulla fascia sinistra di Giunta palla lungo linea per Carboni che si accentra tira verso la porta, arriva come un falco Furlan che insacca 3 - 0. Passiamo al 30° punizione da fuori area lato destro tira Antonelli colpisce di testa Vidon Russian ed insacca 4 - 0. Al 40° gran tiro fuori dell'area da parte di Djordjevic che prende la traversa e fuori. La sfortuna però ci perseguita ed infatti come altre domeniche anche oggi il nostro infortunio cuotidiano in effetti Moras dopo un contrasto cade male a terra e batte fortemente la testa e si è costretti a sostituirlo con Ferranti. Finisce il primo tempo tutti a bere un buon tè caldo.

Passiamo al secondo tempo al minuto 8° goal di Antonelli uno due con Ferranti e gran tiro in porta alla sinistra del portiere 5 - 0 ; 13° tiro da 30 metri gran bordata di Vidon Russian ed insacca 6 - 0. Al 23° batte l'angolo Giunta al centro dell'area palla sui piedi di De Paoli che la restituisce a Giunta che si era posizionato bene nell'angolo destro dell'area di rigore salta un uomo ed insacca 7 - 0. Al 29° Palo preso da Ferranti. Al 38° batte l'angolo Giunta al centro dell'area prende la palla De Paoli ( che non sa fare solo il difensore, tra l'altro, anche bene!!) ma sa anche segnare i goal come i grandi attaccanti in semirovesciata insacca 8 - 0. Al 40° palla sulla fascia destra per Ferranti che effettua un'ottimo cross per Furlan che vede solo Antonelli lo serve ed insacca 9 - 0.

Bravi tutti, vorrei fare un plauso particolare ai difensori Vrech, De Paoli e a rotazione Giunta Carboni Moras Nocent e Amatruda, perchè anche se vengono da me nominati poche volte sono, e non per caso, la miglior difesa del campionato BRAVI!!!!!!

Mentre per la partita in questione sono stati tutti molto bravi ma spiccano su tutti Amatruda e Djordjevic perchè hanno effettuavano cambi di gioco da destra a sinistra e viceversa liberando i compagni sulle fasce BENE COSI!!!!!!!!!!!!!!

settima di campionato si affrontano sul terreno di gioco del comunale di Palmanova, i padroni di casa contro l'Aquileia Mister Brach, mette in campo questa squadra.

AQUILEIA 1 RAVELLI DAMIOLI 2 MORAS 3 GIUNTA 4 VRECH 5 DE PAOLI 6 AMATRUDA 7 CARBONI 8 VIDON RUSSIAN 9 ANTONELLI 10 FURLAN 11 DJORDJEVIC 12 FEDEL 13 FERRANTI 14 NOCENT.

Ecco come avevo finito il discorso la settimana scorsa!!
Bravi tutti, vorrei fare un plauso particolare ai difensori Vrech, De Paoli e a rotazione Giunta Carboni Moras Nocent e Amatruda, perchè anche se vengono da me nominati poche volte sono, e non per caso, la miglior difesa del campionato BRAVI!!!!!!
 
Ebbene è successo l'inreparabile, oggi il Palmanova ha infilato 3 pere all'Aquileia solo nei primi 40 minuti e sicuramente TUTTA la squadra deve fare un mea culpa perchè a dire inriconioscibili è poco. Giocatori senza grinta senza voglia di fare senza capire dove dovevano stare in campo errori madornali sotto porta e chi più ne ha più ne metta ecc..ecc.... un primo tempo insomma di M.......
 
Tre errori nostri e loro hanno fatto tre goal BRAVI loro. insomma fino ad ora la nostra retroguardia aveva preso 7 goal e solo oggi 4, fate un pò voi..... questo per far capire quanto eravamo in bambola questa mattina. Anzi sono stati ritrovati dei cuscini sul campo di Palmanova, e chi dell'Aquileia li avesse persi e pregato di telefonare a quella dirigenza per riaverli.

Il secondo tempo tutt'altra cosa ma.........troppo tardi peccato abbiamo buttato alle ortiche un campionato che fino ad oggi era ancora aperto. Ecco le marcature al 10° angolo per il Palmanova palla alta, esce a farfalle RAVELLI palla sui piedi di VRECH che cincischia con la palla arriva al nr. 4 avversario ed insacca. Al 30° contropiede del Palmanova palla al nr.10 che con un ottimo pallonetto batte Ravelli in uscita 2- 0. al 40° cros dal lato destro lungo a sinistra sull'angolo sinistro dell'area piccola ed al volo il nr.10 insacca. Finisce il primo tempo. Inizia il secondo all'arrembaggio al 5° cros da destra di CARBONI al centro per FURLAN che di testa insacca 3 - 1 . al 20° nettissimo rigore assegnato dall'arbitro all'Aquileia in quanto il difensore prende la palla con le mani batte VRECH goal 3-2. Si spinge e pure tanto pressando il Palmanova nella loro metà campo ma al 42° un'altro contropiede del nr.10 ci infligge l'ennesimo goal 4-2.
 
oggi non so cosa dire....................vale più un silenzio di mille parole!!!!!!!
 

Ottava di campionato si affrontano sul terreno di gioco a San Canzian, i padroni di casa contro l'Aquileia. Il Mister Brach, decide di mettere in campo:

AQUILEIA

1 FEDEL 2 NOCENT 3 IACUMIN 4 VRECH 5 DE PAOLI 6 AMATRUDA 7 CARBONI 8 VIDON RUSSIAN 9 ANTONELLI 10 FURLAN 11 DJORDJEVIC 12 RAVELLI DAMIOLI 13 GIUNTA 14 ZANINELLO 15 MORAS 16 ATANAS 17 FERRANTI.

Partita sulla carta facile, ma come al solito siamo capaci di complicarci la vita, sbagliando sottoporta l'inverosimile, sembrava stregata la porta del San Canzian. Nulla toglie che i complimenti ai ragazzi, seppur giovani del San Canzian, bisogna farli almeno per quanto hanno cercato di mettere in campo e bravo anche il loro portiere che ha salvato almeno 6 volte la sua porta.

Inizia la partita e l'Aquileia inizia da destra a sinistra per chi guarda dalle panchine.

Passiamo alle azioni al 10° Palla a centrocampo sui piedi di Amatruda lungo per Furlan che spizza per Vidon lancia sulla sinistra limite dell'area Iacumin che tira sulla rete ma fuori. Al 30° Iacumin lanciato bene da Furlan solo davanti al portiere tira , ma l'estremo difensore para con i piedi e palla fuori. 32° ennesima palla goal Furlan vede smarcarsi bene sulla destra Antonelli gli passa la palla tira ma fuori di poco. 38° Cross da destra di Carboni al centro palla di testa per Furlan che la indirizza in porta ma para portiere. finisce primo tempo 0 - 0 .

Secondo tempo già al 2° minuto calcio dangolo da sinistra palla a centro area batti e ribatti mischia - confusione e palla sui piedi di De Paoli che tira alto. Al 6° Cross di Nocent da destra a centro area rovesciata di Vidon Russian e para il portiere. Minuto 8° batte l'angolo Giunta dalla parte destra al centro area difensore di testa la mette appena fuori area e Amatruda non ci pensa due volte e spara in porta ma para bene ancora il portiere. Si sta pressando bene in effetti al 12° sempre Giunta dall'angolo destro testa di De Paoli para il portiere ma con i piedi la palla arriva a Vidon che insacca di prima intenzione 0-1.

Da qui in avanti il San Canzian per cercare di riagguantare il risultato si sbilancia un poco in avanti e l'Aquileia sia al 20° - 23° - 34° - 40° mette i suoi attaccanti scattati sulla line del fuorigioco a tu per tu con il portiere, un pò per bravura del portiere e un pò per sbagli nostri la palla non entrava mai.

Come detto prima siamo bravi a complicarci la vita, meglio il secondo tempo del primo, molte azioni da goal, ma troppi sbagli sotto porta. Bene i difensori sia centrali che esterni un pò di confusione di troppo sempre il primo tempo ma poi tutto si è aggiustato.

Gran bella nota positiva giunge dal terreno di gioco del Ronchi calcio che perde in casa 0 a 3 dalla Fincantieri, questo fà capire che grande partita abbiamo fatto mercoledi contro il Fincantieri battendoli. Ora più che mai bisogna crederci fino alla fine.

 
Nona di ritorno del campionato categoria  Allievi, si affrontano sul terreno di gioco di via Gemina di Aquileia, i padroni di casa contro il Piedimonte. Il Mister Brach, decide di mettere in campo:
AQUILEIA                                                           
1 RAVELLI DAMIOLI 2 NOCENT 3 ZANINELLO 4 VRECH 5 DE PAOLI 6 AMATRUDA 7 CARBONI 8 VIDON RUSSIAN 9 ANTONELLI 10 FURLAN 11 DJORDJEVIC 12 FEDEL 13 MICHELIN 14 MORAS.
Partita sulla carta non difficilissima, ma, come è giusto che sia, contro di noi tutti mettono il cento per cento.
Oggi faccio fatica a fare un commento equo, in quanto ho visto solo un tempo di gara,cioè il primo tempo, dove una bellissima Aquileia a dominato alla grande segnando 3 goal, al 16° cross di Zaninello dalla destra stoppa di petto Furlan porta avanti la palla ed insacca, al 20° Cross sempre da destra di Zaninello palla colpita di testa da Furlan indietro per Antonelli che al volo insacca alla sinistra del portire, e al 25° batte il corner Antonelli palla lunga arriva De Paoli stoppa la palla la da dietro a Carboni che fa partire un tiro chirurgico all’incrocio dei Pali 3-0 , ma di goal agli avversari e ne avrebbe potuti fare almeno altri due, insomma un primo tempo da incorniciare. Secondo tempo entra FEDEL per RAVELLI DAMIOLI, entra MORAS per ZANINELLO.
Ecco questo è quello che io ho visto, ma ………… come ho sempre detto, noi non ci divertiamo se non ci complichiamo la vita, in effetti il Piedimonte segna due goal si porta sul 3 – 2 poi un Goal di MORAS ci porta sul 4 – 2 e subito dopo ancora il Piedimonte segna il 4 – 3.
Quando mi hanno avvisato del risultato finale non volevo crederci, non potevo crederci!!! Un primo tempo stratosferico, e da quello che mi hanno raccontato un secondo tempo ………… lascio a voi il commento.
Ragazzi le partite, se non ve lo ricordate,si giocano 90 minuti, non 45!!!!!!!!!!!!!!!!!!         
E siamo arrivati alla decima di ritorno del campionato Allievi, ormai siamo verso la fine, si affrontano sul terreno di gioco di Lucinico i padroni di casa contro l’Aquileia, il Mister mette in campo:
AQUILEIA                                                           
1 RAVELLI DAMIOLI 2 MORAS 3 ZANINELLO 4 VRECH 5 DE PAOLI 6 AMATRUDA 7 CARBONI 8 VIDON RUSSIAN  9 IACUMIN 10 FURLAN 11 DJORDJEVIC 13 FEDEL 14 RADEV .
Panchina corta verso fine stagione!! un po’ per prestiti alla prima squadra ( come è giusto che sia) un po’ per malattie ecc…, fatto sta, che anche se alcuni giocatori sono del 1995, non hanno di certo sfigurato.
Partita giocata in scioltezza, anche se all’inizio, visto che in 10 minuti abbiamo preso due traverse ed un palo, non nego di aver visto i fantasmi del passato, cioè quando all’andata sempre con il Lucinico abbiamo creato l’inverosimile e concretizzato nulla, se vi ricordate abbiamo segnato 1 – 0 solo a cinque minuti dalla fine gara, ma per fortuna oggi è un’altra storia.
Partiamo con l’Aquileia che gioca da sinistra a destra per chi guarda dalle panchine, come detto nei primi 10 minuti è un vero e proprio assedio al fortino del Lucinico in effetti già al 3 minuto calcio d’angolo dalla destra batte uno splendido corner Furlan colpisce di testa Djordievic ma la palla si stampa sulla traversa e sul rimbalzo la palla finisce sui piedi di Zaninello che tira al volo e colpisce il palo alla sinistra del portiere. Siamo al 10 punizione a centrocampo bel lancio a Furlan che si muove bene si smarca arriva al limite dell’area avversaria fa partire un bolide ma si stampa sulla traversa. Da qui al 25 ci sono stati almeno 5 azioni di contropiede da parte dell’Aquileia, non andate a buon fine, ma appunto passiamo al 25 dove la partita inizia a sbloccarsi, palla lanciata lunga ( ma non per caso o buttata via) dalla difesa precisamente da De Paoli per gli attaccanti, Vidon Russian lascia scorrere con una pregevole finta e la palla arriva sui piedi di Furlan che questa volta è più cinico ed insacca con un bel destro 0-1. Passano solo 5 minuti e da un lancio perfetto da centrocampo effettuato da Djordievic sulla fascia destra per Zaninello arriva il secondo Goal il ZEA dopo aver preso palla si invola verso la porta avversaria mette a sedere il portiere ed insacca 0 – 2. Al 30° non ho ben capito come è andata e pertanto mi limiterò a dare il goal a Furlan come lo ha dato l’arbitro grande mischia in area batti e ribatti ecc…..
Passiamo al secondo tempo e si vede da subito, che la grinta i giocatori dell’Aquileia non l’hanno dimenticata in spogliatoio come l’ultima volta, in effetti al 5 minuto di gioco, palla conquistata a centrocampo da Amatruda che la passa a Furlan di prima a Vidon Russian la gira subito a Iacumin vede Furlan involarsi verso la porta sulla fascia sinistra gli da la palla quest’ultimo vede smarcato e solo Zaninello al centro dell’area che con un pregevole destro insacca 0 – 4.
Esce Iacumin per dolori alla schiena ed entra Radev .Al 7° ennesima traversa di Furlan con bel tiro da fuori area. Al 10° palla lanciata con il contagocce da Djordievic per Furlan sulla fascia sinistra va sul fondo vede al centro Moras gli lancia un pallone ( che come disse una volta un telecronista sulla palla c’era scritto colpisci qui), nulla da togliere a Moras gran bel goal di testa, ma anche il traversone era stupendo 0 – 5 . Al 20° lancio lungo di Vrech per gli attaccanti velo di testa di Djordievic che smarca Furlan solo davanti al portiere non perdona 0- 6. A questo punto siamo al 25° esce Furlan stremato per dolori vari ed entra Fedel. Passiamo al 38°, quando visto il risultato, Moras decide di fare il Messi della situazione in area di rigore e dopo aver fatto due finte e messo a sedere il portiere insacca 0 – 7. Ma c’è gloria anche per Carboni che al 40 passato conquista palla alla tre quarti di campo e con pregevole tiro da fuori area insacca alla sinistra del portiere.
Molto bene tutti i reparti, dal portiere all’attaccante, concentrati ed in partita sino all’ultimo minuto, magari qualcuno dovrebbe ascoltare un po’ di più i consigli dati da un Mister con più di 40 anni di calcio alle spalle, ma per ora e..... per questa volta, va bene così. Piccola considerazione personale, non sempre quello che segna è anche quello che ha giocato meglio, cioè mi spiego, non me ne vogliano i nostri attaccanti o comunque quelli che oggi hanno segnato, ma se non ci fossero stato due pilastri come Amatruda e Djordievic a centrocampo a smistare palloni a destra e a manca e con precisione millimetrica, non credo che saremmo arrivati a questo risultato bravi tutti alla prossima.
 
 
Undicesima di ritorno del campionato Allievi, si affrontano sul terreno di gioco i padroni di casa contro il Cjarlinsmuzane ed il Mister mette in campo:
AQUILEIA                                                           
1 RAVELLI DAMIOLI 2 MORAS 3 NOCENT 4 VRECH 5 DE PAOLI 6 AMATRUDA 7 CARBONI 8 VIDON RUSSIAN 9 ZANINELLO 10 FURLAN 11 DJORDJEVIC 12 FEDEL 13 RADEV 14 IACUMIN.
L’Aquileia comincia la partita da sinistra a destra per chi guarda dalle panchine.
Al minuto 15° scende sulla fascia sinistra Carboni tira verso la porta, Vidon infastidisce il difensore, che sfortunatamente per lui devia il pallone e spiazza il suo portiere 1- 0.
Al minuto 18° Bella triangolazione tra Carboni e Furlan tiro al centro prende palla Moras salta un ‘uomo vede solo al centro dell’area Vidon gli passa il pallone e di sinistro insacca 2 – 0.
Al minuto 30° gran bella azione da goal in effetti scende verso l’angolo destro Furlan traversone perfetto al centro area e Vidon si coordina bene e magistralmente con una semirovesciata insacca 3 – 0 ( come si dice nei campi superiori questa azione valeva i soldi del biglietto).
Siamo al secondo tempo entra Iacumin per Furlan.
Al minuto 5° scende sulla sinistra Carboni cross al centro Vidon di testa insacca 4 – 0.
Entra Radev esce Vrech esce Ravelli Damioli entra Fedel.
Siamo al 30° scende sulla destra Vidon, palla all’accorrente Nocent gran bomba in porta, para il portiere che non trattiene arriva Amatruda che con freddezza insacca  5 – 0.
Gloria anche per Djordievic che da una palla lanciata lunga da Iacumin scatta verso la porta e con un pregievole pallonetto sull’uscente portiere insacca 6 – 0.
Considerazione personale – oggi faceva veramente caldo e anche i giocatori ne hanno risentito e si vedeva in campo alcuni un po’ troppo fermi, ma è andata bene lo stesso.  Bravi tutti
 
Dodicesima di ritorno del campionato Allievi, si affrontano sul terreno di gioco del Ronchi i padroni di casa e l’Aquileia questa la formazione:
AQUILEIA                                                           
1 RAVELLI DAMIOLI 2 MORAS 3 NOCENT 4 VRECH 5 DE PAOLI 6 AMATRUDA 7 CARBONI 8 VIDON RUSSIAN 9 ZANINELLO 10 IACUMIN 11 DJORDJEVIC 12 FEDEL 13 RADEV 14 FURLAN 15 FERRARI 16 ANTONELLI 17 BASS 18 BERGAMO .
L’Aquileia oggi consegna il campionato allievi provinciali al Ronchi, essendo stati sconfitti per uno a zero, e matematicamente il Ronchi vola a 6 punti dall’Aquileia con una sola gara da giocare. COMPLIMENTI AI GIOCATORI DEL RONCHI CALCIO. Per quanto riguarda l’Aquileia chi è entrato in campo a cercato di dare il massimo e questo si è visto anche in partita BRAVI , dico questo, poiché in settimana l’Aquileia ha cercato di rinviare la partita ad altra data a causa di gravi infortuni ai giocatori, il Ronchi purtroppo rifiutava e cosi siamo scesi in campo senza tanti giocatori importanti. Comunque molto soddisfatti di aver fatto esordire giovani di 14 anni ( nella rosa di cui sopra ci sono un 94 tre 95 e tre 96 ), che non hanno sfigurato, COMPLIMENTI anche a loro.
La partita e di quelle sentite finisce il primo tempo sullo zero a zero senza grandi emozioni in campo.
Inizia il secondo tempo e Mister Brach decide di inserire Antonelli al posto di Iacumin, ed in attacco si vede più movimento, tant’è che al 20° palla nella tre/quarti avversaria sui piedi di Antonelli vede libero sulla destra Zaninello lo serve arriva in area tira, ma il portiere con la mano tocca il pallone che va a sbattere sulla traversa, nulla di fatto, l’Aquileia ci crede ed allora alza il baricentro, cosi facendo però si sa, si rischia il contropiede, ma su almeno tre interventi importanti il portiere Ravelli in uscita sui piedi degli attaccanti evita la beffa.
Il fattaccio però succede al 40° quando tutto ormai sembrava finito, retropassaggio sul lungo linea di sinistra per Nocent la da al centro al portiere Ravelli che la ferma di sinistro,tenta di calciare col destro ma arriva come un falco il nr.7 avversario che dopo avergli preso la palla insacca 1 – 0.
Come detto prima complimenti ai giocatori del Ronchi, pensiero mio personale, meritate un campo migliore di quello visto ieri pieno di buche ecc.. ecc…
Mentre ai ragazzi dell’Aquileia dico GRAZIE, si grazie, per averci regalato ancora una volta delle emozioni splendide, averci creduto fino alla fine, aver lottato, ed alcune partite esserci presentati anche solo in undici ma undici GENEROSI Giocatori di calcio, continuate cosi che avrete molte soddisfazioni in questo sport.       
 
Tredicesima e ultima di ritorno del campionato Allievi, si affrontano Aquileia e Audax S. questi i giocatori in campo.:
AQUILEIA                                                           
1 FEDEL 2 MORAS 3 GIUNTA 4 RADEV 5 DE PAOLI 6 AMATRUDA 7 BASS 8 VIDON RUSSIAN 9 ANTONELLI 10 ZANINELLO 11 DJORDJEVIC 12 RAVELLI DAMIOLI 13 BERGAMO 14 FURLAN .
Partita quella di oggi, che aveva un suo significato, in effetti sul terreno ci si giocava il secondo posto nel campionato, poiché il Fincantieri tallonava l’Aquileia, ma i ragazzi del Mister Brach hanno reagito bene alla sconfitta di domenica scorsa e sono scesi in campo determinati, anche se il primo tiro in porta lo effettua l’Audax al 3 minuto ma para bene Fedel, al 5 minuto tiro da fuori area di Zaninello ma para l’estremo difensore dell’Audax. Passiamo al minuto 15 quando con una delle sue solite cavalcate sulla sinistra Giunta salta tre avversari palla al limite dell’area sui piedi di Antonelli che di sinistro tira fuori dallo specchio della porta. Al 35° bella rovesciata di Bass che aveva visto smarcarsi bene sulla sinistra Djordjevic si allunga la palla sul lungo linea crossa al centro e di testa Vidon Russian insacca 1 – 0. Finisce il primo tempo.
Si rientra in campo sempre con la stessa formazione, ma l’Audax ci crede un po’ di più, e certamente la stanchezza si fa sentire nei ragazzi dell’Aquileia, in effetti l’Audax spinge e al 6° da una palla lanciata all’attaccante (in dubbia posizione) insacca 1 -1.
I ragazzi dell’Aquileia sentono il colpo e questo fa si che per altre due volte l’Audax arriva vicino alla porta protetta da Fedel ma sempre sparando i palloni fuori dallo specchio della Porta. Al 25° esce Zaninello entra Bergamo esce Vidon Russian entra Furlan, e l’Aquileia non ci sta a pareggiare questa partita e si vede dalla grinta che stanno mettendo in campo, in rapida successione l’Aquileia ha tre occasioni da goal, sprecate sottoporta da Antonelli – Giunta – Djordievic ( quest’ultimo con un gran tiro di sinistro da fuori area si stampa sull’incrocio dei pali), è il preludio del goal in effetti da una buona giocata di Furlan dopo aver saltato alcuni avversari  con  uno  due  con  Giunta, smarca quest’Ultimo solo in area davanti al portiere, tiro potente e goal 2 – 1.
Finisce qui l’avventura di questo Campionato un ottimo secondo posto con 67 punti  BRAVI ragazzi, 99 goal fatti solo 17 subiti, questo dimostra la grandezza della squadra in tutti i suoi reparti. Peccato per quei troppi cartellini gialli e rossi che qualcuno (meritatamente) si è preso, e soprattutto come dico io …… bisognerebbe attuare di più la Legge delle 10 P ( prima pensa poi parla perché parole poco pensate portano penitenze).
Un Grazie di cuore al Mister BRACH per quello che ha fatto. Il prossimo anno non sarà con noi ma sulla panchina degli Allievi, un grazie soprattutto per i salti mortali che ha dovuto fare con un gruppo cosi ristretto di giocatori ( in prima squadra infortuni ecc..).    


 
ESORDIENTI A 9 2009-2010
 

alt 
 
NOME COGNOME RUOLO
MATTEO VANONE  PORTIERE
ANTONIO MARCELLO  PORTIERE
STEFANO MARCHESAN   DIFENSORE
LEONARDO GUERRA                                        DIFENSORE
 MANUELE GIRARDI  DIFENSORE
 LEONARDO PONTANI   DIFENSORE
DAVIDE CIOT     DIFENSORE 
CHRISTIAN CASTROVINCI  CENTROCAMPISTA 
DAVIDE SPAGNUL   CENTROCAMPISTA
DAVIDE ORMELESE   CENTROCAMPISTA
CHRISTIAN DEIURI   CENTROCAMPISTA
MICHAEL MACIONI  ATTACCANTE
STEFAN DJORDIEVIC                                      ATTACCANTE
ALESSANDRO ZINNI   ATTACCANTE 

 
 GIANPIERO LAPESA MISTER
 MASSIMILIANO PONTANI DIRIGENTE 
MAURO ORMELESE  DIRIGENTE
MAURO SPAGNUL DIRIGENTE
   
   
   
 





CALENDARIO ESORDIENTI A 9 INVERNALE 2009-2010
GIORNATA DATA PARTITA RISULTATO
1  03.10.2009 PERTEGADA – AQUILEIA B  
2  10.10.2009 AQUILEIA B – VARMO  
3 17.10.2009 SANGIORGINA B – AQUILEIA B  
4  24.10.2009  AQUILEIA B – MARANESE  
5  31.10.2009 SEVEGLIANO – AQUILEIA B  
6  07.11.2009 AQUILEIA B – CIRLINSMUZ.  
7 14.11.2009 LATISANA - AQUILEIA  
8      
9      
10      
11      
12      
13      
14      
15      




Ca mpi di gioco
CJARLINSMUZANE: campo di MUZZANA
AQUILEIA B: campo di TERZO di AQUILEIA
SANGIORGINA B: campo Collavin di SAN GIORGIO
SEVEGLIANO : stadio nuovo di SEVEGLIANO




 
2009-2010




 
ESORDIENTI 2009-2010
 
alt 
 
NOME COGNOME RUOLO

MARTELOSSI ANDREA
 
OLIVO ALBERTO  
RIGONAT CHRISTIAN  
BERALDO STEPHANE   
MARCATTI STEFANO   
ROVER MARCO  
MIAN FABIO  
FABRIS STEFANO  
PANEK CHRISTIAN  
MARCHESAN STEFANO  
BALBONI LEONARDO  
 DE LOTTO ANDREA  
SANDRIGO RICCARDO  
BARILE NICOLA   
BERTOGNA STEFANO  
BERTOGNA MARCO  
CORTE ALEX  
   
   
 CARBONE GIOVANNI MISTER 
 





CALENDARIO ESORDIENTI FASE PRIMAVERILE 2010
GIORNATA DATA PARTITA RISULTATO
1 06-03-2010 AQUILEIA  A - GONARS 0-0  0-0  1-0
3-2 
2 13-03-2010  CERVIGNANO A - AQUILEIA A 4-0 0-0 2-0
3-1
3  20-03-2010 AQUILEIA A - VILLA 2-0 2-0 1-0
3-0 
4 27-03-2010 SAN VITO - AQUILEIA A 2-0 0-0 0-0
3-2 
5  10-04-2010 PALAZZOLO - AQUILEIA A 0-1  2-1  0-1 
1-2
6 17-04-2010 AQUILEIA A - MONFALCONE 0-2 1-0 0-2
1 - 2 
7 24-04-2010 RIVIGNANO - AQUILEIA A 1-0  0-0  2-3
3 -1 
8  01-05-2010 AQUILEIA  A - SANGIORGINA A 1-0 1-0 2-0
3-0 
9 08-05-2010  AQUILEIA A - MARANESE 0-2  1-0  1-1
2 - 2 
 10 15-05-2010 AQUILEIA A - CERVIGNANO B  
 11 22-05-2010 LIGNANO - AQUILEIA A  
       
       
       
       



Campi di gioco
AQUILEIA A : campo di AQUILEIA
GONARS : campo COMUNALE
LIGNANO: campo sintetico di LIGNANO
PALAZZOLO: campo di PALAZZOLO
CERVIGNANO A  campo COMUNALE
CERVIGNANO B campo DI STRASSOLDO
SANGIORGINA A : campo COMUNALE SINTETICO
SAN VITO: campo di SAN VITO
RIVIGNANO. Campo di via Falduz
VILLA: campo di VILLA
MARANESE campo COMUNALE
MONFALCONE campo di via boito 53






 
2009-2010

E' iniziato alla grande il girone di ritorno con due grandi vittorie: la prima contro il Villa con il risultato di 4-0 per i nostri ragazzi; la seconda contro il Latisana con uno schiacciante 7-1.
Bravi ragazzi!  


Sabato 28 febbraio a Lignano abbiamo subito - su campo sintetico - una grande batosta: i ragazzi hanno fatto quello che potevano ma il risultato è stato implacabile: 9 reti a 0.
Per riprenderci dalla sconfitta abbiamo cenato con un buon galletto e patatine alla faccia dei lignanesi!
Nonostante le reti subite, la nostra squadra ha confermato la sua imbattibilità di ....forchetta.       

Domenica 8 marzo abbiamo ospitato a Terzo - in tutti i sensi - gli esordienti di Cervignano e, per buona ospitalità, abbiamo concesso loro la vittoria per 8 reti a 3. Il primo tempo (1 - 1) è stato equilibriato ma alla ripresa i Cervignanesi hanno dimostrato un maggior impegno negli scambi, negli anticipi e nelle conclusioni.     

Sabato 14 marzo i nostri ragazzi hanno giocato a Palmanova. Nonostante le raccomandazioni e l'incitamento del mister, la squadra ha subito una nuova immeritata sconfitta (3 - 0). Sono state sbagliate diverse occasioni da goal quando il punteggio era ancora fermo sullo 0 - 0. Anche se la squdra stava perdendo i ragazzi hanno cercato in tutti i modi di rimontare il risultato ma tutti i loro sforzi sono stati inutili perchè la difesa del Palmanova era solida e impenetrabile.      


Questa settimana che precede la sfida con il Torviscosa prevede un duro programma di allenamenti per preparare i nostri atleti ad una svolta positiva del girone di ritorno.-
Sabato 21 marzo, anzichè ad Aquileia la partita si disputerà sul campo neutro di Malisana. Speriamo che la tifoseria faccia sentire il suo calore ai ragazzi che - a quanto pare - ne hanno bisogno!      

Siamo giunti a Malisana carichi di energia, ma il tempo e la sfortuna ci hanno penalizzato.
Il risultato è stato falsato dal forte vento; nel I° tempo con il vento a favore il Torviscosa non è mai riuscito ad arrivare a metà campo, il pressing dei nostri ragazzi è stato continuo e intenso e verso la fine del I° tempo siamo passati in vantaggio.
Nel II° tempo anche se il vento era a nostro sfavore i nostri ragazzi hanno mancato più volte il goal.
Nel III° tempo la scelta del campo mediante la monetina è stata sfavorevole, subito i nostri avversari hanno pareggiato, ma l'Aquileia ha subito reaggito mettendo a segno il II° goal.
Allo scadere della partita il Torviscosa trova il goal inaspettato su calciodangolo.     




 
GIOVANISSIMI 2009-2010
 
 alt
 
NOME COGNOME RUOLO
YAGOFAROV PHILLIP PORTIERE
 ANTONELLI GIOVANNI PORTIERE
SPAGNUL FRANCESCO DIFENSORE
 FEDEL MICHELE  DIFENSORE
BALDUIT MATTEO DIFENSORE
RADEV ATANAS  DIFENSORE
 CALVARUSO ANTONIO  DIFENSORE
 RUSIN MARCO  DIFENSORE
MEREGALLI LEONARDO  DIFENSORE
BERGAMO DAVIDE  CENTROCAMPISTA
 FERRARI DAVIDE CENTROCAMPISTA
 BASS ROBERTO  CENTROCAMPISTA
 CIAN ANDREA  CENTROCAMPISTA
 TOMAT MIRKO  ATTACCANTE
SELVA SIMONE   ATTACCANTE
 JACUMIN SIMONE   ATTACCANTE
FORNASIN MARCO   ATTACCANTE
 BORTZOV VICTOR   ATTACCANTE
 TOSO MARCO   ATTACCANTE
 CARRARO DAVIDE   ATTACCANTE
   
 ALESSANDRO ZORBA   MISTER
ENZO FEDEL  DIRIGENTE 
VALTER NOCENT  DIRIGENTE 
MAURO SPAGNUL DIRIGENTE
 




CALENDARIO 2009/2010
GIORNATA DATA PARTITA RISULTATO
1 04/10/09 AUDAX S. - AQUILEIA 1-1
2  11/10/09 AQUILEIA - ARIS S.POLO 4-0
3 18/10/09 PRO GORIZIA  - AQUILEIA  1-2
4 25/10/09 AQUILEIA - VILLA - VILLA 15-1
5 01/11/09 STARANZANO -  AQUILEIA 1-2
6 08/11/09 AQUILEIA - GRADESE 1-3 
7   15/11/09 FINCANTIERI - AQUILEIA 1-1 
8 22/11/09 PIEDIMONTE - AQUILEIA riposo 
9 29/11/09 AQUILEIA - LUCINICO 2-1 
10 06/12/09 P.CERVIGNANO - AQUILEIA 1-2 
11 08/12/09 AQUILEIA - RONCHI  0-0
12 31/01/10 AQUILEIA - AUDAX S. 3-2
13 07/02/10 ARIS S.POLO - AQUILEIA  0-5
14 14/02/10 AQUILEIA - PRO GORIZIA 1-1 
15 21/02/10 VILLA -  AQUILEIA 0-10 
16 28/02/10 AQUILEIA - STARANZANO 1-0 
17 07/03/10 GRADESE - AQUILEIA 2-0 
18 14/03/10 AQUILEIA - FINCANTIERI 1-3 
19 21/03/10 AQUILEIA - PIEDIMONTE  riposo
20 11/04/10 LUCINICO - AQUILEIA 2-2 
21 18/04/10 AQUILEIA - P.CERVIGNANO  
22 25/04/10 RONCHI - AQUILEIA  












 



CLASSIFICA AGGIORNATA

 
CLASSIFICA
  Punti Gioc. Vinte Pareg. Perse Fatti Subiti Diff. M.Ing.
Fincantieri 40 17 13 1 3 44 17 27 7
Pro Cervignano 35 17 11 2 4 53 18 35 0
Pro Gorizia 33 16 10 3 3 54 21 33 -1
Ronchi Calcio 32 15 10 2 3 39 10 29 1
Aquileia 31 16 9 4 3 47 16 31 -1
Audax Sanrocch. 29 16 9 2 5 39 14 25 -3
Gradese 19 16 6 1 9 32 37 -5 -13
C.Staranzano 16 16 5 1 10 29 36 -7 -16
Lucinico 16 17 5 1 11 27 56 -29 -15
Aris S.Polo 7 15 2 1 12 13 56 -43 -22
Villa 0 17 0 0 17 6 102 -96 -35
  



 

NEWS 2009-2010

 
JUNIORES REGIONALI 2009-2010
 
 alt
 
NOME COGNOME RUOLO

 
COCOLIN ANDREA PORTIERE 
MORO STEFANO  PORTIERE 

 
CAISSUTTI EMANUELE  DIFENSORE 
 DE NUNZIO LUCA DIFENSORE
 DI RAIMO LIDANO DIFENSORE
 DONAT FILIPPO ALBERTO DIFENSORE
 RABINO GABRIELE DIFENSORE
 SCARAMUZZA LORENZO DIFENSORE
NARDINI ALESSIO DIFENSORE
   
DAVID ANDREA
CENTROCAMPISTA
 FRANZOT FEDERICO CENTROCAMPISTA 
GUELI ANDREA
CENTROCAMPISTA
 CIBIN DARIO CENTROCAMPISTA
 NICOLA MATTEO CENTROCAMPISTA
 GUZZON MATTIA CENTROCAMPISTA
LIPRANDI GIOVANNI CENTROCAMPISTA
 ZERBIN FRANCESCO CENTROCAMPISTA
TARLAO LUCA CENTROCAMPISTA
DI PALMO LUCIO ANDREA CENTROCAMPISTA
FRATTA GIANLUCA CENTROCAMPISTA
   
MARAN MATTEO ATTACCANTE
DECORTE STEVEN ATTACCANTE
MIRKOVIC MILOS ATTACCANTE
FOGAR MATTIA ATTACCANTE
   
BARBANA GIORGIO MISTER
TOLLOI ALBERTO DIRIGENTE
CAISUTTI OSCAR DIRIGENTE
DONAT ALESSANDRO DIRIGENTE
 




CALENDARIO JUNIORES REGIONALI 2009/2010
GIORNATA DATA PARTITA RISULTATO
1 19/09/2009 AQUILEIA - TRIESTE 2 - 2 
2 26/09/2009 PRO GORIZIA - AQUILEIA 5 - 0
3 03/10/2009 AQUILEIA - SAN LUIGI  1 - 8
4 10/10/2009 FINCANTIERI - AQUILEIA 1 - 1
5 17/10/2009 AQUILEIA - VESNA  3 - 4
6 24/10/2009 STARANZANO - AQUILEIA 1 - 1
7 31/10/2009 AQUILEIA - PONZIANA 2 - 0
8 07/11/2009 AQUILEIA - MUGGIA 0 - 4
9 14/11/2009 KRAS - AQUILEIA 3 - 2
10 21/11/2009 AQUILEIA - JUVENTINA 5 - 3
11 28/11/2009 MONFALCONE - AQUILEIA 3 - 1
12 12/12/2009 AQUILEIA - SAN GIOVANNI 0 - 1
13 19/12/2009 OPICINA - AQUILEIA  5 - 0
14 16/01/2010 TRIESTE - AQUILEIA  3 - 1
15 23/01/2010 AQUILEIA - PRO GORIZIA  0 - 0
16 30/01/2010 SAN LUIGI - AQUILEIA 5 - 0
17 06/02/2010 AQUILEIA - FINCANTIERI 4 - 4 
18 13/02/2010 VESNA  - AQUILEIA 4 - 1 
19 20/02/2010 AQUILEIA - STARANZANO 3 - 4
20 27/02/2010 PONZIANA - AQUILEIA 6 - 0 
21 06/03/2010 MUGGIA - AQUILEIA 8 - 2 
22 13/03/2010 AQUILEIA - KRAS 1 - 5 
23 20/03/2010 JUVENTINA - AQUILEIA 0 - 1
24 10/04/2010 AQUILEIA - MONFALCONE 1 - 5
25 17/04/2010 SAN GIOVANNI - AQUILEIA 4 - 0
26 24/04/2010 AQUILEIA - OPICINA 2 - 1
 


CLASSIFICA  JUNIORES REGIONALI 2009/2010
POSIZIONE SQUADRA PUNTEGGIO
1 KRAS
 
44
2 TRIESTE CALCIO
 
42
3 SAN LUIGI
 
 41
 
4 MUGGIA
 
 41
5 MONFALCONE   32
6 SAN GIOVANNI
 
 31
7 PONZIANA
 
28
8 VESNA
 
27
9 OPICINA
 
22
10 FINCANTIERI
 
19

11
PRO GORIZIA 18
12 JUVENTINA
 
 17
13 STARANZANO
12
14
AQUILEIA

11

                                                                                                                                                                

OPICINA                                                   AQUILEIA

Bazzara (dal 86° Lanza)                        Cocolin
Lacalamita                                               Liprandi
Ubaldini                                                   Di Raimo (dal 81° Nardini)
Covacich                                                 Donat (dal 61° Caissutti)
Brandmajr                                               Nicola
Polla (dal 86° Molino)                           Guzzon
Drioli (dal 81° Movia)                            Decorte
Fronda  (dal 67° Rados)                       David (dal 46° Gagic
Sora                                                          Fogar
Scheriani (dal 74° Bettini)                    Zerbin (dal 61° Fratta 
                                                                                 dal72° Tarlao)
Grifo                                                          Cibin

All. Rocco                                                All. Barbana

Reti    al 7° Drioli, al 20° Sora, al 68° Scheriani, 82° Rados, al 90° Movia

Ammonizioni:   Opicina Drioli e Scheriani


AQUILEIA                                                                           TRIESTE CALCIO

Cocolin  (57° Moro)                                                          Manosperti  (72°Sorrentino)
Donat                                                                                  Diviccaro
Trevisan                                                                              Cavallini
De Nunzio                                                                          De Marco  (65° Privileggio)
Nicola                                                                                 Persi
Scaramuzza (88° Franzot)                                               De Rosa  (84° Micali)
Di Raimo  (55° Caissutti)                                               Del Moro
Guzzon                                                                                Aiello
Liprandi  (75°Di Palmo)                                                  Marchetti
Milocco                                                                                Del Vecchio  (57°Ramondo)
David  (46° De Corte)                                                       Del Moro  (72° Lanteri)

All. Barbana                                                                       All. Allegretto

RETI     3° Guzzon,  14°Marchetti,  72° De Corte,  82° Marchetti

AMMONIZIONI:  Aquileia:  11° Guzzon  21° Trevisan  45° Liprandi  66° Scaramuzza  
                                               84° Caissutti
 
                             Trieste Calcio: 84° Ramondo  86° Privileggio

NOTE         Bella giornata estiva, campo in perfette condizioni (come sempre) L'Aquileia debutta nel campionato regionale cogliendo un buon punto. Aquileia subito in vantaggio dopo 3 minuti di gioco con Guzzon che sorprende il portiere con un tiro  a campanile. Al 14° Marchetti porta in parità l'incontro. Alla mezz'ora, Cocolin salva il risultato parando un tiro di Aiello a distanza ravvicinata. Al 45° Liprandi atterrato in area ma l'arbitro non concede il rigore e mostra il giallo al capitano Giova per proteste. Ripresa, entra De Corte al posto di David e sarà il protagonista del secondo tempo. Al 70° "spizza" di testa il pallone e mette Milocco tutto solo davanti al portiere ma il n°10 spreca e mette a lato . Due minuti dopo è ancora De Corte che con un pallonetto beffa il portiere in uscita e porta in vantaggio l'Aquileia. Trieste però non ci sta e all 84° si conquista un calcio di punizione dal vertice sinistro dell' area e ancora Marchetti  infila sul primo palo l'incolpevole Moro.  L'Aquileia che ha dovuto rinunciare per squalifica a Cibin e Maran , all'infortunato Zerbin e a Mirkovic non ancora tesserato conquista un buon punto dopo le brutte prestazioni del pre-campionato e fa ben sperare per il proseguo del torneo.
MONFALCONE                                          AQUILEIA

Primo                                                        Cocolin
Silvestri                                                     Caissutti (dal 54° Guzzon)
Gonni                                                        Franzot
Cipollari                                                     De Nunzio
Litvinov                                                     Rabino
Marchesan                                                 Trevisan
Cappai  (dal 48° Turco)                               Milocco (dal 72° Tarlao)
Valencic (dal 80° Novak)                             Cibin (dal 83° Nardini)
Giurissa                                                      Fratta (dal 66° Maran)
Milan                                                          Zerbin (dal 58° David)
Michelini                                                     Decorte

All. Driussi                                                  All. Carbone


RETI:  al 40° Decorte, al 54° Gonni, al 65 Milan, al 80° Giurissa.

Ammonizioni :  Aquileia - Cibin
                         Monfalcone - Silvestri

NOTE.

Sesta sconfitta stagionale per l'Aquileia...CONTINUA,,


AQUILEIA                                                 JUVENTINA

Moro                                                         Petronio
Di Raimo (dal 53° Donat)                           Comelli  (dal 46° Graba)
Carboni                                                    Pojan
De Nunzio                                                 Grudina
Nicola                                                       Brankovic
Cibin                                                         Mauro
Milocco (dal 73° Rabino)                           Bizaj (dal 66° Renda)
Guzzon                                                     Gramazio
Fogar (dal 46° Liprandi)                             Cadez (dal 46° Peric)
Zerbin                                                       Rosolen (dal 62° Toso)
Decorte                                                     De Luca (dal 46° Riskic)

All. Barbana                                             All. Curato

RETI :  al 15° Decorte, al 22° Guzzon, al 45° Gramazio (rig.), al 61° Gramazio (rig.), al 82° Mauro. al 86° Cibin (rig.), al 88° Nicola, al 93° Cibin.

AMMONIZIONI:  Aquileia:   Fogar al 20°, Cibin al 26°
                         Juventina:  Pojan al 70°, Mauro al 76°, Gramazio al 88°
ESPULSIONI:  Juventina: Grudina al 93°

NOTE: Bella, sofferta, importante vittoria dell'Aquileia sulla Juventina, diretta concorrente nella parte bassa della classifica. Mister Barbana anche oggi alle prese con le assenze, convoca Carboni dagli allievi e gli assegna la maglia n°3. Buona la sua gara. Primi minuti di studio delle due squadre con i portieri poco impegnati. Al 12° Guzzon su punizione scalda i guantoni di Petronio. Preludio al gol che arriva puntuale al 15° con Decorte servito magistralmente da Zerbin, portiere in uscita e tocco di Steven che insacca. Juventina accusa il colpo e al 22° subisce ancora con Guzzon che riceve da Fogar un perfetto assist. Il mamolo non sbaglia ed è 2 a 0. Reazione della Juventina che si rende pericolosa al 33° ma è bravo Carboni a sventare il pericolo e poi al 38° ,ma ,Moro si supera e non si fa beffare da un tentativo di palonetto del n° 9 Cadez. Al 44° Decorte sfiora il terzo gol ma Petronio devia il tiro in angolo. Secondo minuto di recupero, Nicola interviene fallosamente in area sull'attaccante goriziano De Luca ed è rigore. Calcia Gramazio e batte Moro. 2 a 1. Buon 1° tempo dei ragazzi di mister Barbana che meritavano di andare al riposo con un punteggio più rotondo. Ad inizio ripresa subito tre sostituzioni per i goriziani mentre mister Barbana lascia negli spogliatoi Fogar ed inserisce Liprandi non in perfette condizioni fisiche. La partita prende subito il volo, il ritmo sale e i portieri sono subito impegnati. Al 61° il secondo rigore per i goriziani. In mischia in area patriarchina Moro si scontra con un avversario, l'arbitro concede il penatly. Sul dischetto ancora Gramazio, Moro intuisce ma il pallone si insacca. 2 a 2. L'Aquileia non si accontenta del pareggio e spinge sull'accelleratore ma al 65° un clamoroso liscio di Moro uscito dall'area fa salire la pressione al Mister. Il portierone però riesce a recuperare. Al 75° un gran tiro di Nicola impegna Petronio, sulla respinta è pronto Decorte ma in fuorigioco e all'80° è Cibin su punizione a sfiorare il gol. All'82° la doccia fredda. Mauro riceve palla al limite dell'area, dribling e tiro all'incrocio dei pali. Gran gol e Juventina immeritatamente in  vantaggio. Mancano 8 minuti alla fine e il fantasma della sconfitta sorvola via Gemina. Rabbiosa reazione dei patriarchini. Liprandi riceve palla, entra in area e viene steso. Rigore. Cibin dal dischetto mette in parità la gara. L'Aquileia però vuole l'intera posta in palio e 2 minuti dopo si conquista un calcio di punizione sulla sinistra. Si sistema il pallone Nicola che con un preciso tiro sopra la barriera beffa Petronio. Aquileia in vantaggio. Il pubblico e la panchina esultano. Ultime battuta di gioco e la Juventina subisce ancora con Cibin su punizione. 5 a 3. Goriziani in dieci per l'espulsione del n° 4 per fallo da tergo su Liprandi. Triplice fischio dell'arbitro e Aquileia che sale in classifica a 9 punti. Punti meritatissimi quelli conquistati oggi che danno un'iniezione di fiducia a questi ragazzi che sono sempre presenti a tutti gli allenamenti lavorando con molta serietà e passione.
  FINCANTIERI                                        AQUILEIA

Siega                                                      Cocolin
Gergolet                                                  Caissutti (60° Di Raimo)
Hurtado                                                   Scaramuzza
Pupia (84° Afelza)                                    De Nunzio
Cargnel                                                   Donat
Benigni                                                    David
Subotic                                                   Milocco (88° Di Palmo)
Vinci                                                       Liprandi
Maurutto                                                  Mirkovic
Guerrero                                                  Decorte (52° Cibin)
Franco  (84° De Grassi)                            Fogar (84°Franzot)

All. Mauri                                                 All. Barbana

RETI;    al 4° Mirkovic      al 53° Franco

AMMONIZIONI;  Fincantieri   al 19° Hurtado  al 54° Cargnel  al 55° Franco
                         Aquileia:  nessuna

ESPULSIONI     Fincantieri  al 90° Siega

TITOLO:     L' AQUILEIA TORNA A CASA CON UN SOLO PUNTO,.....
                    L' ARBITRO CON GLI ALTRI DUE....


CRONACA:  Posticipo al lunedi per l'Aquileia che incontra a Pieris il temibile Fincantieri. Mister Barbana deve rinunciare a Nicola squalificato, a Moro, Guzzon, Maran, e Zerbin indisponibili. Pronti via e l'Aquileia al primo affondo passa in vantaggio. Perfetto assist filtrante per Mirkovic che di sinistro trafigge il portiere Siega. La partita si mette subito bene per i ragazzi di Mister Barbana che non si accontentano e cercano subito di raddoppiare il vantaggio ancora con Mirkovic.Fincantieri chiuso nella propria metà campo non riesce a reagire. Verso la mezz'ora l'Aquileia allenta la pressione e i cantierini  si affacciano in area avversaria ma senza impensierire il portiere Cocolin  Al 35° altra occasione per il raddoppio con Decorte che colpisce la traversa. Al 45° Fincantieri vicino al pareggio su punizione ma è bravo Cocolin a deviare in angolo. Ottimo primo tempo per l'Aquileia che dimostra grande carattere e determinazione a volere a tutti i costi portare a casa un risultato positivo. Difesa attenta, centrocampo ordinato e concentrato , attaccanti pronti a gettarsi su ogni pallone. Ripresa e subito la prima "svista" arbitrale. Decorte ben lanciato sulla destra (forse in posizione sospetta). entra in area e brutalmente viene steso. RIGORE... ma l'arbitro dice " non ho visto ". Il povero Decorte intanto dolorante al ginocchio è costretto a lasciare il campo. Entra Cibin. Fincantieri in contropiede, lancio per l'esterno Subotic in chiara posizione di offside, Cocolin in uscita, assist sul secondo palo per il n° 11 Franco che si trova tutto solo davanti al pallone e addirittura dietro il portiere a un metro dalla linea di porta. GOL e l'arbitro convalida. SCANDALOSO. Aquileia frastornata per il torto subìto ma non demorde. Al 63° è il palo che salva la porta di Cocolin. Il gioco si fa duro e i ragazzi sono bravi a mantenere la calma. Gli ultimi 20 minuti solo Aquileia in campo che cerca in tutti i modi di portare i 3 punti a casa. Il portiere Siega, migliore in campo è in vena di miracoli. Mirkovic, Fogar, David e Cibin lo bombardano ma non cede. AL 90° altro episodio. Lancio per Milos, portiere in uscita lo stende chiaramente in area. Rosso per Siega e nello stupore generale l'arbitro assegna una punizione fuori area. INCREDIBILE. Calcia David alto. Triplice fischio e tutti sotto la doccia. Arbitro a parte, rimane la grande partita tatticamente perfetta dei ragazzi di Mister Barbana. Adesso bisogna dare continuità, il Vesna sabato arriverà forse un pò meno tranquillo




                                                       
 STARANZANO                                         AQUILEIA

Felici                                                         Cocolin
Iodice                                                        Caissutti (dal 87° Rabino)
Esposito (dal 60° De Blasi)                         Scaramuzza
Verzegnassi  (dal 86° Tammaro)                 Di Raimo
Cipolletta                                                   Donat
Coppola  (dal 88° Del Bello)                       Nicola
Ardito (dal 46° Passaro)                              Decorte
Russo                                                         David (dal 75° Guzzon)
Feruglio (dal 74° Marchesan)                      Mirkovic
Cipolletta An.                                             Cibin
Capane                                                       Zerbin (dal 64° Liprandi)

All. Tordi                                                    All. Barbana

RETI : al 61° Mirkovic, al 97° aut. Scaramuzza

AMMONIZIONI:  Staranzano al 30° Cipolletta, al 65 Capane, al 73° Passaro
                         Aquileia: al 64° David

ESPULSIONI:  Staranzano: al 30° Piran (dalla panchina) al 85° Felici, al 89° l'assistente dell'arbitro Sig. Russo

NOTE. Partita difficile quella giocata dall'Aquileia sul campo dello Staranzano sia per le condizioni del terreno di gioco, sia per il clima intimidatorio che si è venuto a creare nel corso della partita in campo e fuori. L'Aquileia deve riscattare la beffa subìta sabato scorso dove in vantaggio per 3 a 1 a 15 minuti dalla fine si è fatta rimontare e superare dal Vesna. Mister Barbana deve rinunciare al centrale De Nunzio, a Liprandi non al meglio che porta in panchina, a Fogar convocato in prima squadra. Ritrova, dopo la squalifica, Nicola. L'Aquileia parte contratta, non riesce a dare spinta offensiva, in difesa troppe incertezze, a centrocampo in ombra Cibin e Zerbin. Al 13° buona discesa di Nicola che serve Mirkovic in area. Il tiro del serbo però sbatte addosso al portiere. Staranzano pericoloso con il n°9 Feruglio che impegna Cocolin. Al 23° ci prova David con un un tiro da 3o metri che il portiere alza sopra la traversa. Al 28° gol di Decorte che di piatto al volo mette alle spalle del portiere. L'arbitro però vede una posizione di fuorigioco e annulla. Prima espulsione al 30°. L'arbitro caccia dalla panchina il n° 17 per ingiurie e il dirigente lo accompagna negli spogliatoi a suon di schiaffi e calci nel sedere. Nei minuti finali due grandi parate di Cocolin che salva il risultato e un tiro alto del n° 9 Feruglio a 3 metri dalla porta. Intervallo con il mister Barbana impegnato negli spogliatoi a riordinare le idee e spronare i ragazzi a dare di più. Ripresa e l'Aquileia sembra più viva e al 16° Mirkovic risolve una mischia in area portando in vantaggio la sua squadra. A questo punto il clima si surriscalda dentro e fuori il campo. Il pubblico si porta a ridosso della rete di recinzione e insulta arbitro, giocatori avversari e dirigenti. L'arbitro a stento riesce a mantenere in pugno la partita. Staranzano in forcing ma la difesa patriarchina sembra reggere. All'85° il portiere Felici tenta di colpire a gioco fermo Decorte. L'arbitro lo vede e gli mostra il rosso. Si accende una furibonda rissa e rimane a terra ancora Decorte colpito da un pugno alla testa. Dirigenti e allenatore in campo per sedare la rissa mentre l'accompagnatore soccorre Decorte dolorante. L'arbitro dice di non aver visto niente. L'attaccante aquileiese viene accompagnato al bordo del campo mentre il pubblico inveiva con minacce e sputi verso direttore di gara, giocatori e dirigenti avversari. Riprende il gioco e subito dopo viene cacciato anche il guardalinee di casa, Al 90° l'arbitro segnala 6 minuti di recupero ma avrebbe fatto meglio a chiudere la gara prima visto che si era venuta a creare una vera e propria caccia all'uomo. Il recupero è trascorso ma l'arbitro fa proseguire mentre il n°8 Russo scendeva sulla sinistra. Cross in area e molte teste sfiorano il pallone ma il rimbalzo ,prima sul terreno poi sul ginocchio di Scaramuzza, beffano l'incolpevole Cocolin che non può far altro che raccogliere il pallone in fondo al sacco. 1 a 1 e triplice fischio dell'arbitro. Ennesima beffa per l'Aquileia che si vede portare via altri 2 punti sul filo di lana. Partita giocata come già detto in un clima intimidatorio con scene che non centrano nulla con il calcio. L'arbitro ha il dovere di scrivere sul referto tutto quello che è successo in modo che il giudice sportivo possa infliggere la giusta punizione prima che sul quel campo possa succedere qualcosa di più grave.
AQUILEIA                                               MUGGIA

Cocolin                                                  Fantuz
David   (dal 79° Tarlao)                           Prassel
Rabino  (dal 46° Mirkovic)                      Dudine (dal 60°Tremul)
Di Raimo                                                Donadel (dal 82° Carminati)
Donat                                                     Leiter
Nicola                                                    Kosmac
Zerbin  (dal 70° Maran)                          D'Aliesio  (dal 67° Altin)
Guzzon                                                  Roiaz
Liprandi  (dal 61° Franzot)                      Savit (dal 74° Dragone)
Cibin                                                      Puzzer
Decorte                                                  Lenassi  

All. Barbana                                          All. Busetti

RETI:   al 28° aut. Nicola,  al 44° D'Aliesio,  al 51° Puzzer,  al 87° Dragone

AMMONIZIONI :  Aquileia  Donat al 40°

NOTE :  Il Muggia passeggia, sotto una pioggia battente, sulle rovine di una povera Aquileia portandosi a casa 3 meritatissimi punti. Aquileia mai in partita, tranne che per i primi 7-8 minuti dove aveva fatto sperare i suoi tifosi facendo vedere qualche buona giocata. Poi però è calato il buio in tutti i sensi e metà dei fari hanno cercato di far chiudere la gara già nel primo tempo. Al 28° rinvio corto dal fondo, ripartenza dei triestini, palla al centro che Nicola svirgola e deposita alle spalle di Cocolin. Muggia in vantaggio. Sul finire del primo tempo il raddoppio con D'Aliesio che chiude la partita. Barbana nell'intervallo lascia nello spogliatoio Rabino e getta nella mischia Mirkovic reduce dalla buona prova in prima squadra siglando anche un gol. La musica però non cambia, è sempre il Muggia che comanda il gioco e al 51° Puzzer con una magistrale punizione dal limite porta a 3 le reti. Aquileia stordita e senza forze per tentare una reazione, e sul finire della gara Dragone arrotonda il punteggio portando a quattro il bottino. Finisce cosi il posticipo del lunedi sotto il diluvio di acqua e gol con il Mister barbana che sconsolato non gli resta che buttarsi su un buon piatto di pasta calda e un bicchiere di rosso.          
AQUILEIA                                                 S. GIOVANNI

Savic                                                        Paulich
Donat (dal 78° Nardini)                             Dragosavljevic
Di Raimo (dal 72° Fratta)                           Deganutti
De Nunzio                                                Spazzali
Nicola                                                      Sergas
Guzzon                                                    Petrucco (dal 83° Kaceli)
Liprandi (dal 78° Tarlao)                           Zippo (dal 89° Puzzo)
Milocco (dal 46° Zerbin)                           Vassallo
Fogar                                                       Bardelli (dal 78° Zacchigna)
David (dal 87° Gueli)                                De Feo
Decorte                                                    Kostic (dal 87° Carignani)

All. Barbana                                            All. Braico

RETI: al 2° Kostic

AMMONIZIONI :   Aquileia : De Nunzio al 63°  e Zerbin al 56°
                           S Giovanni : Kostic 

NOTE:     Dodicesima partita del girone di andata, l'Aquileia ospita il S. Giovanni. Mister Barbana deve rinunciare allo squalificato Cibin ma recupera Liprandi influenzato in settimana. In porta propone il nuovo arrivo Savic dalla Gradese recuperato dopo un lungo infortunio.  Serata fredda, dirige l'incontro il sig. Taverna di Gorizia. Primo minuto di gioco, Nicola ferma con un braccio una palla vicino il vertice sinistro dell'area. Calcio di punizione, sulla palla Kostic che scavalca la barriera e porta in vantaggio i triestini. La risposta dell'Aquileia non si fa attendere e al 4° Decorte di testa impegna il portiere Paulich. Dopo queste due fiammate iniziali la partita ha una fase di stallo, triestini padroni del centrocampo che fanno girare palla con tranquillità ma senza affondare i colpi. Alla mezzora proteste aquileiesi dopo un fallo subito in area da Decorte. Due punizioni sui 25 metri prima di Nicola e poi di Guzzon impegnano il portiere triestino. Finisce così la prima frazione di gara. Alla ripresa Mister Barbana  lascia negli spogliatoi Milocco convocato in prima e lo sostituisce con Zerbin. Secondo tempo con poche emozioni e scarse conclusioni a rete. Triestini che amministrano il vantaggio iniziale con tranquillità e precisione nei passaggi. Al 72° mister Barbana manda in campo Fratta per un affaticato Di Raimo e all'81° crea l'occasione più pericolosa del secondo tempo. Sulla destra conquista palla, entra in area e tira, palla deviata dalla difesa e Decorte per un soffio non arriva alla deviazione in gol. Minuti finali con l'Aquileia che cerca il pareggio ma senza convinzione e S. Giovanni che aspetta il triplice fischio che arriva puntuale dopo 3 minuti di recupero. Ancora una sconfitta per i ragazzi di Mister Barbana che vedono allontanarsi le possibilità di agganciare il gruppetto a metà classifica. Sabato prossimo la trasferta di Opicina concluderà il girone di andata e la speranza è di andare al giro di boa con dodici punti.                       
PRO GORIZIA                                                       AQUILEIA

Godeas                                                                Moro
Marcosig                                                             Donat  (46° Decorte)
Sinkovich                                                           Trevisan
Casonato                                                             De Nunzio
Visintin                                                               Nicola
Tomani                                                               Guzzon  (56° Caissutti)
Fedele  ( 62°Cernic)                                             Di Raimo  (74° David)
Barone                                                               Scaramuzza  (83° Gueli)
Lovisoni  (68° Germini)                                       Mirkovic
Lega                                                                   Cibin  (75° Maran)
Barone G.  (70° Caianiello)                                 Liprandi


Reti: 36° Lega ,   53° Lega ,   64° Barone G. (rig.) ,  70°  Barone G. ,                  88° Caianiello

Ammonizioni:    Aquileia :  Moro   64°
                          Pro Gorizia:  Fedele  47°

Note.  Difficile trasferta quest'oggi per l'Aquileia nello storico stadio di via Capodistria. Dopo il buon punto  conquistato con il Trieste i ragazzi si mister Barbana si presentano a Gorizia con il morale alto. Rientrano nelle fila bianco-azzurre Cibin, Mirkovic e Maran. Lasciato a riposo il portiere Cocolin sostituito da Fedel. Buon avvio di gara per l'Aquileia che non pare per niente intimorita e fa vedere qualche buona trama di gioco. Il Pro Gorizia dopo un quarto d'ora di sonno si sveglia e comincia a macinare gioco. Il centrocampo fa girare bene il pallone e gli attaccanti vanno spesso al tiro. Moro a questo punto sale in cattedra e si oppone a molte conclusioni. Al 36° però nulla può fare su un bel tiro sul secondo palo di Lega (migliore in campo) Si va al riposo sull' 1 a 0. Donat dolorante chiede il cambio, entra Decorte, punta, e la difesa passa a quattro e saranno dolori. Centrocampo inesistente quello dell'Aquileia con il fantasma Cibin e gli altri che non riescono mai a fare due passaggi consecutivi. Il Pro Gorizia così chiude la partita al 53* ancora con Lega, poi è Barone G. che porta a 3 il bottino su calcio di rigore causato dall'incolpevole Moro. Il quarto gol ancora di Barone in posizione chilometrica di fuorigioco e chiude Caianiello con un tiro che voleva essere un cross e invece beffa Moro e si insacca. Partita da dimenticare in fretta per l'Aquileia e proiettarsi subito con la testa a sabato prossimo dove arriverà in via Gemina la capolista San Luigi.

AQUILEIA                                                               PONZIANA

Cocolin                                                                      Blasevich
Di Raimo                                                                  Flora
Scaramuzza                                                            Baroni
De Nunzio  (dal 40° Rabino)                               Ritossa
Nicola                                                                       Mancosu
Guzzon                                                                    Moncata
David                                                                        Tari
Cibin                                                                         Sterpin
Mirkovic  (dal 89° Maran)                                      Cupovic
Zerbin     (dal 75° Franzot)                                   Tomasi
Decorte                                                                     Tarable (dal 46° Ruzzier)

All. Barbana                                                            All. De Feo

RETI: al 44° Mirkovic  al 47° David

AMMONIZIONI :  Aquileia    al 22° e 57° Scaramuzza, al 62° Rabino,  al 70° Zerbin
                              Ponziana :  al 59° Cupovic. al 93° Flora,

ESPULSIONI:   Aquileia: al 57° Scaramuzza
                            Ponziana al 84° Sterpin e Tari

CORNER      Aquileia 4,  Ponziana 3

NOTE:.      E' ariivata finalmente la tanto sospirata prima vittoria per l'Aquileia. Dopo averla vista sfunare al 96° sabato scorso, arrivano i 3 punti contro il Ponziana. in una partita che ha visto i padroni di casa per lunghi tratti comandare il gioco. I triestini partono subito forte e si rendono pericolosi al 2° minuto con  Cupovic e al 5° dopo che Cocolin non riesce a trattenere una palla alta. La pressione iniziale del Ponziana va via via calando e l'Aquileia comincia ad infastidire il portiere ospite. Al 18° è Mirkovic su punizione che impegna a terra Blasevich. Al 23° Zerbin dribla un paio di avversari in area ma il tiro è alto. Il Ponziana soffre e cerca di portarsi in avanti con il n° 9 Cupovic ma l'attaccante sa soltanto sfoderare un calcione a De Nunzio sulla spalla che sarà costretto a lasciare il campo al 40°. Entra Rabino. Al 44° l'Aquileia passa. Punizione sulla sinistra all'altezza della bandierina, batte Zerbin, Mirkovic salta, la palla colpisce nuca e spalla e spiazza il portiere che non può fare altro che raccogliere il pallone in fondo al sacco. 1 a 0. Riposo con i patriarchini meritatamente in vantaggio. Un buon primo tempo quello giocato dall'Aquileia che nonostante alcune assenze importanti in difesa di Donat e Caissutti e a centrocampo di Liprandi, ha saputo tenere bene il campo senza mai andare in affanno. Ripresa e subito il raddoppio dell'Aquileia. Mirkovic servito in area ma con le spalle alla porta, serve magistralmente di tacco un pallone a David che dal limite dell'area di destro trafigge il portiere triestino. Esultanza in campo e fuori ma come ci hanno insegnato altre partite è meglio tenere alta la concentrazione fino al 96°. Infatti dieci minuti dopo l'Aquileia rimane in dieci per l'espulsione per doppio giallo di Scaramuzza. Mister Barbana prima sposta sulla sinistra Decorte, poi fa entrare Franzot che sostituisce Zerbin riportando il n°11 a centrocampo. Al 70° un clamoroso liscio di Nicola mette il n°7 Tari a tu per tu con Cocolin ma l'etremo difensore patriarchino ipnotizza l'attaccante e sventa il pericolo. Sul finire della gara ancora una incursione del n° 10 Tomasi che scheggia il palo. All'84° doppia espulsione per proteste di Tari e Sterpin che lasciano il Ponziana in 9 e con le pive nel sacco. Dopo 4 minuti di recupero l'arbitro manda tutti sotto la doccia. Aquileia in continua crescita che cerca di scalare la classifica con questi tre punti ma in credito ancora con la fortuna. Mister Barbana finalmente soddisfatto pensa già alla prossima gara con il Muggia in posticipo lunedi 9 alle ore 18.30, sperando di fare un buon lavoro durante la settimana recuperando qualche giocatore infortunato.
                                               
AQUILEIA                                                       VESNA

Cocolin                                                          Sorci
Caissutti                                                         Vaccaro (67° Zarba)
Scaramuzza                                                   Sironis
Di Raimo                                                        Bagatin  (59° Del Savio)
De Nunzio                                                      Poric
Guzzon (62° Rabino)                                      Rossoni S.
Fogar                                                             Werpan
David                                                             Vaccaro
Mirkovic                                                        Padino
Cibib                                                             De Bernardi
Zerbin ( 82° Franzot)                                      Salice


RETI:  al 49° De Bernardi, al 51° Mirkovic, al 53° Fogar, al 71° Fogar, al 75° Del Savio, al 83° Werpan, al 91° Padino

AMMONIZIONI:  Aquileia  al 55° Scaramuzza. al 76° Rabino, al 81° Cibin
                         Vesna  al 80° Vaccaro, al 85° Poric

NOTE: Rocambolesca partita quella giocata tra Aquileia e Vesna sul prato di via Gemina. L' Aquileia anche quest'oggi deve fare i conti con le numerose assenze ma recupera Zerbin, importante pedina per il centrocampo patriarchino. Primo tempo con buone giocate dei ragazzi di Mister Barbana che creano diverse occasioni per passare, Clamorose quelle sprecate da Zerbin al 2° minuto e da Fogar al 37°. Nella ripresa i fuochi d'artificio. Vesna subito in vantaggio ma subito risponde Mirkovic che mette in parità l'incontro. Due minuti dopo papera del portiere triestino che si fa scavalcare da un rimbalzo e Fogar mette dentro. Al 71° altro svarione del portiere che rimette il pallone addosso a Fogar, il rimbalzo beffa il portiere e si insacca. Il Vesna non si arrende e 4 minuti dopo accorcia con Del Savio che raccoglie di testa un calcio di punizione tutto solo in area. Si riapre la partita e al 78° Mirkovic si divora la palla dei 4 a 2. Vesna in pressing e pareggio al 83° di Werpan dopo una grande discesa del n°7. Il pareggio può accontentare l'Aquileia ma il Vesna non ci sta e al 91° infila nuovamente Cocolin con un missile rasoterra del n°9 dal limite dell'area. Terza sconfitta per l'Aquileia e penultimo posto in classifica. E' questo il magro bottino dopo la quinta di campionato ma le ultime due partite hanno fatto vedere voglia e grinta e continuando su questa strada i punti arriveranno.
AQUILEIA                                                     SAN LUIGI


Moro    (46° Fedel)                                         Guglia  (46° Zacchigna)
Rabino    (50° Guzzon)                                   Deskovic  (80° Dalle Aste)
Scaramuzza                                                  Spena
De Nunzio                                                     Mastrogiacomo
Nicola                                                            Giorgi
Caissutti  (46° Fogar)                                      Zamarini
Di Raimo                                                        Nigris
Liprandi                                                         Faiman  (46° Rosini)
Mirkovic                                                        Menichini
Cibin  (78°David)                                            Romano  (46° Marrone)
Decorte  (74°Franzot)                                      Pussini  (80°Dolsi)


RETI:  al 5° Pussini, al 21° Romano, al 28° Menichini, al 34° Spena, al 46° Mirkovic, al 72° Menichini, al 75° Menichini, al 79° Pussini, al 86° Marrone


AMMONIZIONI: al 84° Scaramuzza

ESPULSIONI : al 71° Nicola per frase ingiuriosa all'arbitro.


NOTE:  Giornata nera per l'Aquileia che viene seppellita da una valanga di gol dalla capolista San Luigi.
Buono l'avvio di gara dei patriarchini ma il San Luigi al primo affondo passa in vantaggio. Un minuto dopo Mirkovic si divora una colossale palla gol a tu per tu con il portiere. Passa il tempo e il San Luigi è sempre piu' padrone del campo. Moro sfodera qualche bella parata ma i triestini passano per altre tre volte, Il primo tempo si chiude sul 0 a 4. Ripresa e subito Mirkovic accorcia le distanze. L'Aquileia ci crede e spinge sull'accelleratore e sfiora il gol con Fogar e poi l'arbitro non concede un chiaro calcio di rigore su Decorte. Minuto 71, diverbio di Nicola con l'arbitro. Rosso diretto per il numero cinque patriarchino. Da qui in avanti solo San Luigi che infilerà per altre quattro volte la porta difesa da Fedel.


KRAS                                                      AQUILEIA

Dedenaro                                                Moro
Devnikar                                                 Rabino
Dolliani                                                   Franzot
Candotti                                                 De Nunzio
Kovacic                                                  Nicola
Krizmancic                                            Cibin
Jankovic                                                Milocco (dal 62° Maran)
Andrejic (dal 58° Jurincic)                     David
Martini                                                   Zerbin (dal 71° Antonelli)
Pecar (dal 57° Pettirosso)                        Guzzon (dal 81° Tarlao)
Marino (dal 64° Gajic)                            Decorte

All. Kragelj                                            All. Barbana


RETI:  al 16° Andrejic,  al 24° Krizmancic,  al 73° David,  al 89° Jankovic,  al 91° Decorte.

AMMONIZIONI:    Aquileia  al 56° Cibin, al 77° Decorte
                            Kras  al 82° Gajic

CORNER:    Kras 8,  Aquileia 5

NOTE  Proibitiva trasferta quest'oggi per l'Aquileia che va a far visita al Kras secondo in classifica su un campo sperduto in mezzo ai boschi. Ben otto sono gli assenti nelle fila della compagine patriarchina e Mister Barbana deve inventarsi l'ennesima formazione. Dopo la pesante sconfitta di lunedi scorso con il Muggia, l'Aquileia vuole far punti per rimanere agganciata alle squadre di metà classifica. Inizio positivo dei ragazzi di mister Barbana che vanno vicino al gol con Guzzon al  3° minuto su punizione e poi ancora con il mamolo ma il tiro è debole. Al quarto d'ora il primo affondo del Kras che si conquista una punizione sulla trequarti. Il tiro di Andrejcic è potente e teso e Moro è battuto. 1 a 0. L'Aquileia accusa il colpo e stenta a reagire. Troppi i passaggi sbagliati dei patriarchini che difettano in precisione. Al 24° Krizmancic abile ad infilare la difesa ospite e trafiggere per la seconda volta Moro. Il primo tempo si conclude sul 2 a 0. Mister Barbana scuote la squadra nello spogliatoio e i risultati si vedono. Squadra grintosa e voglia di recuperare il risultato si vedono subito all'inizio della ripresa. Decorte sfiora il gol al 46° e al 48° e poi è Guzzon ad impegnare il portiere. Al 63° Mister Barbana sostituisce uno spento Milocco con il vivacissimo Maran ma al 68° è il Kras con Jankovic che con un tiro da fuori area colpisce la traversa. Al 73° conquista palla David e da 25 metri lascia partire un missile che si infila sotto la traversa. 2 a 1. L'Aquileia prende coraggio e chiude il Kras nella sua metà campo. Al 79° rigore non concesso per un fallo netto su Decorte nell'area piccola. Proteste dalla panchina ospite. Minuti finali di una gara giocata con grande intensità ma le emozioni non sono finite. Contropiede del Kras e gol del 3 a 1 con Jancovic che raccoglie una respinta corta di Moro. Partita chiusa ma l'Aquileia non si arrende e al 91° accorcia con Decorte. Ottimo secondo tempo dell'Aquileia che avrebbe meritato il pareggio ma quest'anno la dea bendata ha deciso di voltare le spalle ai patriarchini. Non importa, avanti così e prima o poi i punti arriveranno



NEWS. 2009-2010

TRIESTE                                                      AQUILEIA



VESNA                                                      AQUILEIA

Rossoni                                                   Cocolin (dal 89° Fedel)
Zarba                                                        Gagic
Vaccaro  (dal 48° Del Savio)               Di Raimo
Bagatin                                                    De Nunzio
Puric                                                         Nicola
Vidoni  (dal 69° Vascotto)                   Guzzon (dal 89° Nardini)
Kerpan                                                     Liprandi
De Pasquale                                           David
Radivo  ( dal 79°Del Savio                 Di Palmo
Cheng                                                    Franzot
Simonis                                                 Fogar

All.  Toffoli                                           All.  Barbana

RETI :  al 16° De Pasquale,  al 48° De Pasquale, al 53° Radivo,  al 56° Guzzon, al 88° Vascotto

AMMONIZIONI       Aquileia   Guzzon, Liprandi, David
                                   Vesna    Zarba

Note:   Partita giocata per 85 minuti dall'Aquileia nella metà campo del Vesna ma quattro azioni fulminanti dei Triestini stendono i ragazzi di mister Barbana. Unica nota positiva l'ottimo esordio di Di Palmo.
 




AQUILEIA                                                            PRO GORIZIA

Cocolin   (dal 54° Savic)                                   Godeas
Di Raimo                                                              Caianiello
Trevisan  (dal 46° Zerbin)                                Plahuta
Gagic                                                                     Colla
Donat (dal 61° Nicola)                                       Marcosig
Guzzon                                                                  Cernic              
Milocco                                                              Loshi  (dal 62° Visintin
 David  (dal 85° Tarlao)                                      Tomani
Fogar                                                                     Barone
Cibin                                                                      Barone S.
Liprandi (dal 46° Decorte)                         Lovisoni (dal 68°Laurenc

All  Del Piccolo                                                  All Flocco

Ammonizioni     Aquileia : Guzzon

                             Pro Gorizia: Colla



Note: L'Aquileia conquista il primo punto  del 2010  e passa in doppia cifra in classifica a 10 punti. Partita giocata a buon ritmo, vibrante, con il Pro Gorizia che sfiora il gol nel primo tempo con Barone che colpisce la traversa e nel secondo tempo con Lovisoni che calcia a lato. L'occasione più pericolosa della partita ,però, la crea l'Aquileia al  92° con Milocco che con il portiere battuto calcia a lato. Un brodino questo per l'Aquieia che sabato prossimo sarà ospite del S. Luigi.                          

                                                                          
AQUILEIA                                                             FINCANTIERI

Cocolin  (dal 46° Savic)                                     Gallo
Gagic                                                                    Cargnel
Carboni                                                                Caushaj
De Nunzio                                                            Pupia
Nicola                                                                   Pafetta
Guzzon                                                                 Csernjczky
Liprandi                                                                 De Angelini
Di Raimo                                                              Tommaselli
Decorte (dal 46° Franzot)                      Maurutto (dal 49° Bartolini)
Cibin                                                                     Cardoso
David                                                                    Maglione

All. Barbana                                                   All. Maggio

Reti:  al 3° Decorte, al 7° Maurutto, al 24° Cardoso, al 30° Maurutto (rig), al 35° Maglione, al 39° Cibin, al 71° Cibin (rig), al 80° Liprandi

Ammonizioni;  Aquileia  Cocolin, Guzzon, Carboni.
                          Fincantieri  Pupia

Espulsioni;   Fincantieri  Cardoso

Note: Quarta giornata del girone di ritorno si incontrano sul campo Ermes Scaramuzza di Aquileia  il Fincantieri  e l'Aquileia. Serata piovosa ma avvio subito scoppiettante e dopo aver fallito una facile occasione il Fincantieri subisce il gol di Decorte al 3° in contropiede. Aquileia in vantaggio. Mister Barbana deve rinunciare alla punta Fogar influenzato, a Zerbin, Tarlao, mentre porta in panchina Donat non al meglio. Fincantieri raggiunge subito il pareggiocon un eurogol di Maurutto che dal vertice sinistro dell'area fa partire un tiro a giro che si insacca nell'incrocio dei pali. Incolpevole Cocolin. Partita vibrante e difesa patriarchina in grande difficoltà. Al 10° traversa degli ospiti e al 24° Fincantieri in vantaggio con Cardoso che si accentra e dal limite dell'area tira rasoterra a  fil di palo. Cocolin qui non immune da colpe, forse aveva battezzato la palla fuori. Aquileia confusa, difesa in difficoltà sulle marcature soprattutto a destra con Gagic mentre a sinistra Carboni difende bene e spinge sulla fascia. A centrocampo Cibin padroneggia. Al 30° Cardoso si infila nella difesa uscita di Cocolin che lo atterra. Rigore e giallo per il portiere. Calcia Maurutto, deviazione di Coco sulla traversa, rimbalzo del pallone nettamente al di qua della linea bianca, ma clamorosamente l'arbitro assegna il gol. 1 a 3. Al 33° Cardoso manda a quel paese l'arbitro e rosso per lui. Al 35° altro fattaccio. Palla lanciata lunga sul laterale sinistro raccolta dal n°11 abbondantemente fuori, il guardalinee non interviene azione prosegue, cross e di piatto Maglione a 1 a 4.
Morale a terra per i ragazzi di Mister Barbana ma Cibin su punizione accorcia le distanze. Sul finire Decorte su uno scatto si stira e deve lasciare il posto nel secodo tempo a Franzot. Anche Cocolin resta neglispogliatoi per far spazio a Savic. Ripresa e Carboni sbaglia sotto porta una facile occasione. L'Aquileia crede nella rimonta e chiude gli avversari nella propria metà campo. Al 70° ancora Carboni in area subisce fallo ed è rigore. Cibin non sbaglia ed è 3 a 4..Insiste l'Aquleia , Fincantieri alle corde  e all'80° arriva il pareggio. Palla a centrocampo, la difesa ospite sale, Liprandi  salta un paio di difensori e punta la porta. Portiere in uscita, Giova dribla anche lui e deposita la palla in rete 4 a 4 e gran festa. Ultimi assalti dell'Aquileia ma il triplice fischio dell'arbitro sancisce la fine dell'incontro. Gran cuore dei ragazzi ma anche questa volta la sfortuna e le decisioni dell'arbitro tolgono la gioia dei 3 punti.


PONZIANA                                               AQUILEIA

Cuomo (dal 61*Moncata)                     Moro
Turello                                                      Donat
Baroni                                                       De Nunzio  (dal 80 Franzot)
Sassonia (dal 53° Di Gregorio)          Nicola
Maniosu                                                  Guzzon (dal 73°Nardini)
Moncata                                                   Gagic ( dal 46°Milocco)
Tari                                                            David
Sterpin                                                      Di Raimo
Galate  (dal 77° Sassonia)                   Liprandi (dal 82° Gueli)
Ruzzier                                                     Zerbin (dal 46° Fogar)
Centrone (dal 61° Gileno)                    Cibin

All. De Feo                                              All. Barbana

RETI: al 32° Centrone, al 50° Tari, al 55° Moncata (rig), al 68° Turello, al 78°Baroni, al 88° Tari.

AMMONIZIONI  Fogar, Donat, Nicola

ESPULSIONI  Cibin al 60°

Note.
Ritorna in campo l'Aquileia dopo le ultime due partite rinviate per impraticabilità del campo, per incontrare sul tappeto verde di piazzale delle Puglie, il Ponziana. L' incontro però non è una partita di calcio bensì un set di tennis che finisce con il punteggio di 6 a 0. Dopo un primo tempo giocato discretamente bene, subendo solo mezzo tiro in porta ma che porta in vantaggio i triestini, una ripresa umiliante. Subito in vantaggio il Ponziana con una bella azione tutta di prima e 5 minuti dopo il rigore per un fallo di Donat. 3 a 1 che fa crescere il nervosismo soprattutto a Cibin che rifila un calcione ad un avversaro e si becca il rosso. La partita a questo punto si chiude subendo altri tre gol  e senza aver fatto un tiro in porta. Unico che merita un applauso è Andrea David che ha lottato con grinta senza mollare mai, bravo. Umiliante sconfitta per l'Aquileia che lunedi recupera contro il Vesna ennesima tappa di questa interminabile Via Crucis.

AQUILEIA                                                   KRAS

Cocolin                                                     De Denaro
Donat  (dal 66°Zaninello)                    Pettirosso (dal46° Andrejc)
Di Raimo                                                  Dolliani
De Nunzio                                                Paravan
Nicola                                                        Kovacic
Guzzon                                                     Orlando
Liprandi                                                    Candotti
David   (dal 88°Tarlao)                          Pecar
Di Palmo (dal 82° Fratta)                     Martini
Cibin (dal 88° Franzot)                        Jankovic
Decorte  (dal 42° Zerbin)                    Marino  (dal 71°Gajte)  

All. Barbana                                           All.  

Reti      al 14° Cibin   e poi il Kras va in gol al   67°,  71°,  77°,  88°.  92° 

 

Ammonizioni     Aquileia   Nicola e De Nunzio

                             Kras   Candotti

Note. L'Aquileia regge per un' ora il confronto con la capolista Kras e poi si arrende alla supremazia ospite incassando immeritatamente 5 reti . Ottimo il primo tempo dei ragazzi di mister Barbana che dopo essere passati in vantaggio con Cibin di testa su corner di Liprandi sfiorano anche il raddoppio. I triestini tecnicamente superiori impegnano Cocolin ma l'estremo difensore patriarchino respinge ogni assalto con disinvoltura e un pizzico di fortuna fino al 67° quando arriva il pareggio. Poi l' uscita di Donat rompe gli equilibri in difesa ed è la capitolazione.....      

STATISTICHE 2009-2010

MARCATORI

POSIZIONE CALCIATORE RETI
1     MIRKOVIC Milos              5
2     DI PALMO Lucio              5
3     CIBIN Dario              5   (2rig)
4     DECORTE Steven              5
5     GUZZON Mattia              4   (2 rig)
6     DAVID Andrea              3
7     LIPRANDI Giovanni              2
8     FOGAR Mattia              2
9     NICOLA Matteo              2
10    
11    
12    
13    
14    
15    
16    
17    
18    
19    
20    





AMMONIZIONI

POSIZIONE CALCIATORE AMMONIZIONI
1     CIBIN Dario     5
2     SCARAMUZZA Lorenzo     4
3     GUZZON Mattia     4
4     ZERBIN Francesco     2
5     RABINO Gabriele     2
6     DAVID Andrea     2
7     LIPRANDI Giovanni     2
8     DONAT Alberto     2
9     FOGAR Mattia     2
10     DE NUNZIO Luca     1
11     TREVISAN Mchele     1
12     DECORTE Steven     1
13     MORO Stefano     1
14     CAISSUTTI Emanuele     1
15     COCOLIN Andrea     1    
16     CARBONI Andrea     1
17  E S P U L S I O N I  
18     DE NUNZIO Luca   -  CIBIN Dario        1
19     NICOLA Matteo        1     (2g)
20     SCARAMUZZA Lorenzo        1





MINUTI GIOCATI


POSIZIONE CALCIATORE MINUTI GIOCATI
1     NICOLA Matteo    1630
2     CIBIN Dario    1592
3     GUZZON Mattia    1584
4     DE NUNZIO Luca    1536
5     DAVID Andrea    1503
6     DI RAIMO Lidano    1481
7     LIPRANDI Giovanni    1312
8     COCOLIN Andrea                 (40 gol sub)    1107
9     DECORTE Steven                 1068
10     FOGAR Mattia     933
11     ZERBIN Francesco     927
12     DONAT Alberto     888
13     MIRKOVIC Milos     786
14     SCARAMUZZA Lorenzo     768
15     FRANZOT Federico     628
16     MILOCCO Alessio     610
17     GAGIC Nikola     602
18     CAISSUTTI Emanuele                     516
19     DI PALMO Lucio     460
20     SAVIC Milovan                    (10 gol sub)     448
21     MORO Stefano                   (22 gol sub)     441
22     TREVISAN Michele     405
23     RABINO Gabriele     374
24     TARLAO Luca     232
25     FRATTA Gianluca                       204
26     CARBONI Andrea     180
27     NARDINI Alessio     99
28     MARAN Matteo     83
29     FEDEL Riccardo                   (6gol sub)     81
30     GUELI Andrea     23
                                                   31    ZANINELLO                                                                      23
                                                  32     ANTONELLI Alan                                                            14









 
PICCOLI AMICI AQUILEIA 2009-2010
 
alt
 
NOME COGNOME RUOLO
 FERRARI MATTEO  
FRANZIN MATTEO  
MACUGLIA GABRIELE  
ZERBIN ANDREA  
DAL BEN FRANCESCO  
AMZOSKI MENIL  
GOBBATTO MAURO  
VRECH LUCA  
SANDRIN DAVIDE  
COLONNA ADRIANO  
CORBATTO NICOLAS  
CAMBI NICOLA  
BOCCALON ALESSANDRO  
   
   
   

 
NEWS 2009-2010

 
PICCOLI AMICI TERZO 2009-2010
 
alt

alt
 
NOME COGNOME ANNO
christian della negra
thomas plusigh
giacomo fedel
leonardo modesti
antonio donda
xhavit hasani
samuel delpin
nicolaj chirico
christian olivo
mohamed soufiani
federico mennucci
denis hasani
jacopo zerbin
marco zanfagnin
amir kardous
andrea spagnul
samuel pontani


CLAUDIO GREGORIN 
BIANCA RIGUTTI














 

2002
2002
2002
2002
2002
2002
2002
2002
2003
2003
2003
2003
2003
2003
2003
2004
2004


MISTER
ATTIVITA' MOTORIA















 
 
 



 
 


 

NEWS 2009-2010

 
DEAN CHRISTIAN
 
 
CLASSE 1983
   
RUOLO ATTACCANTE
   
NUMERO  
 



 
DEAN RAFFAELE
 
 
CLASSE 1980
   
RUOLO CENTROCAMPISTA
   
NUMERO  
 



 
QUARGNALI MICHELE
 
 
CLASSE 1980
   
RUOLO DIFENSORE
   
NUMERO  
 



 
DEL PICCOLO DARIO
 
 
CLASSE  
   
RUOLO MISTER
   
NUMERO  

 
 



 
DI GIUSTO GABRIELE
 
 
CLASSE 1986
   
RUOLO PORTIERE
   
NUMERO  
 



 
FERRARI DAVIDE
 
 
CLASSE 1982
   
RUOLO DIFENSORE
   
NUMERO  
 



 
PRIMA SQUADRA 2009-2010
 
 
NOME COGNOME RUOLO
GALLIUSSI DIEGO PORTIERE
DI GIUSTO GABRIELE PORTIERE
MOOS GHERRY DIFENSORE
ULLIANI ANDREA DIFENSORE
MAURO MANUEL DIFENSORE
LEPRE DANIELE DIFENSORE
MAREGA ENRICO DIFENSORE
 APUZZO PIERLAZZARO DIFENSORE
QUARGNALI MICHELE DIFENSORE
SGUBIN ANDREA CENTROCAMPISTA
SEGATO DANIELE CENTROCAMPISTA
JACUMIN MAURO CENTROCAMPISTA
DEL PICCOLO MATTIA CENTROCAMPISTA
DEAN RAFFAELE CENTROCAMPISTA
SCARAMUZZA  LUCA ATTACCANTE
MILOCCO ALESSIO ATTACCANTE
VISENTIN KEVIN ATTACCANTE
POZZAR GABRIELE ATTACCANTE
DEAN CHRISTIAN ATTACCANTE
FOGAR MATTIA ATTACCANTE
PICCO ALAN ATTACCANTE
   
 GON DERIS MASSAGGIATORE
 DEL PICCOLO DARIO MISTER
 
2009


 
FURLAN RICCARDO
 
 
CLASSE 1978
   
RUOLO CENTROCAMPISTA
   
NUMERO  
 



 
GALATI NICOLA
 
 
CLASSE 1981
   
RUOLO ATTACCANTE
   
NUMERO  
 



 
GALLIUSSI DIEGO
 
 
CLASSE 1973
   
RUOLO PORTIERE
   
NUMERO  
 



 
GON DERIS
 
 
CLASSE  
   
RUOLO MASSAGGIATORE
   
NUMERO  
Inizia l'attività come massaggiatore nella Cormonese.
Poi in ordine cronologico:
- Percoto (Union 91).
- Fotbol Americano nei "I leoni" di Palmanova
- Calcio a 5 serie A
- Calcio Pro Gorizia
- Calcio a 11 Palmanova
- Rappresentativa FVG
Nazionale Italiana dilettanti calcio.
- Basket "Dinamica Gorizia" campionati a A1 e A2
- A.S.D. calcio Pieris
- S.S. San Pier d'Isonzo calcio
- Attualmente in forza all' A.S.D. Aquileia calcio
 
 



 
JACUMIN MAURO
 
 
CLASSE 1975
   
RUOLO CENTROCAMPISTA
   
NUMERO  
 



 
LENARDUZZI EMILIO
 
 
CLASSE 1988
   
RUOLO CENTROCAMPISTA
   
NUMERO  
 



 
LEPRE DANIELE
 
 
CLASSE 1968
   
RUOLO DIFENSORE
   
NUMERO  
 



 
MAREGA ENRICO
 
 
CLASSE 1986
   
RUOLO DIFENSORE
   
NUMERO  
 



 
MAURO MANUEL
 
 
CLASSE 1974
   
RUOLO DIFENSORE
   
NUMERO  
 



 
MOOS GHERRY
 
 
CLASSE 1987
   
RUOLO DIFENSORE
   
NUMERO  
 



 
POZZAR GABRIELE
 
 
CLASSE 1972
   
RUOLO ATTACCANTE
   
NUMERO  
 



 
SEGATO DANIELE
 
 
CLASSE 1981
   
RUOLO CENTROCAMPISTA
   
NUMERO  
 



 
SGUBIN ANDREA
 
 
CLASSE 1981
   
RUOLO CENTROCAMPISTA
   
NUMERO  
 



 
TREVISAN MAURO
 
 
CLASSE 1977
   
RUOLO DIFENSORE
   
NUMERO  
 



 
VISINTIN KEVIN
 
 
CLASSE 1986
   
RUOLO ATTACCANTE
   
NUMERO  
 




 
CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2009/2010
GIORNATA DATA PARTITA RISULTATO
1 20-09-2009 SANGIORGINA - AQUILEIA 1 - 2 
2 27-09-2009  AQUILEIA - CASARSA  2 - 1 
3  04-10-2009 LIGNANO - AQUILEIA  1 - 0 
4  11-10-2009 AQUILEIA - S.P.A.L. CORDOVADO  0 - 1 
5  18-10-2009 MARANESE MARUZZELLA - AQUILEIA  0 - 2 
6  25-10-2009 AQUILEIA - TORRE  1 - 1 
7 01-11-2009 CALCIO PRATA - AQUILEIA  1 - 1
8  08-11-2009 AQUILEIA - CHIONS  4 - 0 
9  15-11-2009 PALMANOVA - AQUILEIA  0 - 1 
10  22-11-2009 PERTEGADA CALCIO - AQUILEIA  1 - 2 
11  29-11-2009 AQUILEIA - FLUMIGNANO  2 - 0 
12  05-12-2009 CJARLINS MUZANE - AQUILEIA  3 - 1 
13  08-12-2009 AQUILEIA - VIGONOVO RANZANO  1 - 3 
14  13-12-2009 CORDENONS - AQUILEIA  2 - 0 
15  20-12-2009 AQUILEIA - COMUNALE GONARS  1 - 1
16  17-01-2010 AQUILEIA -SANGIORGINA   1 - 0
17  24-01-2010 CASARSA - AQUILEIA   0 - 0
18  31-01-2010 AQUILEIA - LIGNANO   0 - 1
19  07-02-2010 S.P.A.L. CORDOVADO - AQUILEIA   2 - 0
20  14-02-2010 AQUILEIA - MARANESE MARUZZELLA  1 - 2 
21   21-02-2010  TORRE - AQUILEIA  2 -1 
22  28-02-2010 AQUILEIA - CALCIO PRATA  2 - 3 
23  07-03-2010 CHIONS - AQUILEIA  2 - 1 
24  14-03-2010 AQUILEIA PALMANOVA  2 - 1 
25  21-03-2010 AQUILEIA - PERTEGADA CALCIO  1 - 2 
26  11-04-2010 FLUMIGNANO - AQUILEIA  2 - 0 
27  18-04-2010 AQUILEIA - CJARLINS MUZANE  4 - 1 
28  25-04-2010 VIGONOVO RANZANO - AQUILEIA  0 - 1 
29  02-05-2010 AQUILEIA - CORDENONS  0 - 0 
30  09-05-2010 COMUNALE GONARS - AQUILEIA  0 - 1 


 
20.09.2009 1° giornata 17.01.2010
1 - 0 Casarsa - Chions 2 - 0 
2 - 2 Com. Gonars - Pertegada 0 - 1 
4 - 1 Cordenons - Flumignano 2 - 1 
1 - 1 Lignano - Prata 1 - 0 
1 - 0 Maranese Maruz. - Palmanova  0 - 0
1 - 2 S.P.A.L.Cordov. - Torre 1 - 2 
1 - 2 Sangiorgina - Aquileia 0 - 1 
1 - 0 Vigonovo Ranz. - CjarlinsMuzane 0 - 1 

 
27.09.2009 2° giornata 24.01.2010
2 - 1 Aquileia - Casarsa   0 - 0
3 - 0 Chions - Lignano 1 - 1 
0 - 0 CjarlinsMuzane - Cordenons 1 - 0 
1 - 0 Flumignano - Com. Gonars  1 - 2
0 - 1 Palmanova - Vigonovo Ranz. 0 - 1 
2 - 2 Pertegada - Sangiorgina 2 - 0
0 - 1 Prata - S.P.A.L.Cordov. 0 - 3 
4 - 2 Torre - Maranese Maruz. 0 - 4 
 
 
04.10.2009 3° giornata 31.01.2010
0 - 1 Casarsa - Pertegada 2 - 3 
0 - 3 Com. Gonars - CjarlinsMuzane 3 - 1 
1 - 1 Cordenons - Vigonovo Ranz. 2 - 3 
1 - 0 Lignano - Aquileia 1 - 0 
0 - 0 Maranese Maruz. - Prata 2 - 1 
0 - 1 Palmanova - Torre 0 - 0 
1 - 0 S.P.A.L.Cordov. - Chions 2 - 1 
1 - 1 Sangiorgina - Flumignano 1 - 1 

 
11.10.2009 4° giornata 07.02.2010
0 - 1 Aquileia - S.P.A.L.Cordov. 0 - 2 
2 - 0 Chions - Maranese Maruz.  0 - 4
0 - 1 CjarlinsMuzane - Sangiorgina 0 - 4 
1 - 0 Cordenons - Palmanova 4 - 0 
5 - 2 Flumignano - Casarsa 1 - 2 
3 - 0 Pertegada - Lignano 0 - 2 
2 - 1 Prata - Torre  2 - 0
2 - 0 Vigonovo Ranz. - Com. Gonars 3 - 1 

  
18.10.2009 5° giornata 14.02.2010
1 - 0  Casarsa - CjarlinsMuzane 1 - 1 
 0 - 1 Com. Gonars - Cordenons 3 - 1 
 4 - 4 Lignano - Flumignano  1 - 0
0 - 2  Maranese Maruz. - Aquileia 2 - 1 
0 - 0  Palmanova - Prata  0 - 3
3 - 2  S.P.A.L.Cordov. - Pertegada  0 - 0
 1 - 1 Sangiorgina - Vigonovo Ranz.  0 - 2
 0 - 0 Torre - Chions 1 - 0 

 
25.10.2009 6° giornata 21.02.2010
1 - 1  Aquileia - Torre 1 - 2 
 1 - 0 Chions - Prata 3 - 1 
2 - 1  CjarlinsMuzane - Lignano rin 
 0 - 0 Com. Gonars - Palmanova rin 
2 - 3  Cordenons - Sangiorgina 0 - 2 
3 - 0  Flumignano - S.P.A.L.Cordov. 0 - 1 
 2 - 4 Pertegada - Maranese Maruz.  2 - 1
 1 - 0 Vigonovo Ranz. - Casarsa 1 - 4 
 
01.11.2009 7° giornata 28.02.2010
2 - 2  Casarsa - Cordenons 2 - 3 
0 - 0  Lignano - Vigonovo Ranz. 1 - 2 
3 - 1  Maranese Maruz. - Flumignano 1 - 0 
2 - 1  Palmanova - Chions 0 - 1 
1 - 1  Prata - Aquileia 3 - 2 
2 - 2   S.P.A.L.Cordov. - CjarlinsMuzane 4 - 0 
2 - 1   Sangiorgina - Com. Gonars 1 - 1 
3 - 0   Torre - Pertegada 0 - 1 

 
08.11.2009 8° giornata 07.03.2010
 4 - 0 Aquileia - Chions 1 - 2 
 2 - 1 CjarlinsMuzane - Maranese Maruz.  0 - 0
 2 - 3 Com. Gonars - Casarsa 1 - 1 
 1 - 0 Cordenons - Lignano 0 - 0 
2 - 1  Flumignano - Torre 0 - 0 
1 - 0  Pertegada - Prata 1 - 0 
 1 - 1 Sangiorgina - Palmanova 0 - 1 
0 - 1  Vigonovo Ranz. - S.P.A.L.Cordov.  2 - 2

 
15.11.2009 9° giornata 14.03.2010
0 - 0  Casarsa - Sangiorgina 0 - 1 
2 - 0  Chions - Pertegada 1 - 0 
2 - 0 Lignano - Com. Gonars 1 - 0 
0 - 3   Maranese Maruz. - Vigonovo Ranz.  1 - 0
0 - 1 Palmanova - Aquileia 1 - 2 
0 - 3  Prata - Flumignano 0 - 3 
3 - 2 S.P.A.L.Cordov. - Cordenons 2 - 4 
 1 - 2 Torre - CjarlinsMuzane 1 - 2 

 
22.11.2009 10° giornata 21.03.2010
 0 - 1 Casarsa - Palmanova 2 - 0 
 0 - 0 CjarlinsMuzane - Prata 0 - 1 
 2 - 4 Com. Gonars - S.P.A.L.Cordov. 0 - 2 
2 - 2  Cordenons - Maranese Maruz. 1 - 0 
 0 - 2 Flumignano - Chions  1 - 2
1 - 2  Pertegada - Aquileia 2 - 1 
1 - 0  Sangiorgina - Lignano 0 - 0 
1 - 0  Vigonovo Ranz. - Torre 1 - 2 

 
29.11.2009 11° giornata 11.04.2010
2 - 0  Aquileia - Flumignano 0 - 2 
 1 - 1 Chions - CjarlinsMuzane  2 - 2
 2 - 1 Lignano - Casarsa 2 - 1 
 4 - 2 Maranese Maruz. - Com. Gonars 2 - 0 
 0 - 1 Palmanova - Pertegada  0 - 3
 1 - 2 Prata - Vigonovo Ranz.  3 - 0
1 - 1  S.P.A.L.Cordov. - Sangiorgina 0 - 3 
2 - 3  Torre - Cordenons 1 - 1 

 
05.12.2009 12° giornata 18.04.2010
1 - 1  Casarsa - S.P.A.L.Cordov.  1 - 1
 3 - 1 CjarlinsMuzane - Aquileia 1 - 4 
 2 - 1 Com. Gonars - Torre 2 - 1 
1 - 5  Cordenons - Prata 2 - 1 
 1 - 1 Flumignano - Pertegada 0 - 4 
 0 - 0 Lignano - Palmanova 1 - 0 
 0 - 1 Sangiorgina - Maranese Maruz. 1 - 0 
 1 - 1 Vigonovo Ranz. - Chions 0 - 1 
 
08.12.2009 13° giornata 25.04.2010
1 - 3  Aquileia - Vigonovo Ranz.  0 - 1
0 - 0  Chions - Cordenons 0 - 3 
 1 - 0 Maranese Maruz. - Casarsa  2 - 2
1 - 2  Palmanova - Flumignano  1 - 2
 RINV. Pertegada - CjarlinsMuzane 0 - 0 
 5 - 1 Prata - Com. Gonars 1 - 0 
2 - 0  S.P.A.L.Cordov. - Lignano 1 - 1 
 2 - 3 Torre - Sangiorgina 1 - 3 

13.12.2009 14° giornata 02.05.2010
4 - 0  Casarsa - Torre 1 - 0 
 1 - 2 CjarlinsMuzane - Flumignano 2 - 2 
5 - 0  Com. Gonars - Chions 1 - 3 
2 - 0  Cordenons - Aquileia 0 - 0 
1 - 0  Lignano - Maranese Maruz. 0 - 1 
 3 - 0 S.P.A.L.Cordov. - Palmanova 2 - 1 
0 - 1  Sangiorgina - Prata 2 - 0 
 0 - 0 Vigonovo Ranz. - Pertegada 2 - 1 

20.12.2009 15° giornata 09.05.2010
 1 - 1 Aquileia - Com. Gonars 0 - 1 
3 - 0  Chions - Sangiorgina 2 - 0 
 1 - 2 Flumignano - Vigonovo Ranz.  1 - 4
2 - 1  Maranese Maruz. - S.P.A.L.Cordov. 0 - 3 
0 - 0  Palmanova - CjarlinsMuzane 0 - 2 
1 - 1  Pertegada - Cordenons 1 - 4 
1 - 1  Prata - Casarsa 0 - 1 
0 - 2  Torre - Lignano 1 - 2 
 

 

 

 
CLASSIFICA FINALE CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2009 - 2010 GIRONE A
  Punti Gioc. Vinte Pareg. Perse Fatti Subiti Diff. M.Ing.
S.P.A.L.Cordov. 58 30 17 7 6 51 32 19 -2
Vigonovo Ranz. 54 30 16 6 8 40 28 12 -6
Cordenons 51 30 14 9 7 50 37 13 -9
Chions 51 30 15 6 9 40 29 11 -9
Maranese Maruz. 50 30 15 5 10 40 33 7 -10
Pertegada 47 30 13 8 9 39 33 6 -13
Lignano 44 30 12 8 10 28 29 -1 -16
Sangiorgina 42 30 11 9 10 31 33 -2 -18
CjarlinsMuzane 41 29 10 11 8 35 32 3 -16
Casarsa 39 30 10 9 11 39 35 4 -21
Flumignano 39 30 11 6 13 43 46 -3 -21
Aquileia 38 30 11 5 14 34 35 -1 -22
Prata 36 30 10 6 14 33 34 -1 -24
Torre 32 30 9 5 16 33 46 -13 -28
Com. Gonars 21 30 5 6 19 29 58 -29 -39
Palmanova 17 29 3 8 18 10 35 -25 -42
Sangiorgina 1 Aquileia 2. Sin dall’inizio dell’incontro l’Aquileia ha messo in mostra un gioco più organizzato fatto da una ragnatela di scambi ravvicinati a centrocampo per lanciare improvvisamente in profondità per le punte avanzate o i centrocampisti che si inserivano da dietro  al limite  fuorigioco. Dal canto suo la Sangiorgina appoggiava il suo gioco in avanti affidandosi alla loro punta che faceva valere la sua stazza per poi liberare al tiro i centrocampisti che si muovevano a rimorchio. E’ nata cosi iun bella partita che entrambe le formazioni alla fine potevano vincere.
La cronaca. Ad inizio gara è l’Aquileia che preme e si presenta con azioni rapide che mettono in condizione gli attaccanti di tirare verso la porta avversaria ma senza impensierire più di tanto l’estremo difensore avversario.
Al ventesimo invece Pozzar ben servito  sulla linea del fuorigioco, dal limite dell’area si gira e lascia partire una bordata che si insacca a mezza altezza, niente da fare per l’estremo difensore.
Solo sul finale la Sangiorgine preme sull’acceleratore confezionando anche una rete ma che viene giustamente annullata per fuorigioco.
Nella ripresa la Sangiorgina continua con il pressing confezionano calci d’angolo ed è proprio da uno di questi che la palla attraversa tutto lo specchio della porta  giungendo sino dall’altra parte dove viene deviata in rete da Purini.
A questo punto la partita subisce uno scossone dovuto all’infortunio accorso al capitano dell’Aquileia Iacumin che in seguito ad un contrasto aereo ha subito un colpo involontario al torace.
Il calciatore viene portato fuori in barella, verrà accompagnato per precauzione in ospedale, e sostituito con Del Piccolo.
Prima della fine dell’incontro ancor due episodi animano la partita, per un fallo dal limite viene decretata un punizione a favore dell’Aquileia, su tocco di Sgubin calcio di Del Piccolo e palla che si insacca sotto la traversa. 2 a 1 per l’Aquileia. A questo punto il mister patriarchino provvede a sostituire Segato con Lepre e Pozzar con Visintin per contenere le folate degli avversari e colpire in velocità.
All’ottavo minuto di recupero fallo dal limite per la Sangiorgina, calcia il centravanti avversario sulla bariera, la palla viene ripresa e rispedita in rete gol annullato per fuorigioco, qui si sono scatenate le proteste del pubblico e dei calciatori.
Per l’Aquileia è stata una vittoria sofferta, meritata da tutto il collettivo partendo al numero uno sino a tutti i ventuno calciatori che si allenano con professionalità e che con altrettanta professionalità accettano di assistere alla partita dalla tribuna rispettando le scelte del Mister.
Infine un caloroso augurio va al capitano Iacumin affinché si rimetta al più presto dall’infortunio subito.

AQUILEIA – TORRE 1-1.  Primo pareggio stagionale per l'Aquileia. Risultato giusto. Il primo tempo a favore degli ospiti, che sono andati in vantaggio al sedicesimo con un tiro dal limite dell’area scagliato dopo un azione individuale prolungata; Aquileia che giunge al pareggio nella ripresa in azione di contropiede: lancio di Pozzar che mette in condizione Visintin di trovarsi a tu per tu con il portiere avversario che viene infilato sulla sinistra.
Nel primo tempo l’Aquileia ha schierato una formazione inedita spostando a centrocampo un difensore puro, qual è Uliani e inserendo sin dal primo minuto Lepre. Cosi facendo la squadra non riusciva a dare profondità al proprio gioco lasciando il centrocampo ali avversari i quali ne hanno approfittato.
Nella ripresa invece l’ingresso di Visintin al posto di Lepre ha consentito di spostare in difesa Uliani, accentrare il giovane Scaramazza a centrocampo e lasciare libero a sinistra Visintin. Con questo modulo l’Aquileia ha dato profondità al proprio gioco e recuperato più palle a centrocampo.
Certo non sempre le ciambelle riescono col buco ma l’importante è rimediare.



CORDENONS 2 AQUILEIA 0. Giornata fredda campo in cattive condizioni, partita farsata nel gioco. L’Aquileia esce per la terza volta consecutiva sconfitta, nelle ultime tre partite 8 gol subiti contro due realizzati. Anche in questa partita si è giocato alla pari e forse anche meglio degli avversari, solamente che la squadra patriarchina non ha concretizzato le numerose occasioni create. Vere occasioni. Gli avversari invece hanno beneficiato di tre palle gol, tra cui un rigore generosamente concesso, e ne hanno realizzati due. Questa è stata la differenza. Il risultato è maturato per intero nel primo tempo, quando gli avversari pressavano a tutto campo e sulle palle sporche arrivavano prima e riuscivano a gestirle meglio dei ragazzi di Del Piccolo. Da qui nascevano le azioni che hanno permesso all’ala sinistra di involarsi in area e trafiggere un incolpevole Galiussi in uscita con una puntata micidiale. Poco dopo è lo stesso portiere aquileiese ad opporsi con bravura a un tiro da fuori area scagliato dal centravanti avversario.
Alla mezzora protagonista l’arbitro che con stupore di tutti assegna un generosissimo calcio di rigore. E’ raddoppio. Nella ripresa l’Aquileia cambia e si porta all’assalto della porta avversaria creando parecchie occasioni, almeno quattro eclatanti e tutte fallite per un soffio, colpito anche un palo, ma la palla non è entrata. Sicuramente, in questo incontro, l’imprecisione si è sposata con la sfortuna e ci ha accompagnato, i nostri si sono battuti bene e forse in un campo migliore … Certe volte ha ragione anche Gastone! Allenatevi nel campo di sfogo.
LIGNANO 1 AQUILEIA 0. Veniamo alla cronaca: al quinto minuto il Lignano sigla la rete della vittoria. Da li in avanti l'incontro non ha più riservato emozioni, perche la squadra di casa si chiudeva bene in difesa e si affidava solo a contropiedi. dal canto suo l'Aquileia non è riuscita a dare continuita offensiva alla sua azione e complessivamente se contimao i tiri in porta, di tutto l'incontro stanno in una mano. Solo un occasione vere nella ripresa, su calcio d'angolo colpo di testa di raffaele Dean e bella parata da parte dell'estremo difensore avversario.
Questo andamento dell'incontro,  è dipeso anche dalle perdite di tempo intercorse per recuperare i palloni che finivano all'interno dell'impianto sportivo al dilà della pista e nelle aree riservate all'atletica leggera, forse in questi campi sarebbe bene posizionare alcuni raggazzi per recuperare i palloni.


PERTEGADA 1   AQUILEIA 2. Al comunale di Pertegada giornata uggiosa, ma i risultati e la classifica danno ragione all’Aquileia e il mister Del Piccolo sceglie di schierare l’ennesima formazione nuova con Galliussi in porta, difesa a quattro con Moos, Scaramuzza, Marega e Ulliani;  centrocampo Sgubin e Segato, le ali sono Dean Christian e Visintin ed infine il numero nove a      Mirkovic e  il dieci a Pozzar.
Concesso il riposo almeno per questa metà di gara a Iacumin,Dean Raffaele e Quargnali che  siedono in panchina accanto al secondo portiere Di Giusto, Del Piccolo ed i fuori quota Trevisan e Furlan.
Fase iniziale di partita equilibrata con un paio di occasioni per parte, sventate dalle rispettive difese molto guardinghe. Successivamente è l’Aquileia a “prendere” campo e al trentacinquesimo il risultato si sblocca grazie ad un Eurogol di Pozzar che dal vertice sinistro dell’area scocca una bordata che si insacca imparabilmente sul sette. “Vale il Prezzo del biglietto”.
Avversari che avanzano perché non ci stanno a perdere e allo scadere del tempo su traversone proveniente da sinistra Galliussi non trattiene e la palla mentre sta per entrare viene respinta sulla linea da Ulliani.
Nei primi minuti della ripresa il Pertegada spinge sull’acceleratore e perviene al pareggio. Assegnata una punizione, su dubbio fallo dal limite da parte di Marega, grande tiro di prima e pallone che si insacca dopo aver colpito la traversa interna gran bel goal ed è pareggio.
L’Aquileia non ci sta e ritorna immediatamente in vantaggio, discesa di Mirkovic, palla per Visintin che di prima mette al centro, la difesa rinvia corto sui piedi di Sgubin che smista per l’accorrente Segato che di prima calcia in porta e coglie l’angolo alla destra del portiere, palla che si insacca. Maiuscola la prova del rientrante Segato che ha coronato la sua prestazione con un gran finale.
A questo punto Del Piccolo fa entrare Trevisan per Mirkovic, Iacumin per Pozzar e Quargnali per Ulliani. Protagonista del finale è l’arbitro che espelle contemporaneamente per seconda ammonizione Moos e Sgubin e improvvisamente l’Aquileia si trova a giocare in nove. Ed è qui che si sono esaltati i ragazzi di Del Piccolo che con grinta difendono e ripartono non concedendo niente agli avversari fatta eccezione all’ultimo minuto di recupero quando su un cross proveniente da destra, il centravanti devia verso Galliussi che però c’è sulla palla che esce di pochissimo a lato.
Con questa azione si conclude la partita meritatamente vinta dai ragazzi dell’Aquileia che dimostrano di essere squadra   dove tutti trovano il giusto “ruolo” rendendosi utili al gioco, aiutandosi, valorizzando le qualità individuali.

AQUILEIA 4 CHIONS 0.
Campo in buone condizioni, tempo caratterizzato da una  leggera pioggia.
Arbitra il Sig. SMOLARI del comitato di Udine coadiuvato dai Sg.ri Trevisan e Melina del comitato di Trieste.

Prestazione d’orgoglio per l’Aquileia, dopo gli ultimi due pareggi che andavano un po’ stretti alla formazione di Del Piccolo. Turn over per l’Aquileia dentro Dean Christian e  nuovamente proposto il duo d’attacco Mirkovic (classe 92), Pozzar, in panca vanno Segato, Di Giusto, Dean Raffaele, Moos, Zerbin (93), Scaramazza (93) e Del Piccolo. Giocano dal primo minuto Galliussi, in porta Apuzzo (93) e Marega terzini;  Quargnali e Ulani,  difensori centrali; sulla fascia Visintin a centrocampo Iacumin e Sgubin. Nella prima frazione di gioco la partita sembra viaggiare sui binari dell’equilibrio con occasioni da una parte e dall’altra. Con il trascorrere del tempo è l’Aquiliea ad avanzare il baricentro. L’azione del gol vede protagonisti Visintin e Pozzar, è il primo che si libera in area della marcatura e rimette al centro per l’accorrente Pozzar che di prima insacca. Reazione del Chions che prova con tiri dalla distanza su inserimento dei propri centrocampisti che però non sorprendono l’estremo divisore Aquileiese. Allo scadere del tempo Sgubin recupera pallaa centrocampo e risce a servire Pozzar che di prima lancia a rimorchio Mirkovic che solo davanti al Portiere fa partire un tiro potente che si insacca inesorabilmente. Gol 2 a Zero. Primo Gol in Promozione per il fuori quota che proviene dal vivaio Aquileiese, come del resto tutti i ragazzi fuori quota sinora schierati dal mister Del Piccolo. Ripresa che inizia con gli avversari che premono sull’acceleratore per riassestare la partita, ma è ancora l’Aquileia a mostrare un gioco più efficace e prolifico, al decimo è l’inossidabile Pozzar che si libera al lmite dell’area e lascia partire una fucilata che si insacca tra palo e portiere. 3 a 0.
A questo punto girandolo di sostituzioni per le due squadre, per l’Aquileia dentro Segato, che deve recuperare da un infortunio al posto di Dean Christian, buona la sua prova; fuori anche Pozzar e Dentro Del Piccolo, mentre nei minuti finali cè posto anche per Scaramazza al posto del bravo Apuzzo. Il quarto Gol scaturisce da un rigore assegnato dall’arbitro per atterramento di Visintin e messo a segno dal “fresco” Del Piccolo.

 

AQUILEIA 2 FLUMIGNANO 0. Anticipo tra le terze della classifica del girone A del campionato di promozione. Ha avuto ragione la formazione di Del Piccolo, più cinica e fortunata rispetto agli avversari.
Primo tempo equilibrato e gioco che staziona a metà campo, è però L’Aquileia a siglare. Palla sporca in area il più lesto di tutti è Mirkovic che a tut per tu con il portiere insacca. Uno a zero. Sino a cinque dalla fine della prima frazione di gioco in campo c’è solo l’Aquileia che manovra ma non riesce a raddoppiare, alla fine del tempo invece a farsi pericolosi ed insistenti sono gli avversari che pressano con insistenza ma senza ottenere risultato. Prima della fine del tempo si infortuna Mirkovic, positiva la sua prova,  al suo posto entra Milocco.
Nella ripresa glia avversari costringono l’Aquileia sulla difensiva e per mezzora pressano alti nel tentativo di giungere al pareggio lasciando ampi spazi in difesa. Alla mezzora, infatti perdono palla a centrocampo ed è Dean Cristian a siglare la rete del definitivo due a zero. A questo punto il Flumignano si disunisce e per l’Aquileia diventa facile gestire l’incontro e portare a casa l’intera posta. A onor del vero il Flumignano meritava qualcosina in più per ‘impegno profuso ma è mancato in fase conclusiva e in effetti l’estremo difensore aquileiese non è mai stato impegnato severamente.
Onore all’Aquileia che si propone come squadra da battere per chi vuole arrivare il alto.

AQUILEIA 1 - SANGIORGINA 0. Sei punti presi alla Sangiorgina con due vittorie su due.
Sul comunale di Aquileia si sono incontrate due squadre che non stanno attraversando un buon momento. L'Aquleia c'è l'ha fatta grazie ad un gol del solito Pozzar.
E' stata una partita che non ha riservato particolari emozioni ed i rispettivi portieri sono stati poco impegnati.
L'Aquileia inizia la gara con l'ennesima formazione inedita Galiussi tra i pali, Moos e Marega terzini, Uliani e Quargnali centrali, Sgubin e Del Piccolo a centrocampo, a sinistra Visintin, a destra Scaramuzza Luca mentre in attacco si danno il cambio Pozzar e Mirkovic.
Nel primo tempo è l'Aquileia ad insistere e a spingere sopratuttto dalla parte di Visintin che in un paio di occasioni riesce a concludere verso la porta avversaria ma senza impensierire l'estremo difensore avversario. Al quarantesimo il gol partita che nasce grazie ad una punizione battuta secondo uno schema provato in allenamento.
Dalla destra batte Del Piccolo, dalla parte opposta arriva Visintin che rimette in area, palla che passa tra un nugolo di giocatori e alla fine, tutto solo, sbuca Pozzar, generosa la sua partita, che senza difficoltà insacca.
Con questo risultato si va al riposo.
Nella ripresa gli avversari premono con più insistenza ma solo in un paio di occasioni riescono ad impensierire l'estremo difensore aquileiese, che però non ha dovuto opporsi con interventi particolari perchè le conclusioni più pericolose sono terminate di poco a lato, in particolare dapprima su un colpo di tesa, e poi su una punizione che ha colpito la parte alta della traversa. Sangiorgina che prima di arrendersi sfrutta tutti i cambi che però non hanno cambiato l'estito della gara. Anche l'Aquileia è ricorsa ai tre cambi, sono usciti: per infortunio Marega è stato sostituito dal giovane Apuzzo, Pozzar è uscito per lasciar posto a Dean Raffaele ed infine Visintin ha lasciato il campo per Dean Christian.
La Sangiorgina non ha demeritato ed è anche stata un po sfortunata nelle conclusioni, è può recriminare per un episodio dubbio in area.
Aquileia a tratti ha ritrovato il gioco smarrito nelle ultime gare, e soprattutto la vittoria, che mancava dal 29 novembre.


AQUILEIA 1 – GONARS 1 . L’Aquileia pareggia al 90° , un punto guadagnato.Per l’Aquileia punto guadagnato, al cospetto di un avversario agguerrito e grintoso.
La cronaca.
Calcio d’inizio palla a Iacumin lancio sulla sinistra per Visintin che dal limite dell’area calcia di potenza e impegna il portiere avversario che di pugno devia in corner.
Questo rimarra l’unico tiro nello specchio della porta del primo e del secondo tempo, fatta eccezione il goal del pareggio siglato dal solito Pozzar. Già al decimo l’Aquileia subisce il gol del vantaggio da parte del Gonars che su azione centrale in velocità liber il centravanti che solo davanti all’incolpevole Galiuzzi insacca.
Ma oggi gli aquilotti non volano e non riescono a prendere il predominio del campo almeno sino al ventesimo della ripresa quando le sostituzioni operate ( nuovo esordio del giovane Michelin classe 93 buono il suo quarto d’ora di gioco) apportano forze nuove che consentono di spostare il baricentro del gioco sulla metà campo avversaria.
Dopo tre palle gol sprecate dagli avversari, al 90° l’Aquileia pareggia con azione insistita da parte di Pozzar che di forz si divincola in area e insacca alle spalle dell’incolpevole portiere.
E’ un pareggio che viene accettato di buon grado da parte dei sostenitori e che sia anche di buon auspicio per i prossimi turni.


PALMANOVA 0 – AQUILEIA 1. L’Aquileia si conferma formazione di carattere, e va a vincere sul campo del Palmanova, formazione giovane che sul campo corre molto e pressa a tutto campo.
Dal canto suo la squadra di mister Del Piccolo, controlla gli avversari e cerca attraverso il dialogo di centrocampo a liberare sulle ali per Visintin e Dean Raffaele. Dopo alcuni momenti di studio è l’aquileia che al 20° del primo tempo segna il gol partita con il fuoriquota Mircovic che insacca di testa un pallone arrivato col contagiri e  precisione millimetrica da un cross di capitan Iacumin. Nel primo tempo solo Aquileia, da registrare due occasioni sempre con Mircovic, che di testa colpisce la traversa e di piede dopo una rapida girata in area lascia partire un tiro che esce di poco.
Nella ripresa i palmarini cercano di pressare l’Aquileia nella propria area ma non riescono a trovare lo spunto vincente per concludere pericolosamente a rete. Dal canto suo la formazione aquileiese si limita a controllare il gioco a e gestire il pallone. Alla fine c’è stato posto anche per le sostituzioni dando spazio e modo di giocare anche ai componenti della panchina.   
Prova tutto sommato buona che ha esaltato le doti di fraseggio che contraddistinguono le squadre di Del Piccolo.
 

PRATA 1  AQUILEIA 1. Giornata splendida al comunale di Prata, le due squadre si trovano dopo le sfide di prima categoria dell’anno scorso. Aquileia in campo con Mirkovich, in attacco, e Apuzzo schierato terzino destro come fuori quota, mentre il rientrante Segato sedeva in panchina. Formazione d’attacco schierata dal mister Del Piccolo, inedita per la presenza per la prima volta del giovane Milosh. Il risultato all’Aquileia va un po’ stretto, visto la mole di gioco prodotta e le occasioni sprecate. Al quarto d’ora, l’Aquileia passa grazie a un prezioso scambio tra Visintin e Milosh, quest’ultimo si libera in area crossa per l’accorrente Pozzar che calcia di potenza la palla sotto la traversa, 1 a 0. Gli avversari reagiscono e premono, costringendo l’Aquileia  nella propria metà campo ma senza produrre occasioni significative, anzi è lo stesso Visintin che viene lanciato sulla sinistra e puntualmente, mette in difficoltà la difesa avversaria. Nella ripresa è ancora l’Aquleia a sprecare le più ghiotte occasioni e puntualmente viene punita con il goal del pareggio giunto su calcio d’angolo: da calcio d'angolo la palla  deviata più volte dai difensori giunge, sporca, al centravanti avversario che facilmente insacca dal disco del rigore. A questo punto i rispettivi allenatori mettono in campo forze fresche con l’intento di portare a casa il risultato pieno. Questo per l’Aquileia frutta poche occasioni mentre gli  avversari hanno ottentuto solamente alcune punizioni dal limite che non hanno sortito alcun effetto. Buona risulta la prova del giovane Milosh  e del solito Pozzar ma i migliori in assoluto risultano essere il rientrante Marega e il suo collega di reparto Moos.
 

              AQUILEIA 2 – CASARSA 1. Seconda vittoria per i ragazzi di Patriarchini! Il campionato è iniziato con due vittorie consecutive, i nuovi innesti si sono inseriti bene in un collettivo già collaudato. Della partita, assente il capitano Iacumin, sostituito da Del Piccolo, hanno sicuramente brillato in attacco il solito Pozzar bravo a trattenere su la palla e a smistrala agli accorrenti che si inserivano da dietro e un ottimo Raffaele Dean capace di ben figurare nei diversi ruoli che il mister gli assegna dapprima di attaccante e poi da difensore.
La cronaca vede sin dal tocco di inizio gli avversari a gestire la palla con una fitta rete di passaggi veloci a centrocampo ma senza creare azioni pericolose e degne di nota. L’Aquileia dal suo canto sempre pronta a ripartire in velocità con azioni sulle fasce a sinistra con Scaramazza e a destra con Dean Raffaele, ma anche in questi casi la difesa ha avuto buon gioco. Al ventesimo è Pozzar a ricevere palla a trenta metri spalle alla porta, tocco di prima laterale per l’accorrente Sgubin, roccia del centrocampo, che di prima calcia e la palla solo sfiorta dal portiere si insacca a mezza altezza. Uno a Zero. Il Cararsa prova a reagire ma non riesce ad avvicinarsi a Galiussi con pericolosità e allora è ancora l’Aquileia a colpire in contropiede. Tocca ancora a Pozzar lanciare in velocità l’accorrente terzino Marega detto Chico, che si presenta solo davanti all’estremo difensore avversario, bel tiro angolato, ma altrettanto bella parata del portiere che con le punte delle dita la devia in angolo. Nel frattempo l’Aquileia è costretta a sostituire il giovane Apuzzo con Fogar costringendo il mister a spostare in difesa Dean Raffaele e a giocare con i due “fuoriquota” in attacco uno a destra ed uno a sinistra. Nel secondo tempo il copione non cambia Casarsa intento a manovrare ma senza creare pericoli se non con tiri da fuori ben controllati da Galiussi.
L’Aquileia al decimo colpisce ancora è Sgubin a lancia Scaramazza che si invola solo e davanti al portiere angola il tiro siglando la sua prima rete il prima squadra due a zero e grande esultanza in campo e fuori.
A questo punto l’Aquileia arretra il proprio baricentro ed è costretta a sostituire il generoso Marega con Mauro e Del Piccolo con Visentin, che gioca a destra spostando Scaramazza a centrocampo.
Gli avversari costringono i patriarchini sulla propria metà campo confezionando angoli e alcune punizioni che puntualmente vengono neutralizzate da una difesa sempre ben organizzata. A dieci minuti dalla fine il Casarsa riapre la partita dalla destra giunge in area un cross che viene deviato di testa in rete sorprendendo l’estremo difensore aquileiese. Nel finale sono gli avversari a preme sull’acceleratore, alla ricerca del pareggio ma l’Aquileia riesce a gestire bene il possesso palla non concedendo più occasioni.
E’ stata una partita piacevole, sul piano atletico gli avversari forse avevano qualcosa in più da spendere, ma pagano qualcosa in fase di concretezza finale.
 
AQUILEIA 1 VIGONOVO RANZANO 3. Nonostante le abbondanti precipitazioni della notte e della giornata il campo di Aquileia ha tenuto benissimo ed abbiano assistito ad una bella partita, giocata a viso aperto da entrambe le formazioni. Ha vinto la più concreta, che ha saputo mettere a frutto le occasioni avute.
Non ha demeritato l’Aquileia, che, priva di Mirkovic in attacco, Qurgnali in difesa, e presenti in panchina e a mezzo servizio Iacumin, Dean Raffaele e Marega, ha dimostrato di essere squadra e di adattarsi nel modulo. Gli avversari hanno creato tre occasioni e le hanno concretizzate tutte, mentre l’Aquileia, ha sfiorato il vantaggio dapprima con Pozzar e poi ha subito il gol. Subito dopo due concrete occasioni per pareggiare, prima con Dean Christian che da posizione favorevole calcia di poco alto e poi una punizione di Pozzar che viene deviata in angolo dall’estremo difensore avversario.
Nella ripresa, mentre continua a piovere, le due squadre giocando un buon calcio si propongono in avanti con azioni che si riversano da un area all’altra.
Sono ancora gli avversari ad andare a segno raddoppiando con il loro centravanti.
A questo il mister Del Piccolo fa entrare Marega per Lepre e al posto Scaramazza Lorenzo, Milocco ed è proprio quest ultimo a mettere a centro area un pallone su cui entra in scivolata Pozzar, che insacca. 2 a 1. A questo punto l’Aquileia crede nel pareggio e continua a giocare, ma da una punizione dal limite concessa per un fallo ingenuo gli avversari al loro terzo tiro nello specchio della porta realizzano il loro terzo gol. Si prende atto della vittoria, rimane il rammarico di non aver potuto giocare con tutti gli effettivi in campo e per le numerose occasioni non andate a buon fine, forse ora siamo in credito con la fortuna!

AQUILEIA 0 – S.P.A.L. CORDOVADO 1. Due vittorie consecutive e due sconfitte consecutive. Questo è stato l’inizio campionato per l’Aquileia di Mister Del Piccolo. Sul comunale di Aquileia le due squadre scendono al completo entrambe determinate a vincere l’incontro.
La SPAL Cordovado parte subito forte pressando a tutto campo e al quindicesimo va in vantaggio, l’Aquileia perde palla a centrocampo e gli avversari sono lesti a ripartire con un lancio sulla sinistra verso l’accorrente ala che insacca alle spalle dell’incolpevole Galiussi.
L’Aquileia reagisce ma riesce ad imporre il suo gioco solo a sprazi; dapprima costringendo gli avversari ad un salvataggio in estremis su cross di Visentin, poi tocca a Pozzar che su azione personale colpisce la traversa piena ed infine Visentin a porta vuota calcia fuori da pochi passi.
Nella ripresa l’Aquileia non riesce a dare una svolta all’incontro continuando a subire gli avversari soprattutto a centrocampo dove l’assenza dell’infortunato Segato e la non perfetta condizione fisica di alcuni elementi ha dato la possibilità al Cordovado di bloccare li le iniziative aquileiesi, anche se in questa frazione di gioco è Visentin che spreca una limpida occasione da Gol.
Tutto sommato l’Aquileia meritava il pari se non altro per il numero di occasioni avute, e non andate a buon fine: un po’ per demerito degli attaccanti e un po’ per sfortuna. In ogni caso è stata una sconfitta diversa da quella subita a Lignano, perché la squadra ha dato segni di reattività che fanno ben sperare. Buona la prossima.
 STATISTICHE 2009-2010

D

 
FOGAR MATTIA
 
 alt
CLASSE 1992
   
RUOLO ATTACCANTE
   
NUMERO  
 



 
PICCO ALAN
 
 alt
CLASSE 1979
   
RUOLO ATTACCANTE
   
NUMERO  
 



 
ULIANI ANDREA
 
 alt
CLASSE 1986
   
RUOLO DIFENSORE
   
NUMERO  
 



 
APUZZO PIERLAZZARO
 
 alt
CLASSE 1993
   
RUOLO DIFENSORE
   
NUMERO  
 



 
DEL PICCOLO MATTIA
 
 alt
CLASSE 1988
   
RUOLO CENTROCAMPISTA
   
NUMERO  
 



 
SCARAMUZZA LUCA
 
 alt
CLASSE 1991
   
RUOLO ATTACCANTE
   
NUMERO  
 



 
MILOCCO ALESSIO
 
 alt
CLASSE 1991
   
RUOLO ATTACCANTE
   
NUMERO  
 


 


CHIONS 2 – AQUILEIA 1. Che era una trasferta  difficile per l’Aquileia, di questi tempi, lo si immaginava, però noi ci abbiamo messo del nostro per aiutare gli avversari a vincere. Dopo un bon primo tempo in cui l’Aquileia ha rischiato anche di andare in vantaggio, si è giocato un secondo tempo più contratto e con meno attenzione, soprattutto su quei palloni calciati a caso e che sembrano innocui e facile preda per la difesa ed il portiere,  si trasformano in pericolose occasioni per nostre disattenzioni.
I nostri avversari hanno puntualmente sfruttato le due occasioni che noi abbiamo concesso ed hanno costruito il loro due a zero, proprio mentre l’Aquileia stava effettuando le proprie sostituzioni nel tentativo di raddrizzare il risultato.
Rimane una prova positiva dei giovani Michelin, e dei rientranti Apuzzo e Mirkovic autore del gol dell’Aquileia.
 

AQUILEIA 2 – PALMANOVA 1. Il ritorno alla vittoria, sofferta ma ottenuta con grande spirito di volontà e grinta. In formazione di emergenza causa infortuni e squalifiche i ragazzi di Del Piccolo hanno saputo fronteggiare un avversario forte ed equilibrato in ogni reparto formato da ragazzi molto giovani e veloci che hanno corso per tutti i novanta minuti. A centrocampo l’Aquileia, con Iacumin ha fatto girare bene la palla e non a caso il la alle due azioni del gol sono partite dai suoi piedi.
In difesa, reparto interamente rivoluzionato a causa delle assenze, Galiussi è stato autore di un pregevole intervento nel primo tempo negando loro, il vantaggio.
I gol sono venuti grazie a delle giocate provenienti dalle fasce laterali dove prima Pozzar e poi Segato si sono puntualmente proiettati in area di rigore siglando rispettivamente prima il vantaggio e poi il raddoppio.
Nella ripresa il Palmanova insiste e al decimo sigla la rete del due a uno, su azione personale del proprio attaccante che supera Moos e trafigge l’incolpevole portiere Aquileiese.
A questo punto per i ragazzi di Del Piccolo la situazione psicologica si fa pesante alla luce delle ultime gare, ma i ragazzi hanno trovato unità e volontà di reazione, guidati in campo dal Capitano pressavano alto evitando di concedere gioco agli avversari. I frutti di questo lavoro hanno permesso all’Aquileia di mantenersi nella metà campo avversaria evitando rischi inutili, anzi le azioni più pericolose sono a favore dell’Aquileia grazie anche al vantaggio dell’uomo in più, giunto alla mezzora della ripresa per l’espulsione del loro centrocampista per somma di ammonizioni.
Buona partita del collettivo, il gioco non brillante ma efficace, qualche pallone in più del solito in tribuna ma il risultato era troppo importante.

AQUILEIA 1 – PERTEGADA 2. Al novantatreesimo l’Aquileia perde questa partita che a cinque incontri dalla fine del campionato la inguaia in modo serio nella lotta per essere esclusa dai Play aut.
Rimangono tre partite esterne e due in casa e un pareggio ai ragazzi del Mister Del Piccolo  calzava bene perché alla ripresa del campionato la squadra si ripresenta con tutti gli effettivi e si poteva schierare gli uomini più in forma.
Nel complesso la squadra priva di alcuni elementi importanti in difesa, a centrocampo e in attacco si è mossa bene, la prestazione del collettivo è stata più che buona, ma alcuni uomini in questo momento non stanno attraversando una condizione di forma insufficiente e pertanto si esce sconfitti dal campo, perché questo campionato e questo girone in particolare non perdona. Nessuno e nessuno regala niente e niente lascia di intentato; tant’è vero che il Pertegada, che poteva accontentarsi anche del pareggio ha costantemente cercato la vittoria attaccando sino all’ultimo secondo.
Ora per evitare gli scontri diretti dei play aut, è necessario ritrovare la forma del periodo prenatalizio ed affrontare partita per partita in maniera concreta puntando dritto per dritto al risultato che comunque rimane a portata di mano. Forza azzurri dall’inizio è stato sempre ribadito che l’obbiettivo è la salvezza. Forza!!

 

AQUILEIA 0 – LIGNANO 1. Esce sconfitta dal Scaramuzza l'Aquileia, pur giocando un onesta partita ma niente di più, sei i punti che lasciamo a questa squadra.
Il Lignano dal canto suo ha vinto meritatamente giocando a viso aperto e con azioni d'attacco veloci. Un primo tempo che scorre via con sprazi di buon gioco che però frutta a entrambe le squadre solo dei tiri a lato e alcuni calci d'angolo.

Nel secondo tempo il copione si ripete solo che al quinto sono i lignanesi a siglare il gol partita, su un lungo traversone esce Galiussi smanaccia il pallone addosso ad un avversario che rimetteva a centro area dove l'undici avversario interveniva ed insaccava a porta libera.

Sussulto d'orgoglio per i ragazzi di Del Piccolo, che nel giro di dieci minuti si procurano tre nitide occasioni da gol fallite di poco per la bravura dell'estremo difensore avversario e per imprecisione nelle conclusioni finali. Considerato che il pareggio non arrivava il mister provava nel finale a schierare una difesa a tre ricorrendo a tutte e tre le sostituzioni ma il copione della partita non cambiava.

L'Aquileia, stenta a ritrovare continuità nel proprio gioco, quella che nel girone di andata le consentiva di mantenere possesso palla per poi esprimersi con rapide verticalizzazioni in attacco che permettevano ad attaccanti e centrocampisti di inserirsi ed andare al tiro

Non è certo questa sconfitta a demoralizzare gli animi serve mantenere unite le fila ritrovare armonia e procedere seriamente nel lavoro per continuare a giocare divertendosi e facendo divertire come nel girone di andata.

Alè forza azzurri!!!

A
AQUILEIA 0 – CORDENONS 0. Penultima di campionato, ultima partita casalinga per l’Aquileia che punta ad un successo per evitare con una giornata di anticipo i play out. Cordenons che si trova nella stessa posizione, in alta classifica però e punta alla vittoria per confermare il terzo posto in graduatoria.
Ne esce una partita grintosa dove gli avversari sembrano più determinati e a centrocampo, almeno nel primo tempo, gestiscono meglio la palla, ma senza concretizzare in zona gol. L’Aquileia dal canto suo è costretta a difendersi per evitare la capitolazione e i ragazzi di Del Piccolo sono bravi a gestire con concretezza la fase difensiva.
Alla fine del primo tempo tre conclusioni verso le porte una da parte dell’Aquileia e due da parte del Cordenons.
Nella ripresa l’Aquileia osa di più e lo spettacolo ne guadagna, ma le conclusioni a rete stentano ad arrivare e il risultato corretto maturato a fine gara accontenta entrambe le società che rimettono i propri obbiettivi nelle sorti dell’ultima di campionato.

SPAL CORDOVADO 2 - AQUILEIA 0. Seconda sconfitta consecutiva per l’Aquileia che di conseguenza precipita in classifica e viene superata da ben quattro squadre, mentre sotto ne rimangono ancora nove
Nel primo tempo la squadra di Del Piccolo ha retto bene il confronto con i più quotati avversari del Cordovado, giocando un buon calcio anche se le conclusioni verso la porta avversaria non hanno mai impensierito seriamente l’estremo difensore. Dal canto sul il Cordovado ha costruito tre palle gol ma le rispettive conclusioni sono terminate con il pallone che usciva di poco dallo specchio della porta.
Nel secondo tempo la partita ha subito una svolta grazie a tre episodi sfavorevoli all’Aquileia.
Dapprima l’infortunio accorso al centrale di centrocampo Sgubin che costringeva il mister ad una sostituzione che cambiava impostazione alla formazione, mentre la squadra stava giocando bene; il secondo episodio, dettato da una situazione di gioco, in cui l’arbitro con generosità concede un rigore agli avversari che sbloccano il risultato portandosi in vantaggio; nel terzo episodio è protagonista il portiere aquileiese che non riesce a trattenere una facile palla proveniente da un cross concedendo al centravanti avversario un facile battuta a rete con porta sguarnita.
Peccato anche perché la squadra stava ritrovando gioco e morale dopo un buon primo tempo, anche se priva di alcuni calciatori importanti.


GONARS 1 AQUILEIA 0. Per essere sicuri della salvezza matematica, indipendentemente dagli altri risultati l’Aquileia doveva vincere, altyrttando doveva fare il Gonars per non rimanere appeso al risultato del Palmanova. Ne è uscita una brutta partita, dove padroni di casa ed avversari si affidavano a lanci lunghi e traversoni in area e non ad azioni manovrate.
E’ andata peggio all’Aquuleia, d'altronde questo tipo di gioco non lo ha mai attuato nemmeno nel periodo più negativo della stagione, quando i risultati non venivano.
E’ stata questa, forse, la causa della sconfitta il non aver giocato con azioni manovrate adatte ad aggirare le difese avversarie per poi colpire. Certo abbiamo pagato assenze importanti in difesa e centrocampo, ma possiamo ancora dimostrare di essere superiori al Gonars e di salvarci proprio a loro discapito. FORZA AZZURRI QUESTA VOLTA L’OBBIETTIVO MON SI PUO’ FALLIRE.

AQUILEIA 1 - MARANESE 2. Al comunale Ermes Scaramazza di Aquileia abbiamo assistito ad una piacevole partita, degna di un derby della Bassa.
Si sono affrontate due squadre ad armi pari, ed ha avuto la meglio la Maranese grazie ad almeno quatto interventi strepitosi del proprio portiere, capitolato solo su rigore.
Il primo tempo ben giocato da entrambe le formazioni, ma che si conclude con la squadra lagunare in vantaggio per uno a zero grazie ad un goal realizzato su un maldestro rinvio del centrale Uliani dell’Aquileia, che svirgolava il pallone, il quale girando come una trottola si dirigeva verso la porta dove Galiussi non riusciva a trattenerlo consentendo così all’attacante avversario di intervenire sotto porta e ribadire a rete. Uno a zero.
L’Aquileia ha reagito; la più ghiotta delle occasioni è capitata a capitan Iacumin che di testa deviava a colpo sicuro ma l’estremo difensore avversario si superava e di tuffo deviava in corner.
Nella ripresa il pallino del gioco è costantemente rimasto tra i piedi dei calciatori aquileiesi, i quali però capitolavano in occasione del primo ed unico contropiede avversario subendo il due a zero.
Per merito dell’Aquileia la partita rimane ancora viva, perché i ragazzi di Del Piccolo riescono subito ad accorciare le distanze, grazie ad un rigore giustamente concesso per fallo di mano in area ai danni di un Iacunmin, che sulla sinistra del fronte di attacco ha creato parecchi fastidi ai difensori avversari. Batte Sgubin ed è due a uno.
L’Aquileia continua ad attaccare procurandosi le occasioni migliori  ma oggi contro il portiere avversario non c’è stato nulla da fare.
Sicuramente l’Aquileia ha ritrovato gioco e vivacità d’animo reagendo ad un risultato che l’ha vista soccombere, tra le note negative due infortuni accorsi rispettivamente a Visintin e al giovane Mirkovic, auguriamo ed auguriamoci in un pronto rientro tra i ranghi.
Forza azzurri…

TORRE 2 - AQUILEIA 1. Il risultato finale non rispecchia l’andamento dell’incontro. Il Torre meritevole per impegno, concentrazione e voglia di fare risultato si è impegnato sul campo e ha sfruttato al 100% le occasioni avute, mentre l’Aquileia che ha tenuto il campo per novanta minuti ha sfruttato solo una occasione, procurandosi almeno altre quattro nitide palle gol.
Ad inizio gara dopo dieci minuti gli avversari vanno subito in gol, il centravanti sfruttando un cross da destra raccoglieva la palla sulla sinistra aveva il tempo di stopparla e battere di forza a rete da distanza ravvicinata. Il tiro potente si insaccava.
L’Aquileia quindi prova a pareggiare le sorti dell’incontro e alla fine del primo tempo trova il gol. Sulla destra si liberava Dean Cristian che calciava di potenza a botta sicura, il pallone superava il portiere ma un avversario, che si trovava sulla traiettoria della palla impediva alla stessa di entrare facendo uso delle mani, rigore ed espulsione.
Tiro e gol di Sguba.
Forse tutti negli spogliatoi, erano convinti e a dire il vero anche noi del pubblico per quello che si era visto in campo, di portare a casa un risultato positivo, ma non è stato così perché alla prima azione del secondo tempo, lunga fuga sulla sinistra da parte dell’ala avversaria, tiro dal limite dell’area di rigore indirizzato sull’angolo alla destra del portiere il quale non trattiene il pallone che carambola e finisce sulla testa del centravanti avversario, meritevole di aver seguito l’azione, che insacca. Due a uno per il Torre.
Il resto è un monologo dell’Aquileia che costringe gli avversari nella loro metà campo ed anche usufruendo di tutte le sostituzioni non riusciva a sbrogliare la situazione.
Oggi per l’Aquileia esordiva il giovane portiere Savic, che indubbiamente ha pagato lo scotto dell’esordio, ma ha dimostrato coraggio nelle uscite, non sempre riuscite alla meglio, ma pur determinanti.
Per uscire da questo momentaccio, serve aiutarsi e incoraggiarsi a vicenda chi gioca e chi non gioca devono coalizzare per far ritrovare alla squadra concentrazione e voglia di fare che quest’oggi sembra siano state le armi vincenti degli avversari.
Forza azzurri.

 

AQUILEIA 2 – PRATA 3. Quinta sconfitta consecutiva per l'Aquiliea e anche per chi scrive è difficile commentare la gara odierna, ma anche la precedente e quelle prima ancora, perchè non si riesce a capire quale meccanismo va aggiustato in questa squadra, che nel girone d'andata bene si era comportata.

Due a zero per l'Aquileia sino al quindicesimo del secondo tempo e poi qualcosa si è rotto. Gli avversari nel giro di dieci minuti hanno accorciato le distanze, e poi pareggiato e a tempo scaduto hanno cercato e trovato un rigore che ha dato loro la vittoria.

Quel che è vero è che le partite sono dettate da episodi, episodi che costantemente, in queste ultime partite, sono sfavorevoli a questa squadra che per segnare un gol deve costruire almeno cinque palle gol.

Gli episodi rimangono tali se a seguito non si riesce a sfruttarli a proprio favore, in tutte le fasi del gioco, difesa e offesa, e poi gli episodi vanno cercati e costruiti.

Noi del pubblico, se la palla la lanciavi qua invece che la e se segnavi il gol... tutto facile da scrivere ecco perchè diventa difficile interpretare correttamente la gara.

Comunque si tratta di blocco psicologico, perchè in questo scontro salvezza serviva qualche pala di più in tribuna; qualche marcatura più energica a centrocampo; non serviva farsi espellere per un fallo subito ed assegnato ed è da questo tipo di atteggiamento che si assume in campo che si originano gli episodi, e se l'incontro viene affrontato con il piglio giusto gli episodi si manifestano a favore.

AQUILEIA 4 – CJARLINS MUZANE 1. Per l’Aquileia era importantissima la vittoria per poter continuare a sperare di evitare la sfida play aut. Sin dall’inizio della gara si è visto che la squadra allenata da Del Piccolo, nonostante le assenze importanti in difesa di Ulani, non ancora ristabilito completamente dall’infortunio subito e a centrocampo da capitan Iacumin che nelle ultime gare era apparso come uno dei più in forma, ha dimostrato determinazione e voglia di fare.
Al ventesimo del primo tempo l’Aquileia passa, grazie ad una delle più classiche autoreti: fuga sulla sinistra di Visentin, giunto sul fondo, dal limite dell’area mette palla rasoterra al centro per l’accorrente Pozzar che viene anticipato dal difensore centrale avversario che insacca nella propria porta. A questo punto e per un quarto d’ora l’Aquileia è costretta solo a difendersi, dapprima con una grande parata dell’estremo difensore che oggi era Di Giusto, che toglie letteralmente la palla indirizzata all’incrocio dei pali dopo una bella incornata da parte degli attaccanti avversari e poi nel successivo calcio d’angolo per due volte consecutive Giunta salvava sulla linea respingendo il pallone.
Ed è proprio nel momento di reazione più insistente degli avversari, che il mister Del Piccolo sostituiva il giovane e esile Michelin con il giovane Mirkovic più presente fisicamente. Quest’ultimo a dieci dal termine del primo tempo riesce a partire da lontano, raccogliere un suggerimento partito da un rinvio della difesa, anticipare il centrale avversario e a presentarsi solo davanti al portiere siglando la seconda rete per l’Aquileia.
Nel secondo tempo gli avversari costringono ancora l’Aquileia sulla difensiva, la quale però colpiva sempre in modo pericoloso in contropiede. Dapprima al ventesimo quando Segato da fuori colpiva al volo una palla servita da Pozzar la quale si insaccava rasoterra nell’angolo opposto a quello di tiro e cinque minuti dopo è lo stesso Pozzar che da solo rubava palla a centrocampo e dopo una serie di dribbling da trenta metri scagliava una bordata che prima batte terra e poi si insacca per il quattro a zero. D’ora in avanti gli avversari hanno cercato con insistenza il gol della bandiera che viene realizzato a cinque minuti dalla fine e l’Aquileia che si limitava a controllare le offensive nemiche cercando di far trascorrere il tempo.
Bene è una vittoria che fa morale e prepara le menti alla trasferta di domenica in quel di Vigonovo

 
VIGONOVO RANZANO 0  AQUILEIA 1. Tutti presenti al comunale di Vigonovo, calciatori quelli che giocavano e quelli destinati alla tribuna per infortunio o squalifica assieme a tutto lo staff dirigenziale, per assistere la squadra.
Partenza vibrante del Vigonovo che praticamente costringe l’Aquileia a difendersi, e l’Aquileia lo fa con ordine e grinta e quando ciò non è bastato la fortuna ci ha dato una mano.
Nel primo quarto d’ora  il Vigonovo sfiora per due volte la rete ma le conclusioni degli attaccanti pordenonesi finiscono fuori.
Poi, dopo la sfuriata iniziale avversaria l’Aquileia riesce a controllare meglio la palla e l’avversario senza concedere molto, anzi riesce ad andare vicino alla segnatura grazie ad un contropiede portato avanti da Pozzar sulla sinistra che scodella un pallone che Visintin non riesce a deviare di testa a portiere battuto.
Nella ripresa gli avversari appaiono ancora più determinati alla ricerca del risultato pieno rischiando qualcosina in più in difesa. L’Aquileia al primo della ripresa è costretta a sostituire Dean Raffaele, che si è infortunato alla fine del primo tempo con Dean Christian, mentre al decimo della ripresa il mister Del Piccolo sostituisce il giovane Michelin con Mirkovic con l’incarico di difendere e far ripartire  Pozzar che stazionava sull’ultimo uomo della difesa avversaria. Mentre alcuni minuti dopo si infortunava ed era costretto ad uscire anche Uliani, sostituito dal Del Piccolo.
Dopo queste sostituizioni la squadra cambiava volto ed in difesa come centrali si presentavano Quargnali e Sgubin, terzino sinistro Christian Dean a centrocampo Del Piccolo e Mirkovic.
Gli avversari comunque hanno provato con i cross, con i tiri da fuori, con i lanci lunghi approfittando anche del vento a favore ma non hanno mai impensierito seriamente l’estremo difensore Di Giusto.
L’Aquielia, ripartiva in contropiede ed è Pozzar che dal limite dell’area provava per aggiustare la mira il primo tiro è uscito di poco sopra la traversa, il secondo meglio dimenticare, ma all’ottantesimo, di sinistro calciava di precisione e potenza ed il pallone si insaccava a mezza altezza alla destra del portiere. GOL 1 a zero per noi.
A questo punto il mister del Vigonovo rinforzava l’attacco, ma oggi contro questi ragazzi non c’è nera per nessuno tutti i palloni venivano respinti rigiocati o spediti in mezzo ai campi di grano che circondavano il rettangolo di gioco e le occasioni non venivano.
Bravi ragazzi, è stata una partita in cui tutti avete dato di più, giocata con intensità e determinazione oggi non abbiamo ancora raggiunto niente ma se si continua con questo piglio sicuramente il risultato finale ci darà ragione.
 
FORZA AQUILEIA!

 
PULCINI AQUILEIA A 2009-2010
 
 alt
 
NOME COGNOME RUOLO
SIMONE MENON  
MARCO COLLA  
 STEFANO MIAN  
 GABRIELE ZERBIN  
 MANOHER NOSELLA  
 MARCO VERZEGNASSI  
 RICCARDO CANTARUTTI  
 FILIPPO CANTARUTTI  
 SIMONE ELLERO  
 MATTIA ZOMERO  
RICCARDO DAL BEN   
   
MARCO NOCENT MISTER 
 GIANNI MIAN DIRIGENTE 
GIANLUCA ZOMERO DIRIGENTE 
   
   
   
   
   
   
   
 




CALENDARIO PRIMAVERILE 2009-2010
GIORNATA DATA PARTITA RISULTATO
1 27.03.2010
ore 15:00
SAN VITO B - AQUILEIA A 1-2; 0-0; 2-1
2 - 2
2 10.04.2010
ore 15:00
TERZO A - AQUILEIA A  3-1; 1-3; 3-0; 2-1
3 - 1
3 17.04.2010
ore 15:00
AQUILEIA A - FIUMICELLO B  
4 24.04.2010
ore 16:00
CERVIGNAO B - AQUILEIA  A  
5 01.05.2010
ore 15:00
AQUILEIA A - SAN VITO C  
6 08.05.2010
ore 15:00
AQUILEIA A - TORVISCOSA B  
7 15.05.2010 AQUILEIA A RIPOSA  
8      
9      
10      
11      
12      
13      
14      
15      
16      
17      
18      




Campi di gioco
SAN VITO B: campo Tapogliano
SAN VITO C: campo Tapogliano






 
NEWS 2009-2010

 
PULCINI AQUILEIA B 2009-2010
 
 alt
 
NOME COGNOME RUOLO
ISAAC PARMEGGIANI  
 JOSHUA GOBBO  
GIACOMO GIRARDI   
DANIELE BASS  
GIANLUCA COLAUTTI   
 DANIELE FOGAR  
 RAFFAELE PUNTIN  
 JACOPO OLIVO  
 LUCA MARCATO  
 LORENZO LUNARDI  
 FEDERICO PROTA  
 JANGABRIEL FERRARA  
FILIPPO CANTARUTTI  
   
ALESSANDRO DI JUST MISTER 
SILVANO BASS  DIRIGENTE 
MICHELA MACOR  DIRIGENTE 
   

 
   
   
   
 




CALENDARIO PRIMAVERILE 2009-2010
GIORNATA DATA PARTITA RISULTATO
1 13.03.2010
ORE 14:45
AQUILEIA B - CERVIGNANO C  0-0  2-0  1-1
3 - 2
2 20.03.2010
ORE 15:00
FIUMICELLO C - AQUILEIA B  2-1; 0-4; 2-2
2 - 2
3 27.03.2010
ORE 15:00
AQUILEIA B - PALMANOVA B 2-2; 5-0; 3-2
3 - 1 
4 10.04.2010
ORE 14:45
AQUILEIA B - MARANESE B  
5 17.04.2010
ORE 15:00
SANGIORGINA D - AQUILEIA B  
6 24.04.2010
ORE 14:45
AQUILEIA B - VILLA B  
7 01.05.2010
ORE 15:00
TRIVIGNANO B - AQUILEIA B  
8  08.05.2010
ORE 15:00
SAN VITO D - AQUILEIA B  
9 15.05.2010
ORE 15:00
AQUILEIA B - TORVISCOSA C  
10      
11      
12      
13      
14      
15      
16      
17      
18      




Campi di gioco





 

 
PULCINI TERZO A 2009-2010
 
 

 alt
 
NOME COGNOME RUOLO

 
ALESSIO CERLENCO
LORENZO FURLAN
FRANCESCO MARIUZZI
MANUEL PELOS
SAMUEL MUSURUANA
PATRICK BARONE
FILIPPO BUIATTI
FILIPPO CRESPI
ANDREA MARCHESAN
ALESSANDRO MUSIAN
RICCARDO NOCENT
GIORGIA TIBERIO
MATTIA ZAMPAR
SAMUELE DIMARCO
CHRISTIAN KHABTHANI

     EMANUELE PORTELLI 
GIANNI MARIUZZI
   GIANNI ZAMPAR   
EROS PELOS  
















MISTER
DIRIGENTE
DIRIGENTE
ACCOMPAGNATORE
 
   

 
   
   
   
   
   
   
   
   

 
   

 
   
   
   

 
   
   
   
 




CALENDARIO PRIMAVERILE 2009-2010
GIORNATA DATA PARTITA RISULTATO
1 27.3.2010 TERZO A - CERVIGNANO B  
2 10.4.2010 TERZO A - AQUILEIA A  
3 17.4.2010 SAN VITO  B – TERZO A  
4 24.4.2010  SAN VITO B- TERZO A  
5 1.5.2010 TORVISCOSA B  – TERZO A  
6 8.5.2010                    TERZO A – GONARS B  da concordare data  
7  15.5.2010 FIUMICELLO B  – TERZO A  
8 seguiranno tornei     
9      
10      
11      
12      
13      
14      
15      
16      
17      
18      



Campi di gioco
SANGIORGINA B: campo sintetico Collavin
SAN VITO C: campo di SAN VITO
SEVEGLIANO A: campo di PRIVANO
GONARS B: campo di GONARS



 
NEWS
2009-2010

 
PULCINI TERZO B 2009-2010
 
 alt
 
NOME COGNOME RUOLO
LORENZO TEGON
MATTEO SVERZUT
DORIANO ALESSIO
SOUFIANI YLIASSE
BERGANTIN FRANCESCO
GIGANTE NICOLO'
GUIOTTO VALENTINO
BUIATTI ALAN
KARDOUS KHERIM


MASSIMO DELLA NEGRA
RICHARD GUIOTTO
EDY BUIATTI
  









MISTER
DIRIGENTE
DIRIGENTE
   
   

 
   
   
   
   
   
   
   
   

 
   

 
   
   
   

 
   
   
   
 




CALENDARIO INVERNALE 2009-2010
GIORNATA DATA PARTITA RISULTATO
1 13.3.2010 TERZO B – SEVEGLIANO B  
2 20.3.2010 Riposa TERZO B  
3 27.3.2010 TERZO B – SANGIORGINA C  
4 10.4.2010 TERZO B - LATISANA C  
5 17.4.2010 LATISANA B - TERZO B  
6 24.4.2010  TERZO B- VARMO B  
7 1.5.2010 PALAZZOLO B - TERZO B  
8 8.5.2010  TERZO B- TRIVIGNANO A  
9 15.5.2010 PERTEGADA B - TERZO B  
10 seguiranno tornei     
11      
12      
13      
14      
15      
16      
17      
18      




Campi di gioco
SEVEGLIANO B: campo di PRIVANO
SAN VITO D: campo di TAPOGLIANO





 
NEWS 2009-2010